25/07/2008, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Proibito agli straneri assistere alle proteste pubbliche a Pechino

Per essere autorizzati a tenere “proteste pubbliche” ci sono regole tanto strette da renderle di fatto impossibili. Intanto non migliora la qualità dell’aria e si annuncia un blocco totale del traffico.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – A stranieri e cinesi non residenti è “proibito” partecipare o assistere alle proteste, seppure autorizzate, di chi risiede a Pechino. Intanto peggiora la qualità dell’aria e si parla di un bando totale delle auto private.

Ieri Liu Shaowu, responsabile della sicurezza del Comitato organizzatore delle Olimpiadi, ha annunciato che nel periodo olimpico saranno permesse le proteste pubbliche, seppure confinate in tre parchi della città non prossimi ai siti olimpici. Ma Liu Jianchao, portavoce del ministro degli Esteri, ha spiegato che “sarà applicata la legge nazionale su assemblee, processioni e dimostrazioni”. Norma che prevede una richiesta scritta, almeno 5 giorni prima della manifestazione, che indichi l’organizzatore, l’argomento, il tipo di slogan e manifesti utilizzati, il percorso e gli orari, persino il numero dei megafoni. La polizia può poi rinviare l’evento fino a 5 giorni o non ammetterlo, per usuali ragioni di ordine pubblico e sicurezza. Soprattutto, ai cinesi non residenti a Pechino è proibito partecipare, mentre gli stranieri debbono chiederne autorizzazione alla polizia. Infine la polizia può incarcerare i dimostranti fino a 15 giorni se usano manifesti o slogan diversi o cambiano qualsiasi elemento.

Pechino si richiama alla sezione 51 della carta del Comitato olimpico internazionale che vieta dimostrazioni di “propaganda politica, religiosa o razziale” nei luoghi olimpici. Ma nei precedenti Giochi le manifestazioni pubbliche sono sempre state consentite,.

Intanto il blocco della metà delle auto private, in atto da 6 giorni, non ha migliorato l’aria di Pechino, che ieri ha registrato un indice complessivo di inquinamento di 113, maggiore dei giorni scorsi e tale da nuocere a chi ha problemi respiratori e da cagionare a tutti difficoltà a respirare. La visibilità era inferiore a 200 metri (nella foto). Le autorità dicono che è colpa del tempo e annunciano un possibile blocco quasi totale del traffico privato, con la circolazione delle auto solo ogni 10 giorni in base all’ultima cifra della targa.

Alle Olimpiadi non prenderanno parte i 7 atleti della squadra dell’Iraq. A maggio il governo iracheno ha destituito il Comitato olimpico nazionale (per “corruzione” e per vari “abusi”), poi sostituendolo con un Comitato ad interim controllato dal governo. Iniziativa censurata dal Cio, che il 23 luglio ha comunicato l’esclusione del Paese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino teme più lo smog che le critiche sui diritti umani
09/08/2007
Due reporter giapponesi arrestati e percossi: “indagavano” sull’attentato nello Xinjiang
05/08/2008
Il Comitato Olimpico internazionale si scusa: abbiamo “ingannato” la stampa
30/07/2008
Aperto il villaggio olimpico, con sale da tè e internet café con censura
28/07/2008
Olimpiadi meno dieci: esplodono sempre più spesso proteste violente
29/07/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”