21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/07/2011, 00.00

    TAGIKISTAN

    A Dushanbe i minorenni non possono entrare in chiesa senza autorizzazione



    Nuovo emendamenti proibiscono ai minori proprio ogni attività religiosa, puniti i genitori che “non lo impediscono”. Lo Stato dice di voler prevenire l’estremismo islamico e tutelare i minori. Ma i cristiani sono preoccupati perché di fatto, è uno strumento per colpire qualsiasi gruppo religioso.
    Dushanbe (AsiaNews/F18) – La Camera alta del Parlamento tagiko ha approvato ieri nuove restrizioni sulla libertà religiosa per i minorenni. Inoltre sono previste nuove pene per chi predica “estremismo religioso”, ma c’è preoccupazione perché non è spiegato cosa si intenda. La nuova Legge sulla responsabilità dei genitori prevede “l’obbligo” dei genitori di “non consentire che i giovani minorenni partecipino alle attività di organizzazioni religiose, con eccezione di quelle comprese in modo ufficiale nell’istruzione religiosa”, in pratica quelle approvate dallo Stato.

    Il divieto era già previsto ma i ragazzi potevano almeno “partecipare ai funerali”. Ora anche questo possibilità è stata esclusa, piccola modifica ma importante per la concezione che esprime.

    Il controllo è affidato al Comitato per gli affari religiosi, che nel Paese ha anche uffici locali, in grado di controllare in modo capillare la vita pubblica delle famiglie e di denunciare i genitori che non esercitino la prescritta sorveglianza. I genitori devono sorvegliare persino che i figli non partecipino ad attività religiosa quando sono all’estero, occorre uno speciale permesso statale pure per essere iscritto a una scuola estera religiosa.

    Fonti dell’agenzia Forum 18 spiegano che è poi molto difficile ottenere dallo Stato l’approvazione per qualsiasi forma di istruzione religiosa. In pratica il divieto impedisce ai giovani di avere qualsiasi educazione e frequentazione religiosa fino alla maggiore età.

    I sostenitori della legge rispondono che prima dei 18 anni i giovani possono non avere sufficiente maturità per partecipare con consapevolezza e che la norma vuole solo proteggerli. Ma fonti religiose locali dicono a F18 che “ogni attività religiosa è stata proibita per chi ha meno di 18 anni” e che questa legge “non rispetta gli standard dei diritti umani internazionali” per i minori. “Tutte le chiese protestanti – spiega un’altra fonte – sono preoccupate, ormai è contro la legge anche soltanto che il bambino sia in chiesa”, anche perché le autorità statali “non danno autorizzazioni per i gruppi non islamici, nemmeno per scuole di catechismo domenicale”.

    L’art.9 della legge vieta persino invitare i ragazzi “a ricevere insegnamento in scuole e istituzioni educative non riconosciute come pure da singole persone non autorizzate”.

    Il fine appare soprattutto quello di colpire le madrasse (scuole islamiche) straniere: nell’agosto 2010 il presidente Emomali Rahmon ha invitato le famiglie a richiamare i figli che frequentano scuole islamiche all’estero, ammonendo contro il pericolo che diventino “estremisti e terroristi”. Molte famiglie povere musulmane inviano i figli in simili istituti, dove sono alloggiati, nutriti e ricevono una educazione di base, anche se di livello molto variabile.

    Ma il divieto colpisce tutti: dalla nuova legge sulla libertà religiosa nel 2009 molte moschee sono state distrutte, i cristiani processati e condannati per riunioni e attività “illegali” e i Testimoni di Geova sono stati banditi dal Paese.

    Inoltre è stato introdotto il carcere fino a 2 anni sia per chi organizza che per chi partecipa a “riunioni non autorizzate, incontri, dimostrazioni, picchettaggi e cortei stradali”. Ci rientra ogni riunione illegale di qualsiasi matrice. E’ pure punito chi insegna dottrine religiose “estremiste”, ma non è stato chiarito cosa si intende per estremismo, lasciando, quindi, ampia discrezionalità alla polizia: insegnamento punito “in qualsiasi luogo” si svolga, anche in case private, con carcere fino a 12 anni per chi lo organizza e con la confisca delle proprietà.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2011 TAGIKISTAN
    A Dushanbe i ragazzi possono andare in Chiesa solo per i funerali
    Nuove leggi, in discussione in parlamento, puniscono con il carcere i genitori che “consentono” ai figli minori anche soltanto di andare in chiesa o in moschea o di fare catechismo. Per impedire il diffondersi dell’estremismo. Ma molti denunciano la violazione di diritti elementari.

    22/09/2009 PAKISTAN
    Presidente pakistano: Vigilare contro l’uso iniquo della legge sulla blasfemia
    Da Londra il presidente Zardari assicura l’impegno del governo contro qualsiasi strumentalizzazione della legge per colpire le minoranze religiose e il dissenso. Ambienti islamici inscenano proteste contro le richieste di modifica. Ma anche i media contestano questa legge.

    28/04/2010 UZBEKISTAN
    Anni di carcere o di lavori forzati per chi si riunisce e prega
    Polizia e autorità colpiscono islamici e cristiani che svolgono attività religiosa non autorizzata. Intanto proseguono le condanne sistematiche per gli incontri non autorizzati a piccoli periodi di carcere. L’Onu chiede di cessare queste condanne.

    09/08/2017 10:56:00 TAGIKISTAN
    Dushanbe, pastore protestante coreano condannato per 'estremismo'

    Bakhrom Kholmatov, 42 anni, è stato condannato a tre anni di carcere. Le autorità sostengono che il suo centro cristiano "Sonmin Sonbogym" sia illegale. La Commissione americana sulla libertà religiosa internazionale considera il Tagikistan un "Paese che desta particolare preoccupazione".



    10/11/2010 TAGIKISTAN - EGITTO
    Il Tagikistan richiama i suoi studenti dal Cairo: timori di fondamentalismo
    Dushanbe chiede il rientro degli oltre 1000 studenti iscritti alla prestigiosa Al-Azhar. L’Egitto finora ha rimpatriato solo circa 134 studenti privi di permesso. Il Tagikistan teme che i giovani siano arruolati da gruppi estremisti. Da mesi l’esercito combatte gruppi armati al confine afghano.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®