18/05/2006, 00.00
palestina
Invia ad un amico

Tensione in aumento in Palestina: Abbas ordina lo scioglimento della "polizia" di Hamas

"Situazione molto preoccupante" per Saeb Erakat, negoziatore palestinese, vicino al presidente dell'Anp. Il comportamento del governo di Hamas "porterà ad una guerra civile, oppure ad elezioni anticipate", ha affermato oggi il capogruppo dei deputati di Al Fatah Azzam Al Ahmad.  

Gerusalemme (AsiaNews) – Si aggrava ancora la tensione tra Hamas e Fatah, dopo gli scontri dei giorni scorsi: il presidente palestinese Mahmud Abbas ha ordinato l'immediato disarmo e scioglimento della nuova forza di sicurezza palestinese annunciata ieri dal governo di Hamas e contro il dispiegamento della quale già questa mattina Abbas aveva ordinato l'intervento della polizia palestinese.

Nel darne notizia il quotidiano israeliano Haaretz riporta che, obbedendo a tale disposizione,  migliaia di uomini della polizia e delle altre forze di sicurezza che obbediscono al presidente si sono impossessate delle strade di Gaza, lungo le quali si era già schiera la nuova forza di Hamas, gridando "Noi siamo l'autorità. Noi siamo con Abu Mazen". Il generale Suleiman Hilles, comandante delle forze di sicurezza palestinesi, in una dichiarazione ha affermato che il dispiegamento dei suoi uomini indica che "la polizia palestinese è la sola che può garantire legge e ordine".

Sempre oggi, il Jerusalem Post riferisce che il vice primo ministro palestinese di Hamas, Nasser Shaer, in visita a Tulkarem, è stato costretto da uomini armati di Fatah, che hanno sparato in aria, ad interrompere un incontro col governatore. L'edificio nel quale si trovava Shaer è stato circondato e il vice primo ministro è stato fatto uscire sotto scorta di polizia. Il leader locale delle Brigate dei Martiri di Al Aqsa, milizia vicina a Fatah, ha detto che "i membri di Hamas non sono i benvenuti a Tulkarem".

"E' una situazione molto preoccupante", ha detto Saeb Erakat, portavoce palestinese, vicino ad Abbas. "Lui ha ordinato il dispiegamento delle forze palestinesi ed ordinato agli altri di abbandonare le strade. Spero che lascino", ha aggiunto, riferendosi agli uomini di Hamas, "se non lo facessero staremmo andando verso una seria crisi".

L'entrata in servizio della "nuova forza di sicurezza" di tremila uomini, era stata annunciata ieri a Gaza dal ministro dell' interno palestinese Said Siam. Siam aveva sostenuto che la nuova forza, quasi interamente composta da uomini delle Brigate Al Qassam, l'ala militare di Hamas, avrebbe aiutato la polizia palestinese a ristabilire l'ordine e al tempo stesso lottato contro gruppi armati interessati a colpire esponenti di Hamas e del governo palestinese.

Contro la creazione di questa forza, che si va ad aggiungere alle molto già esistenti nei territori dell'Anp, si era immediatamente opposto Abbas, al quale lo stesso capo del governo di Hamas, aveva replicato sostenendo che la costituzione della nuova forza rientrava nei poteri del ministro dell' interno. Il comportamento del governo di Hamas "porterà ad una guerra civile, oppure ad elezioni anticipate", ha affermato oggi il capogruppo dei deputati di Al Fatah Azzam Al Ahmad.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Lega araba condanna i crimini di Gaza, sostiene Abbas
16/06/2007
Gli scontri di Gaza, la fine del sogno palestinese
14/06/2007
Imponente manifestazione di Hamas dopo l’attentato contro Haniyeh
15/12/2006
In Palestina minacce di morte dei Martiri di Al Aqsa contro ministri di Hamas
03/10/2006
Ancora spari a Gaza, mentre Abbas offre ad Hamas la ripresa dei negoziati
02/10/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”