11/12/2012, 00.00
VATICANO – CINA
Invia ad un amico

P. Lombardi: Caso Ma Daqin, resta grave la situazione della Chiesa in Cina

Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede interviene dopo l’ennesimo atto di violenza contro il vescovo coadiutore di Shanghai, mons. Ma Daqin, privato della sua carica episcopale dall’illecito Consiglio dei vescovi cinesi: “La situazione dei presuli cinesi resta grave, al momento non abbiamo ancora notizie più approfondite”.

Roma (AsiaNews) - La situazione della Chiesa e dei vescovi cinese "rimane grave", anche se la Santa Sede "non dispone al momento di notizie più approfondite" sulla situazione del vescovo coadiutore di Shanghai, mons. Taddeo Ma Daqin, che secondo fonti di AsiaNews è stato privato ieri della sua carica episcopale dall'illecito Consiglio dei vescovi cinesi. Lo ha detto oggi il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

Durante la sua ordinazione episcopale (approvata dal Papa), il coraggioso vescovo della metropoli ha rifiutato l'imposizione delle mani, la comunione da parte di mons. Zhan Silu, vescovo di Mindong (Fujian) non riconosciuto dalla Santa Sede. Inoltre ha annunciato le sue dimissioni dall'Associazione patriottica: per questo è stato applaudito a lungo dai fedeli presenti. Tuttavia, subito dopo la cerimonia le autorità lo hanno di fatto costretto agli arresti domiciliari nel seminario diocesano vicino al santuario mariano di Sheshan, dove si trova ancora adesso.

Rispondendo a una domanda, padre Lombardi ha ricordato anche quanto ha scritto il cardinale Filoni in un intervento sulla rivista "Tripod" [pubblicato in italiano da AsiaNews] circa la posizione della Santa Sede riguardo la Chiesa cinese: "La situazione permane grave. Alcuni vescovi e sacerdoti sono segregati o privati della propria libertà, come recentemente è avvenuto nel caso del Vescovo Ma Daqin di Shanghai per avere dichiarato la propria volontà di dedicarsi al ministero pastorale a tempo pieno, deponendo incarichi che, fra l'altro, non sono neanche di competenza di un Pastore".

"Il controllo sulle persone e sulle istituzioni - scrive ancora il cardinale, Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei popoli - si è acuito e si ricorre sempre più facilmente a sessioni di indottrinamento e a pressioni. In mancanza di libertà religiosa o in presenza di forti limiti, non tocca a tutta la Chiesa difendere i legittimi diritti dei fedeli cinesi e primariamente alla Santa Sede di dare voce a chi non ne ha?".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai
27/06/2016 09:34
Sacerdote sotterraneo: In nome della fedeltà al papa, rifiuto l’Associazione patriottica
11/11/2016 11:03
Card. Zen: "Pronto a fare di tutto per la Cina, ma Pechino rispetti il clero ed i fedeli"
11/05/2006
Shanghai, riapre la cattedrale di sant’Ignazio. Assente mons. Ma Daqin (Video)
18/12/2017 08:58
Shanghai, ordinati quattro nuovi sacerdoti nella diocesi senza vescovo e col seminario chiuso
08/06/2017 10:22


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”