03/03/2010, 00.00
HONG KONG
Invia ad un amico

Pubblicità del card. Zen sui giornali: Votate per la giustizia e la democrazia

di Annie Lam
Il vescovo emerito di Hong Kong appare in una grande foto in clergy e con un messaggio firmato per spingere alla partecipazione delle elezioni che sono state trasformate in un “referendum per la democrazia”. L’ira di Pechino.
Hong Kong (AsiaNews) – Il card. Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong è apparso oggi in una pubblicità a tutta pagine su alcuni giornali in cinesi del territorio, spingendo la popolazione di Hong Kong ad andare a votare il prossimo 16 maggio come un atto di “giustizia sociale” e per il suffragio universale.
 
L’annuncio pubblicitario porta una sua foto, in clergy, e la sua firma. Il testo spiega che anche se ad uno può non piacere qualche parlamentare ritiratosi, occorre sostenerli perché “tu voti per un vero suffragio universale”.
 
Lo scorso gennaio, cinque parlamentari del campo democratico, hanno rassegnato le dimissioni dal Legco (il parlamento di Hong Kong) per costringere il governo a lanciare elezioni parziali per la loro sostituzione. I democratici chiedono di votare e sostenere i loro candidati per dimostrare al governo che la popolazione di Hong Kong esige il suffragio universale, trasformando queste elezioni in una specie di “referendum per la democrazia” e per l’eliminazione dei rappresentanti delle corporazioni (functional constituencies) dal parlamento.
 
Nel parlamento del territorio, solo metà dei 60 seggi sono eletti in via diretta; gli altri sono eletti dalle corporazioni o sono scelti dal governo. La Gran Bretagna non ha mai concesso la piena democrazia, e lo stesso ha fatto Pechino, avocando a sé ogni possibile riforma politica ad Hong Kong.
 
Il governo di Hong Kong ha stabilito la data del 16 maggio per eleggere i sostituti dei cinque seggi vacanti.
 
Parlando con AsiaNews, il cardinale ha spiegato che con la sua pubblicità egli vuole ribattere l’importanza di votare per il suffragio universale e spera che la campagna possa motivare ancora più gente a partecipare alle elezioni - referendum
 
Il porporato ha aggiunto che in quei giorni egli sarà a Roma, ma ha programmato di ritornare in tempo per votare il 16 maggio. “È una campagna per tutti coloro che sono residenti per muovere [il territorio] verso il suffragio universale”, ha detto.
 
Lina Chan, segretario esecutivo di Giustizia e Pace della diocesi, apprezza l’idea della pubblicità sui giornali: “È un modo per mostrare in pubblico il sostegno verso la democrazia”.
 
Alcuni leader civici, che non sostengono il “quasi-referendum” hanno anch’essi pubblicato annunci a tutta pagina sui giornali locali chiedendo il boicottaggio delle elezioni.
 
Il dibattito sul “quasi-referendum” irritato Pechino che continua ad affermare che lo strumento del referendum non è previsto nella Basic law (la mini-costituzione di Hong Kong).
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hong Kong, 47 attivisti democratici incriminati e incarcerati per ‘sovversione'
01/03/2021 12:48
Hong Kong: bassa affluenza, ma grande entusiasmo per il "referendum" della democrazia
17/05/2010
Mons. John Tong scrive al governo di Hong Kong sul diritto di residenza
05/11/2009
Al vescovo coadiutore di Hong Kong spiace l’intervento di Pechino sulla Basic Law
15/11/2016 16:29
Hong Kong, fine processo preliminare: rinviato a giudizio il card. Zen
27/09/2022 14:19


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”