18/01/2023, 12.37
PAKISTAN-AFGHANISTAN-CINA
Invia ad un amico

Tensioni e schermaglie, ma Islamabad e Kabul non vanno verso guerra aperta

di Emanuele Scimia

Secondo Husain Haqqani, ex ambasciatore pakistano a Washington, le due parti vogliono mantenere relazioni stabili. Nonostante gli interessi nei due Paesi, è difficile che la Cina si inserisca nella diatriba. L’India fornisce all’Afghanistan aiuti allo sviluppo, ma non la si può considerare partner dei talebani.

Roma (AsiaNews) – “Tensioni e schermaglie aumenteranno. Alla fine però i talebani hanno bisogno del sostegno del Pakistan e l'establishment pakistano considera i talebani preferibili a qualsiasi altro governo afghano”.

Husain Haqqani, ex ambasciatore pakistano negli Usa, non crede che Islamabad e Kabul vadano verso una guerra aperta. Diversi analisti e osservatori pensano invece che il conflitto sia inevitabile, dato che il Pakistan non potrebbe sconfiggere la guerriglia talebana entro i propri confini senza combattere  i “fratelli maggiori” in Afghanistan.

Lo scorso mese la tensione tra i due Paesi è salita dopo che scambi di colpi di artiglieria al valico frontaliero di Chaman hanno causato morti e feriti. Rispetto alle opzioni a disposizione per contrastare il Tehrik-i-Taliban Pakistan, lo scorso 2 gennaio il governo pakistano  ha dichiarato che “non permetterà ad alcun Paese di dare riparo e aiuto ai terroristi e che a tal riguardo il Pakistan si riserva ogni diritto di proteggere il proprio popolo”. Il riferimento al vicino afghano è evidente.

I talebani afghani sono nati con il sostegno del Pakistan, ma come spiega Haqqani le divergenze tra le due parti sono antiche, esistevano anche negli anni Novanta del secolo scorso, al momento dell’ascesa del gruppo islamista in Afghanistan. “Nessun regime afghano - talebano o altro - ha mai riconosciuto la frontiera tra i due Paesi come confine internazionale. Poi i talebani [afghani] non hanno mai abbandonato le loro convinzioni ideologiche, compreso il sostegno a gruppi come i talebani pakistani”, dice Haqqani ad AsiaNews.

Uno scontro armato tra Pakistan e Afghanistan aprirebbe scenari geopolitici imprevedibili in una regione già segnata da una forte instabilità, con forti ripercussioni sulla competizione geopolitica tra India e Cina.

Pechino ha consolidati rapporti politici ed economici con il Pakistan, e ha appena firmato un accordo di estrazione petrolifera con le autorità di Kabul: il primo investimento estero di peso in Afghanistan dal ritorno dei talebani al potere nell’agosto 2021. Sulla carta i cinesi sono i meglio posizionati per giocare un ruolo “pacificatore” tra i due lati della Linea Durand, il confine (contestato) tra Pakistan e Afghanistan.

“La Cina dipende da tempo dalle garanzie che lo Stato pakistano può assicurare in Afghanistan”, fa notare Haqqani, secondo cui Pechino osserva con attenzione come il Pakistan stesso stia affrontando le sfide in Afghanistan e come i talebani afghani non siano in grado di affrontare l'IS-KP (il ramo locale dello Stato islamico) all'interno del Paese. L’ex diplomatico, ora direttore per l’Asia del sud e quella centrale dell’Hudson Institute, aggiunge che “sebbene la Cina preferisca un Afghanistan in cui il Pakistan - e non gli Stati Uniti o l'India - abbia il controllo, potrebbe non vedere il vantaggio di inserirsi in quella che è principalmente una questione pakistano-afghana”.

Nella lotta tra Islamabad e Kabul, l’India gioca la sua partita. Haqqani sottolinea che i talebani afghani hanno chiesto a Delhi di continuare a fornire assistenza allo sviluppo – a Kabul e a Islamabad sanno che gli indiani possono farlo, mentre il governo pakistano non è in grado. “Chiedere all'India assistenza allo sviluppo – conclude – non significa però considerarla come un partner o un amico. Sebbene i talebani possano avere divergenze con lo Stato pakistano, essi dipendono dal Pakistan, che rimane per ora il loro partner di elezione”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kashmir: morto Syed Ali Geelani, politico separatista
02/09/2021 11:41
Salgono a 90 le vittime dell’attentato di Kabul. Ancora nessuna rivendicazione
01/06/2017 09:11
Afghanistan, Ong svedese chiude 42 cliniche per le minacce dei talebani
18/07/2019 09:00
Alta tensione tra talebani e Dušanbe
30/09/2021 08:48
Kabul: boom demografico minaccia i talebani
24/08/2021 12:30


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”