26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/03/2013, 00.00

    PAKISTAN

    160 case e 2 chiese bruciate a Lahore: le foto



    La Corte suprema ha aperto un’inchiesta, in cui accusa la polizia del Punjab di complicità nell’attacco. Le immagini dell’attacco.

    Lahore (AsiaNews) - La Corte suprema del Pakistan ha accusato la polizia del Punjab di aver protetto i responsabili del rogo al quartiere cristiano Joseph Colony di Lahore, avvenuto il 9 marzo scorso. Nell'attacco sono state demolite almeno 160 case, 18 negozi e due chiese, una cattolica e una degli Avventisti del settimo giorno. Di seguito pubblichiamo le foto del rogo, ricevute oggi da AsiaNews.

     

     PAKISTAN 1

    PAKISTAN 2

    PAKISTAN 3

    PAKISTAN 4

    PAKISTAN 5

    PAKISTAN 6

    PAKISTAN 7

    PAKISTAN 8

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/11/2005 Pakistan
    Arcivescovo di Canterbury: "Musharraf riveda la legge sulla blasfemia"

    Nel corso di una visita in Pakistan il leader anglicano chiede al governo di rivedere la legge sulla blasfemia dopo gli attacchi alla comunità cristiana di Sangla Hill.



    25/11/2005 Pakistan
    Pakistan, le ceneri delle chiese incendiate non verranno rimosse per 40 giorni

    Il periodo simboleggia il tradizionale lutto pakistano. Leader cristiani chiedono la collaborazione degli ulema per "costruire un'armonia fra le fedi".



    16/11/2005 Pakistan
    Cristiani del Punjab: "il governo visiti le nostre chiese distrutte"

    L'inviato di AsiaNews a Sangla Hill raccoglie testimonianze ed accuse precise dalla comunità cristiana del luogo che ha visto chiese, conventi e scuole bruciati e saccheggiati. "La blasfemia non c'entra nulla – dicono – è solo persecuzione". Torture nella sede della polizia. (Servizio fotografico del nostro inviato: la comunità cristiana di Sangla Hill e la distruzione delle loro proprietà).



    12/07/2010 PAKISTAN
    Lahore: solidarietà interreligiosa ai sufi colpiti dal terrorismo
    Una delegazione di cristiani, musulmani, sikh e indù ha visitato la moschea di Data Dabar. I leader religiosi hanno condannato l’attacco del 1 luglio, che ha causato oltre 40 morti e 170 feriti. Ieri in città dimostrazioni di piazza, presenti la Conferenza internazionale sufi e altre associazioni musulmane.

    14/11/2006 PAKISTAN
    Sangla Hill, le voci delle vittime ad un anno dalla tragedia

    Nell'anniversario del  violento attacco ai cristiani del villaggio in Punjab, AsiaNews torna su quei luoghi e raccoglie le testimonianze delle vittime: la paura è ancora forte; l'uomo accusato di blasfemia e poi scagionato deve ancora nascondersi; la polizia non ha individuato i responsabili; case e chiese bruciate aspettano di essere ricostruite, nell'indolenza del governo e l'ambiguità di alcuni leader cristiani.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®