11/03/2013, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

Teheran strige ancora il controllo su internet

Bloccate le reti private di comunicazione (VPN) che consentono l'accesso in rete aggirando i filtri statali. La decisione viene collegata con l'avvicinarsi delle elezioni presidenziali di giugno e il ricordo del ruolo svolto da strumenti come Facebook nelle manifestazione del 2009 dell'"Onda verde".

Teheran (AsiaNews/Agenzie) - E' vista come una mossa "preventiva" in vista delle elezioni presidenziali di giugno la decisione delle autorità iraniane di bloccare i VPN, "virtual private networks", le reti private di  comunicazione che consentono l'accesso a internet aggirando i filtri governativi.

La Costituzione iraniana all'art.34 in effetti dà mano libera allo Stato nel limitare la libertà di espressione, in quanto afferma che "Pubblicazioni e stampa hanno libertà di espressione, purché non violino i principi fondamentali dell'Islam o i diritti pubblici". Ma né "i principi generali dell'Islam", né "i diritti pubblici" sono costituzionalmente definiti, il che consente alle autorità di interpretarli secondo i propri desideri. E un diffuso sistema di filtri impedisce l'accesso a siti definiti "offensivi o criminali".

Nel confermare ieri il blocco dei VPN , il capo della Comitato parlamentare per l'informazione e la comunicazione tecnologica, Ramezanali Sobhani-Fard, ha dichiarato che  "d'ora in poi potranno essere utilizzati solo VPN legali e registrati".

La mossa delle autorità viene messa in relazione con le elezioni presidenziali di giugno, visto quanto accaduto nel 2009, in occasione del precedente voto che vide la proclamato presidente Mahmoud Ahmadinejad. Un risultato largamente contestato - anche con l'accusa di brogli - e che vide le dimostrazioni di massa dell'"Onda verde" (nella foto). Strumenti come Facebook vennero usati dai manifestanti per passarsi informazioni convocarsi in piazza.

La durissima repressione sembra aver praticamente spento l'Onda verde, ma evidentemente le autorità pensano che il fuoco continui a bruciare sotto la cenere e cercano di prevenirne la diffusione. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Polizia schierata per frenare la festa iraniana del fuoco
17/03/2010
Apple fa un favore alla censura di Pechino: ‘Dobbiamo rispettare la legge’
03/08/2017 14:50
Manila, Covid-19: riapriranno 120 scuole in presenza
21/09/2021 09:01
Teheran, migliaia di firme per liberare i leader dell’Onda Verde
14/08/2019 08:00
Il Consiglio supremo approva la liberazione di Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi, leader dell’Onda verde
30/07/2018 08:51


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”