27/11/2013, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: la morte non fa paura "se si sta vicino a Gesù"

Quando si vive "come se Dio non esistesse" la fine della vita "spaventa, atterrisce", ma "la risurrezione di Gesù non dà soltanto la certezza della vita oltre la morte, ma illumina anche il mistero stesso della morte di ciascuno di noi". Una "via sicura" per stare vicino a Gesù "è recuperare il senso della carità cristiana e della condivisione fraterna".

Città del Vaticano (AsiaNews) - "Una persona tende a morire come è vissuta: Se la mia vita è stata un cammino con il Signore, di fiducia nella sua immensa misericordia, sarò preparato ad accettare il momento ultimo della mia esistenza terrena come il definitivo abbandono confidente nelle sue mani accoglienti, in attesa di contemplare faccia a faccia il suo volto". E' la visione cristiana della morte, della quale papa Francesco ha parlato oggi, affrontando il tema della "resurrezione della carne" contenuto nel Credo.

Il Papa oggi ha affrontato il primo dei due aspetti indicati dal Catechismo della Chiesa cattolica, cioè "il nostro morire e il nostro risorgere in Gesù Cristo". Ad ascoltarlo quasi 50mila persone presenti in piazza san Pietro, malgrado la giornata fredda, per la quale Francesco ha indossato una sciarpa e ha fatto i suoi "complimenti" ai presenti. "Complimenti - ha detto - perché voi siete coraggiosi, con questo freddo in piazza, tanti complimenti".

Affrontando dunque il tema "morire in Cristo", Francesco ha evidenziato che " c'è un modo sbagliato di guardare la morte. La morte ci riguarda tutti, ci interroga in modo profondo, specialmente quando ci tocca da vicino, o quando colpisce i piccoli, gli indifesi in una maniera che ci risulta 'scandalosa'. A me sempre ha colpito la domanda: perché soffrono i bambini?, perché muoiono i bambini? Se viene intesa come la fine di tutto, la morte spaventa, atterrisce, si trasforma in minaccia che infrange ogni sogno, ogni prospettiva, che spezza ogni relazione e interrompe ogni cammino. Questo capita quando consideriamo la nostra vita come un tempo rinchiuso tra due poli: la nascita e la morte; quando non crediamo in un orizzonte che va oltre quello della vita presente; quando si vive come se Dio non esistesse. Questa concezione della morte è tipica del pensiero ateo, che interpreta l'esistenza come un trovarsi casualmente nel mondo e un camminare verso il nulla. Ma esiste anche un ateismo pratico, che è un vivere solo per i propri interessi, vivere solo per le cose terrene. Se ci lasciamo prendere da questa visione sbagliata della morte, non abbiamo altra scelta che quella di occultare la morte, di negarla, o di banalizzarla, perché non ci faccia paura".

"Ma a questa falsa soluzione si ribella il cuore dell'uomo, il desiderio che tutti noi abbiamo di infinito, la nostalgia che tutti noi abbiamo dell'eterno. E allora qual è il senso cristiano della morte? Se guardiamo ai momenti più dolorosi della nostra vita, quando abbiamo perso una persona cara - i genitori, un fratello, una sorella, un coniuge, un figlio, un amico - ci accorgiamo che, anche nel dramma della perdita, anche lacerati dal distacco, sale dal cuore la convinzione che non può essere tutto finito, che il bene dato e ricevuto non è stato inutile. C'è un istinto potente dentro di noi, che ci dice che la nostra vita non finisce con la morte. E questo è vero: la nostra vita non finisce con la morte. Questa sete di vita ha trovato la sua risposta reale e affidabile nella risurrezione di Gesù Cristo. La risurrezione di Gesù non dà soltanto la certezza della vita oltre la morte, ma illumina anche il mistero stesso della morte di ciascuno di noi. Se viviamo uniti a Gesù, fedeli a Lui, saremo capaci di affrontare con speranza e serenità anche il passaggio della morte".

"E come si sta vicino a Gesù? Con la preghiera, nei Sacramenti e anche nella pratica della carità. Ricordiamo che Lui è presente nei più deboli e bisognosi. Lui stesso si è identificato con loro, nella famosa parabola del giudizio finale, quando dice: «Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi. ...Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me» (Mt 25,35-36.40). Pertanto, una via sicura è recuperare il senso della carità cristiana e della condivisione fraterna, prenderci cura delle piaghe corporali e spirituali del nostro prossimo".

"La solidarietà nel compatire il dolore e infondere speranza - ha sottolineato - è premessa e condizione per ricevere in eredità quel Regno preparato per noi. Chi pratica la misericordia non teme la morte. Pensate bene a questo! Chi pratica la misericordia non teme la morte. Siete d'accordo? Lo diciamo insieme per non dimenticarlo: 'Chi pratica la misericordia non teme la morte!'. Un'altra volta: 'Chi pratica la misericordia non teme la morte!'. E perché non teme la morte? Perché la guarda in faccia nelle ferite dei fratelli, e la supera con l'amore di Gesù Cristo. Se apriremo la porta della nostra vita e del nostro cuore ai fratelli più piccoli, allora anche la nostra morte diventerà una porta che ci introdurrà al cielo, alla patria beata, verso cui siamo diretti, anelando di dimorare per sempre con il nostro Padre Dio, con Gesù, con la Madonna e con i santi".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il dono del Papa alle vittime dei tifoni
07/12/2004
Sotto la neve, migliaia di terremotati rischiano la morte per fame
13/01/2016
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Covid-19: dal papa 100mila euro per il Vietnam
24/08/2021 13:46
Papa: la crisi richiede solidarietà e "lo sguardo di Maria" verso chi ha più bisogno
22/09/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”