21/03/2012, 00.00
INDIA – ITALIA
Invia ad un amico

Suore di Madre Teresa ai maoisti: liberate i due italiani

di Nirmala Carvalho
Il leader dei ribelli Sabyasachi Panda propone il rilascio di uno dei due ostaggi, a condizione che il governo soddisfi alcune delle 13 richieste. Autorità: non possiamo assecondare ogni punto. Polemiche tra il capo del governo dell’Orissa e il governo centrale. Emessi mandati d’arresto per 26 guerriglieri maoisti.

Bhubaneshwar (AsiaNews) - Le suore di Madre Teresa a Kandhamal chiedono la liberazione dei due italiani rapiti in Orissa: "Noi, Missionarie della Carità, impegnate a servire i più poveri tra i poveri in Kandhamal, chiediamo a voi, nostri cari fratelli e sorelle che tengono in ostaggio i due turisti italiani, di rilasciarli senza condizioni. Le loro famiglie e i loro amici stanno soffrendo in modo terribile. Dio vi benedica". È il messaggio di suor M. Suma, superiora regionale delle Missionarie della Carità, lanciato ad AsiaNews. Intanto, il leader maoista locale Sabyasachi Panda offre il rilascio di uno dei due ostaggi, a condizione che il governo soddisfi almeno alcune delle 13 richieste. Il governo ha risposto dicendo che non sarà possibile assecondare tutti i punti. La proposta è contenuta in un'audiocassetta recapitata alla Cnn-Ibn e confermata da fonti di AsiaNews. Il messaggio non specifica quale dei due italiani tra Paolo Bosusco e Claudio Colangelo potrebbe essere liberato.

Intanto Naveen Patnaik, chief minister dell'Orissa, ha accusato il governo centrale di non fare nulla per la liberazione degli ostaggi. "Il ministro degli Affari esteri Krishna - ha dichiarato Patnaik - non mostra alcuna urgenza nel risolvere il caso. Non ha nemmeno risposto alla mia prima richiesta d'intervento, quando è avvenuto il rapimento".

P Chidambaram, ministro degli Interni, ha risposto alle accuse: "Se tali dichiarazioni sono vere, ne sono molto dispiaciuto. Ho chiamato di persona Patnaik domenica 18 marzo, ed egli non ha fatto alcuna richiesta al governo centrale. Non credo che il chief minister di uno Stato dovrebbe fare simili dichiarazioni".

Le trattative vanno avanti. Questa mattina il governo dell'Orissa ha emesso un mandato d'arresto per Sabyasachi e altri 26 ribelli maoisti. Nella serata di ieri, il gruppo dei ribelli ha spostato la data dell'ultimatum, forse al 24 marzo. Ad AsiaNews R.P. Patil, District collector del Kandhamal, non conferma in modo esplicito il giorno, "perché non posso ancora fornire ulteriori dettagli", ma è "certo che avremo più tempo per librare gli ostaggi, anche perché i ribelli hanno aperto le trattative. Stiamo affrontando il caso a livello statale e confidiamo nei tre mediatori".

Ieri Naveen Patnaik ha confermato i nomi delle tre personalità che faranno da negoziatori per lo Stato: UN Behera, segretario per gli Interni; PK Jena, segretario della dipartimento Panchayati Raj; SK Sarangi, segretario del dipartimento dello Sviluppo.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Leader maoista: Pronti a liberare Bosusco con un “processo democratico”
11/04/2012
Orissa: dietro i rapimenti, accordi traditi tra governo e maoisti
28/03/2012
Orissa, 50 maoisti sequestrano un parlamentare indiano
24/03/2012
Orissa, forse liberati i due italiani rapiti
24/03/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”