01/09/2018, 09.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Scandalo abusi, il ‘dolore e la vergogna’ dei vescovi filippini

Il presidente della Conferenza episcopale filippina (Cbcp) richiede "risposte urgenti che ci mostrino la verità".  “Siamo una Chiesa di peccatori, chiamati alla conversione e alla santità allo stesso tempo”. Mons. Valles segue papa Francesco e invita i cattolici alla preghiera e al digiuno.

Manila (AsiaNews) – Le rivelazioni sugli scandali sessuali ed il modo in cui essi vengono affrontati dalla Chiesa “sollevano domande più dolorose che ovviamente richiedono risposte urgenti che ci mostrino la verità”. È quanto afferma mons. Romulo G. Valles, arcivescovo di Davao e presidente della Conferenza episcopale filippina (Cbcp), in un messaggio diffuso ieri.

“In questi ultimi giorni, sentiamo di nuovo, con crescente intensità, il dolore e la vergogna”, si legge nella nota. “Il dolore – sottolinea mons. Valles – è reso più forte dai presunti silenzi su questi abusi e crimini”. Senza citare nomi, il presule ricorda coloro che di recente hanno dato “maggior vigore” alla sofferenza della Chiesa e sottolinea quanto dichiarato dai vescovi filippini lo scorso luglio: “Ammettiamo umilmente di essere una Chiesa di peccatori, chiamati alla conversione e alla santità allo stesso tempo. Ci inchiniamo per la vergogna, quando sentiamo che gli abusi vengono commessi da alcuni dei nostri leader della Chiesa, specialmente quelli ordinati per ‘agire nella persona di Cristo’”.

Mons. Valles si sofferma a lungo su quanto dichiarato da papa Francesco nella sua “Lettera al popolo di Dio”, di cui cita alcuni passi. “La presente situazione dolorosa è una buona occasione per noi vescovi di rivisitare e rivedere le linee guida esistenti sulla protezione di minori e adulti vulnerabili, e con rinnovata determinazione e impegno a metterle in pratica e a non nasconderle”, sottolinea il presidente della Cbcp.

Secondo il presule, le attuali circostanze chiamano la Chiesa anche “a qualcosa d’importante: andare davanti al Signore in preghiera”. Raccogliendo l’invito del pontefice, mons. Valles conclude il suo messaggio invitando i cattolici filippini a pregare ed osservare digiuni: “Questo è qualcosa che possiamo organizzare e fare nelle nostre diocesi e parrocchie, nelle comunità religiose e nelle nostre Comunità ecclesiali di base”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I vescovi filippini: ‘Guerra a Marawi, mai più! Guerra a Marawi, non più!’
11/07/2017 12:43
La polizia filippina invita i sacerdoti nelle violente operazioni antidroga
15/03/2017 15:38
Suora indiana: Abbattere il muro del silenzio sugli abusi contro i minori
29/08/2018 12:01
India, il card. Gracias è nel comitato per la protezione dei minori nella Chiesa
26/11/2018 10:34
Bangladesh, Chiesa e laici lavorano per la protezione dei minori
20/05/2019 14:47


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”