31/03/2020, 08.52
GIAPPONE
Invia ad un amico

Tokyo: causa coronavirus, Olimpiadi e Paralimpiadi rinviate al 2021

È la prima volta che i Giochi vengono rinviati in tempo di pace. Per settimane, Comitato olimpico internazionale e Giappone hanno insistito che lo spettacolo sportivo avrebbe avuto luogo lo stesso. Le nuove date stravolgono tutti gli aspetti dell'organizzazione. L’evento avrebbe dovuto costare 12,6 miliardi di dollari Usa.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – I Giochi olimpici di Tokyo 2020 si apriranno il 23 luglio del prossimo anno e si concluderanno l’8 agosto. Lo hanno annunciato gli organizzatori, dopo che la pandemia di coronavirus ha forzato la storica decisione di rinviare l’evento sportivo al 2021. È la prima volta che le Olimpiadi vengono rinviate in tempo di pace. Yoshiro Mori, presidente del Comitato organizzatore di Tokyo 2020, ha annunciato la sofferta scelta ieri in una conferenza stampa organizzata in fretta, durante la quale ha comunicato anche che le Paraolimpiadi si svolgeranno tra il 24 agosto e il 5 settembre.

Solo poche ore prima, Mori aveva dichiarato di attendere una comunicazione definitiva del Comitato olimpico internazionale (Cio) nel corso della settimana. Ma il Comitato esecutivo del Cio si è incontrato ieri a sorpresa. Per settimane, Cio e Giappone hanno insistito che lo spettacolo delle Olimpiadi avrebbe avuto luogo nonostante il virus e le preoccupazioni degli atleti e delle federazioni sportive. Per alcuni giorni, sono circolate indiscrezioni secondo cui gli organizzatori giapponesi potessero spostare i Giochi in primavera, evitando il caldo dell'estate di Tokyo che era la loro principale preoccupazione prima che il coronavirus colpisse.

Il rinvio consegna agli organizzatori il compito “senza precedenti” di riorganizzare un evento programmato da sette anni. Toshiro Mori ha ammesso che i costi aggiuntivi saranno “imponenti”. Secondo gli ultimi dati, i Giochi avrebbero dovuto costare 12,6 miliardi di dollari Usa, condivisi tra il comitato organizzatore, il governo del Giappone e la città di Tokyo. Tuttavia, quel numero è caldamente contestato da un audit governativo secondo cui l’amministrazione centrale sta già spendendo più volte tale importo.

Le nuove date delle Olimpiadi stravolgono tutti gli aspetti dell'organizzazione: hotel, biglietteria, luoghi e trasporti sono tra le principali problematiche da affrontare. Gli hotel hanno dovuto cancellare le prenotazioni: un duro colpo, in un momento in cui il coronavirus martella il turismo. Alcune strutture sportive riservate con anni di anticipo forse dovranno esser scartate e non vi è ancora incertezza sul fatto che i titolari dei biglietti verranno rimborsati. Un altro problema spinoso è il villaggio degli atleti, che doveva essere convertito in appartamenti di lusso dopo i Giochi. Per alcuni, i costruttori avevano già trovato acquirenti.

Il governo giapponese aveva pubblicizzato i Giochi come “le Olimpiadi della guarigione”, organizzati per mostrare come il Paese si fosse ripreso dal triplo disastro del 2011, ovvero il terremoto, lo tsunami e la fusione nucleare che devastarono la regione nordorientale del Paese. I Giochi ora vengono indicati come espressione del trionfo dell'umanità sul Covid-19. “Ci stiamo imbarcando in una sfida senza precedenti”, ha dichiarato ieri Mori. “Ma credo sia la missione del Comitato organizzatore di Tokyo 2020 tenere le Olimpiadi e le Paralimpiadi il prossimo anno come prova della vittoria dell'umanità contro il virus”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Olimpiadi, chiese chiuse agli atleti per fermare il contagio Covid
12/07/2021 09:59
Coronavirus, Tokyo assicura: Nessuna cancellazione o rinvio per le Olimpiadi
12/03/2020 09:06
Pound: Causa coronavirus, le Olimpiadi di Tokyo saranno rinviate al 2021
24/03/2020 08:55
Olimpiadi di Tokyo: l’imperatore Naruhito teme aumento contagi da Covid-19
24/06/2021 09:05
Covid-19: migliaia di volontari nipponici si ritirano dalle Olimpiadi
04/06/2021 13:30


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”