16/01/2015, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Pechino conferma: aperta un inchiesta contro lo "zar" dello spionaggio nazionale

Ma Jian, vice ministro del ministero della Sicurezza dello Stato che sovrintende alle operazioni estere e di controspionaggio, avrebbe compiuto "gravi violazioni" alla legge. Il funzionario è sospettato di corruzione, ed è l'ultimo vertice cinese in ordine di tempo a cadere nel corso della campagna "contro le tigri e le mosche" lanciata da Xi Jinping.

Pechino (AsiaNews) - La campagna "contro le tigri e le mosche" della corruzione nel Partito e nel governo cinese miete una vittima eccellente: Ma Jian, potentissimo capo dei servizi segreti e "zar" dell'intelligence nazionale. Pechino ha confermato questa mattina le indiscrezioni della stampa di Hong Kong, secondo cui già da tempo l'uomo era nel mirino dei funzionari dell'anti-corruzione. Egli è sospettato di "gravi violazioni" alla legge.

Pur non avendo un grado elevato - fino a oggi era infatti sulla carta vice ministro del ministero della Sicurezza dello Stato, che sovrintende alle operazioni estere e di controspionaggio - l'uomo è considerato da almeno cinque anni il capo supremo delle spie cinesi. Le accuse penali contro la sua persona, dicono analisti ed esperti, arriveranno soltanto in un secondo momento: tuttavia, la conferma dell'inchiesta rende inevitabili cose come l'espulsione dal Partito.

Il suo è l'ultimo di una serie di arresti eccellenti compiuti contro vertici politici ed economici di tutto il Paese. Per ironia della sorte, sarebbe stato proprio Ma a trovare le prove principali che hanno portato all'incriminazione e alla condanna di Bo Xilai, ex potentissimo leader di Chongqing e primo funzionario di alto livello a cadere nel corso della campagna.

La mobilitazione "contro le tigri e le mosche", cioè contro ogni livello di funzionario statale e partitico, è stata lanciata nel 2012 dal presidente Xi Jinping, che ha definito la corruzione "una minaccia per la sopravvivenza del Partito e quindi dello Stato cinese". Negli ultimi mesi sono stati allontanati e poi incriminati diversi funzionari: il più alto in grado è Zhou Yongkang, ex "zar della sicurezza nazionale" e membro emerito del Politburo.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina, al via i processi contro la cerchia ristretta di Zhou Yongkang
15/07/2014
Espulso Lu Wei, un altro boss del Partito. Strapiene le prigioni dei Vip corrotti
14/02/2018 10:56
Xi Jinping riforma l’esercito per controllarlo di più. Il Politburo deve essere “in accordo con il centro del Partito”
02/01/2016
Cina, ai margini dell'Anp si stringe la rete contro Zhou Yongkang
03/03/2014
Zhou Yongkang e Jiang Jiemin: una nuova faida scuote il Partito
02/09/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”