18/09/2014, 00.00
INDONESIA - ISLAM
Invia ad un amico

Yogyakarta: minacce islamiste, l’università cattolica cancella seminario sull'omosessualità

di Mathias Hariyadi
La facoltà di psicologia della Sanata Dharma (Usd) aveva indetto un incontro sul tema: “Lgbti: Siamo diversi, siamo unici e siamo Uno”. La sezione locale del Forum della società islamica ha imposto l’annullamento di un evento che “disonora l’islam”. Per un leader islamico i comportamenti sessuali “deviati” sono un “virus contagioso”.

Jakarta (AsiaNews) - Dietro gravi minacce di estremisti islamici, l'università cattolica di Sanata Dharma (Usd) a Yogyakarta, nella provincia dello Java centrale, ha cancellato un seminario dedicato agli orientamenti sessuali "diversi", fra cui omosessualità, lesbismo, transgender. L'incontro, annullato in tutta fretta la scorsa notte, era stato promosso dalla facoltà di psicologia della Usd ed era previsto per il 27 settembre prossimo; tema del seminario "Lgbti: Siamo diversi, siamo unici e siamo Uno". Ieri il Forum della società islamica (Fui) ha annunciato che, in caso di mancata cancellazione dell'evento, avrebbe "infiltrato" propri elementi all'interno, per bloccare una discussione che avrebbe "disonorato l'islam". 

Johanes Eka Priyatna, rettore della Usd, conferma l'annullamento del seminario, al termine di un incontro a porte chiuse con i vertici della polizia, cui hanno partecipato anche docenti e membri del consiglio studentesco. 

Fra le città dell'Indonesia, Yogyakarta si è sempre distinta nel tempo per essere fra le più "tolleranti" e ospita dozzine di università di diversa ispirazione. Tuttavia, negli ultimi anni essa ha registrato episodi di intolleranza di natura confessionale, ad opera di gruppi estremisti musulmani locali che hanno preso di mira le comunità cattoliche e protestanti locali. 

Fra i tanti episodi, ricordiamo l'attacco contro il leader cattolico Julius Felicianus nel maggio scorso; una settimana più tardi, gli estremisti hanno colpito una "casa di preghiera" appartenente a una comunità protestante; e ancora, a fine giugno ignoti hanno assaltato la parrocchia del Sacro Cuore al grido "Allah è grande". 

Muhammad Fuad, capo della sezione locale del Fui, esprime soddisfazione per la cancellazione del seminario. Egli accusa l'università cattolica di fomentare pratiche sessuali deviate, che non sono accettate dalla popolazione indonesiana. "I comportamenti sessuali deviati sono contagiosi - afferma il leader islamico - e se non fermiamo questo 'virus', è sicuro che un giorno gay e lesbiche rivendicheranno uguali diritti e chiederanno di vedere riconosciuto il matrimonio omosessuale". 

L'Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo in cui i cattolici sono il 3% del totale, si sta affermando nelle ultime settimane come uno dei centri di maggiore attivismo dell'estremismo islamico per tutta la regione dell'Asia-Pacifico. Del resto come aveva già riferito AsiaNews di recente, movimenti fondamentalisti e leader islamici locali hanno trovato ispirazione nelle gesta dei combattenti sunniti in Siria e Iraq e intendono sostenere la lotta per la creazione del Califfato islamico estendendolo anche all'Asia

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Aceh, 80 frustate in pubblico a due giovani gay
29/01/2021 08:52
Aceh, coppia gay rischia 100 frustate per ‘sodomia’
21/11/2020 08:00
Suore contro la tratta di persone: un seminario per assistere le vittime fino in tribunale
25/05/2018 11:13
Chiesa indiana: l’omosessualità non è un crimine, ma non può diventare una “norma sociale”
02/07/2009
Jakarta, proteste contro i fondi Onu alle comunità Lgbt: Distruggono la nostra civiltà
16/02/2016 12:33


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”