26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/01/2012, 00.00

    BANGLADESH – INDIA

    “Spose Arrabbiate”: un gioco online per combattere gli omicidi per dote



    Un agenzia matrimoniale indiana lancia “Angry Brides”, dove una donna lancia oggetti contro futuri sposi che chiedono una dote troppo alta. In Bangladesh almeno 325 donne torturate e uccise da mariti o loro familiari solo nel 2011. In India più di 8mila casi nel 2010.
    Dhaka (AsiaNews) – Almeno 325 donne torturate e uccise per ragioni legate alla dote, solo nel 2011. Lo conferma un’indagine congiunta di Ain-O-Salish Kendro (Ask), Bangladesh Mahila Parishad e Odhikar. Le tre ong specificano però che si tratta solo di dati parziali, tenendo conto dei molti casi non segnalati o fatti passare per suicidio. Spose picchiate e bruciate vive da mariti (o loro parenti), insoddisfatti per una dote troppo esigua o del tutto assente. In alternativa, strangolate, poi legate con una corda e impiccate a un palo, a simulare un suicidio (v. 05/04/2011, “Bangladesh: quando la sposa viene bruciata a causa della dote”). Una pratica proibita dalla legge, ma radicata nella cultura bengalese e in costante aumento: secondo l’indagine, nel 2011 erano 198 i dati certi.

    Gli omicidi per dote sono molto diffusi anche in altri Paesi dell’Asia del sud. Secondo il National Crime Records Bureau dell’India, nel 2010 il Paese ha avuto 8.391 casi di morti per dote e almeno 90mila casi di torture e abusi da parte di mariti e loro familiari. Per sensibilizzare la popolazione nella lotta contro questa pratica, l’agenzia matrimoniale Shaadi.com ha lanciato su Facebook Angry Brides (Spose arrabbiate), un gioco online sul modello del più famoso Angry Birds di Google.

    Nel gioco, tre potenziali mariti – un medico, un poliziotto e un ingegnere – avvicinano una donna, ciascuno chiedendo una dote molto alta. La sposa ha otto braccia e lancia contro i tre uomini oggetti di vario tipo (scarpe col tacco, una padella, un manico di scopa, pentole e ortaggi).

    In Bangladesh l’attuale sistema della dote, ovvero la pratica secondo cui la famiglia della sposa deve dare una somma al futuro marito, risale a circa cinquant’anni fa. Prima la dote era il cosiddetto “prezzo della sposa”: secondo il diritto di famiglia islamico, lo sposo doveva dare una somma alla donna per convolare a nozze. Un cambiamento recente, la cui causa sembra essere legata a uno squilibrio numerico tra uomini e donne nella società bengalese: nel 1950 le donne erano il 10% in più; nel 1975 addirittura il 43% in più. (NI)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2010 INDIA
    Leader religioso musulmano: usanze islamiche cause di povertà
    Per Ibrahim Musliyar Bekal il sistema della dote, la proibizione alle donne sposate di lavorare e i frequenti abbandoni da parte dei mariti, sono i motivi dell’indigenza delle comunità islamiche.

    05/04/2011 BANGLADESH
    Bangladesh: quando la sposa viene bruciata a causa della dote
    Almeno 249 le donne uccise nel 2010. Per rabbia o vendetta, i mariti le cospargono di cherosene e poi danno loro fuoco. Un fenomeno diffuso, nonostante il diritto di famiglia islamico, in vigore in Bangladesh, dica invece che è compito dell’uomo pagare la dote della futura sposa.

    26/01/2013 INDIA
    Mumbai, "37 milioni di luci" contro gli aborti selettivi e la violenza sulle donne
    Il numero si riferisce alla disparità di numero tra maschi e femmine segnalata dall'ultimo censimento nazionale (2011). Nelle parrocchie dell'arcidiocesi si accenderanno 37 milioni di lampade e candele. Per il direttore del settimanale cattolico The Examiner serve un'educazione spirituale e sessuale, per portare un cambiamento di mentalità che rispetti la dignità e la sacralità dell'essere umano. Il messaggio della Conferenza episcopale per la Festa della repubblica indiana.

    15/09/2009 BANGLADESH
    Dhaka: cristiano massacrato per un telefonino, la polizia smentisce la versione del furto
    Swopon Mondol, della Chiesa battista, è morto in ospedale per le gravi ferite riportate durante il pestaggio. Ufficiale di polizia accusa “gruppi di studenti” dell’università di Dhaka che “commettono violenze”. Ricatti e minacce alla moglie perché non denunci l’accaduto.

    19/08/2015 BANGLADESH
    Bangladesh: arrestate tre persone per l’omicidio dei blogger “anti-islam”
    Si tratta del mandante e di uno dei sicari di Avijit Roy e Ananta Bijoy Das. Il terzo avrebbe tentato di farli uscire dal Paese. Sono membri del gruppo estremista Ansarullah Bangla Team. Dal 2014 cinque blogger sono stati uccisi, quattro solo nel 2015.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®