24/12/2009, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Vietnam: Natale di carità per i 6mila cattolici della diocesi di Lang Son

di JB. Vu
Oltre 6mila fedeli sparsi su un territorio di oltre 25mila kmq. Il Natale è l’occasione per aiutare chi ha più bisogno, soprattutto poveri e giovani. La Chiesa raggiunge anche le regioni più sperdute al confine con la Cina. Il vescovo di Lang Son: diciamo a tutti che “Dio viene a vivere tra noi e pone fine alle nostre angosce”.
Lang Son (AsiaNews) – Distribuzione di libri e borse di studio agli studenti bisognosi, di riso, vestiti, medicine, acqua potabile e zanzariere ai poveri. Per i 6mila cattolici della sterminata diocesi di Lang Son, il tempo che precede il Natale è scandito dalla carità vicendevole e dall’aiuto ai poveri ed ai più giovani.
 
Alla guida di questa comunità c’è mons. Dang Duc Ngan, vescovo di Lang Son dal 2007, che insieme ai 13 sacerdoti diocesani, a sei missionari di quattro diversi ordini religiosi e a 28 suore percorre gli oltre 25mila kmq per arrivare a tutti i fedeli sparsi nelle tre diverse province di cui è composta la diocesi. La zona è abitata da circa 1,5 milioni di persone appartenenti a diverse e povere minoranze etniche montagnard (Khin, Tay, Nung, Thai, Tho, Meo, Giao, Nhang).
 
L’attività missionaria di Lang Son è fatta di piccoli gesti di carità quotidiana che con l’approssimarsi del Natale raggiungono nella case di tutti i fedeli. Anche i 246 cattolici della provincia di Ha Giang, 30 famiglie che vivono a più di 400 km dalla sede vescovile. Dopo anni di paura e e oppressione da parte dell’autorità oggi vivono l’Avvento con rinnovata speranza rinfrancati anche dal veder crescere a piccoli passi la loro comunità.
 
Per i cattolici di Ha Giang come per gli altri sparsi nelle province al confine con la Cina, il Natale significa riecevere l’aiuto della comunità e dei sacerdoti. La Caritas diocesana da tempo ha iniziato piccoli progetti per sostenere i fedeli e non solo delle zone più remote. Vengono inviate medicine nei presidi medici, ma vengono anche scavati pozzi per portare acqua potabile in villaggi in cui gli abitanti sono costretti a fare anche 15 chilometri per raggiungere acquedotti.
 
La Chiesa ha dato vita inoltre a progetti di microcredito che permettono agli abitanti dei villaggi di acquistare capi di bestiame o galline e capre con cui contribuire al miglioramento dell’economia familiare.
 
Mons. Dang Duc Ngan afferma: “L’Avvento porta in sé l’idea di qualcosa che sta arrivando. È Dio che entra nel cuore della nostra esistenza, viene a vivere tra noi e pone fine alle nostre angosce”. Ecco perché l’aiuto ai poveri sparsi nella diocesi diventa più intenso sotto Natale. Zanzariere, vestiti nuovi, libri Sono piccoli doni, ma per molti sono anche gli unici. E ricordano l’arrivo del Natale “di cui tutti devono rallegrarsi – dice il vescovo – perche solo partecipando a questa gioia possono scoprire la suprema benedizione che Dio porta nel creato”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Libertà di religione, un sogno ancora lontano per i montagnards discriminati
05/01/2008
Nghệ An, cattolici locali ancora nel mirino dei militanti di ‘Bandiere rosse’
31/10/2017 13:29
Il più giovane vescovo guida i giovani vietnamiti alla Gmg di Sydney
08/07/2008
Le canzoni di Lang Lang e le offese agli Usa
01/02/2011
Freddo e povertà non fermano il Natale con gli ultimi dei cattolici di Thất Khê
19/12/2018 12:19


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”