27/05/2021, 11.26
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, Vesak in tono minore per fermare l’escalation di Covid-19

di Melani Manel Perera

Dai vertici buddisti l’invito a evitare i templi, svolgere le celebrazioni in casa e seguire le disposizioni delle autorità sanitarie. Gli auguri dell’arcivescovo di Colombo e del presidente Rajapaksa. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria si contano 172mila contagi e 1269 morti. 

Colombo (AsiaNews) - I buddisti dello Sri Lanka celebrano la due giorni di festa del Vesak, che si conclude oggi e ricorda la nascita, l’illuminazione e la morte del Buddha. Anche quest’anno, come avvenuto nel 2020, le cerimonie sono sottoposte a rigidi vincoli sanitari a causa della pandemia di Covid-19 che impone distanziamenti e divieto di assembramento per scongiurare un'ulteriore diffusione del virus. Sulla questione sono intervenuti in queste ore anche diversi monaci buddisti di primo piano che, rivolgendosi ai fedeli, hanno chiesto festeggiamenti di basso profilo. 

Il presidente Gotabaya Rajapaksa ha lanciato un appello per una celebrazione “simbolica” del Vesak, che secondo la tradizione prevede viaggi, incontri, momenti di convivialità a base di cibo, offerte, lancio di lanterne colorate. Tuttavia, a causa della crescita dei contagi le autorità chiedono di evitare assembramenti, spostamenti e riunioni familiari numerose dato che già le celebrazioni per il nuovo anno ad aprile avevano contribuito all’aumento dei casi. 

I vertici del buddismo srilankese hanno pubblicato una nota congiunta, sottoscritta dai venerabili Thibbatuwawe Sri Sidhartha Sumangala Thero, Warakagoda Dhammasiddhi Sri Pannanada Gnanarathana Thero, Ganthune Assagi Thero e Makulaawe Vimalabhidhaana Thero. Nel testo essi sottolineano che “a causa della pandemia di nuovo coronavirus, che si sta diffondendo in tutto il mondo, questa volta abbiamo già fornito istruzioni sullo svolgimento delle attività nelle case”. “Di conseguenza - proseguono - nei templi e altrove dobbiamo evitare eventi che implichino il raduno di persone come l’elemosina, la meditazione” e “seguire le linee guida a livello sanitario, restare a casa e seguire i precetti religiosi”. I leader buddisti invocano infine benedizione su tutti i contagiati dal virus augurando loro una pronta guarigione. 

Per i cattolici è l’arcivescovo di Colombo, card. Malcolm Ranith, ad inviare un messaggio di auguri ai buddisti per il Vesak “in questi tempi difficili” a causa del Covid-19 che “sta colpendo la nazione in modo significativo”. In una situazione di emergenza, prosegue, “è importante pensare alle nostre scelte di vita alla luce degli insegnamenti del signore Buddha e vivere una vita basata sui principi spirituali dell’abnegazione e cura del benessere reciproco”. Il porporato augura infine a tutti i cittadini, in particolare i fedeli della venerabile Maha Sangha, grandi benedizioni. 

In questa due giorni, seguendo tutte le norme previste dalle autorità sanitarie, i buddisti sono impegnati in attività religiose all’interno delle loro case, evitando riunioni e affollamenti di templi o santuari. L’ultimo bollettino parla di 29 vittime di Covid-19, per un totale complessivo dall’inizio dell’emergenza sanitaria di 1269 morti; i contagi totali sono 172mila (+2377 nelle ultime 24 ore). 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani srilankesi: la lotta al Covid affidata a scienziati, non ai politici
28/05/2021 11:22
Una messa per fermare il Covid-19, salvare lo Sri Lanka e il mondo
11/05/2021 12:03
Solidarietà e sostegno: cristiani dello Sri Lanka nella lotta al Covid-19
07/05/2021 11:48
I musulmani celebrano l’Eid fra restrizioni e coprifuoco per il Covid
14/05/2021 14:00
Card. Ranjith boccia il governo dopo i massacri: Agisca, o si rischia di farsi giustizia da soli
30/04/2019 14:42


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”