15/03/2006, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Varanasi, fatwa contro chi attacca i luoghi santi "di ogni religione"

Dopo gli attacchi terroristici della scorsa settimana, la madrassah principale di Lucknow condanna "chi uccide persone innocenti e colpisce i luoghi di preghiera, di ogni religione".

Lucknow (AsiaNews/Icns) – La madrassah principale di Lucknow, capitale dell'Uttar Pradesh, ha lanciato una fatwa contro "i terroristi ed i militanti in generale" che usano come bersaglio "i luoghi santi dell'India e la sua popolazione innocente". Secondo la scuola islamica Darul-Ifta, "non vi è posto per il terrorismo nell'Islam e chi uccide anche una sola persona, compie un peccato grave esattamente come lo sterminio dell'umanità intera".

La sentenza è stata pronunciata dopo gli attacchi terroristici a Varanasi, la "città santa" dell'induismo, avvenuti la scorsa settimana: tre bombe, posizionate in uno dei templi principali ed alla stazione ferroviaria della città, che sono costate la vita a 23 persone.

Firangi Mahal, il capo della madrassah, ha spiegato la condanna con citazioni dal Corano: "Bisogna ricordare sempre – ha detto – che il profeta non ha mai reagito in maniera violenta né contro coloro che lo attaccavano né contro coloro che in vari modi hanno cercato di fargli del male. Maometto si è sempre pronunciato contro gli attacchi ai luoghi santi, di qualunque religione essi fossero".

"Se un musulmano colpisce un luogo di preghiera – si legge nella conclusione della fatwa – o uccide persone innocenti, va trattato come criminale. Lo dice la shari'a [legge islamica ndr]".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mumbai: dopo le bombe, musulmani ed indù insieme per condannare il terrorismo
28/07/2006
Marie Leeze, musulmana convertita, lasciata senza funerale
21/09/2020 11:32
Leader cristiani: Uniti per combattere le bombe di Varanasi, "germe di odio"
09/03/2006
Parroco di Varanasi: "Le bombe vogliono distruggere la convivenza interreligiosa"
08/03/2006
La Chiesa indiana condanna le bombe a Varanasi
08/03/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”