14/08/2009, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

A Tokyo crollo record del prezzo dei beni al consumo: -8,5% a luglio

Allarma la continua diminuzione del consumo interno, anche se la diminuzione dei prezzi è conseguenza non solo della minor domanda, ma anche del calo dl costo delle materie prime.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – I prezzi al consumo sono scesi in Giappone dell’8,5% a luglio rispetto all’anno precedente, record dal 1960. Esperti ritengono serio il rischio che si inneschi una spirale deflazionistica, dagli esiti imprevedibili.

Il dato più allarmante è la continua diminuzione del consumo interno, circostanza che fa ritenere che il declino dei prezzi possa proseguire.

La previsione negativa può causare un effetto perverso sul mercato, spingendo le ditte a diminuire la produzione e i consumatori a contenere i consumi in attesa del previsto calo dei prezzi, con un effetto a spirale. In conseguenza le imprese potrebbero vedere erosi gli utili ed essere costrette ad effettuare diminuzioni di personale o del salario.

Più ottimista la centrale Banca di Giappone, che, in conferenza stampa, ha interpretato il dato come legato a fenomeni strutturali del mercato, oltre che alla situazione di crisi globale. Essa osserva che sulla diminuzione di prezzi hanno inciso sia il forte calo del prezzo del petrolio rispetto a un anno fa, sia i minori prezzi per acciaio, materiale chimico, metalli non ferrosi e rottami metallici. Nota che da giugno l’indice dei prezzi per le manifatture è salito dello 0,4%.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Crollano prezzi e occupazione, il Giappone teme una forte deflazione
29/09/2009
Scendono le esportazioni cinesi. L’economia a rischio di deflazione
12/05/2009
Crollano le buste paga in Giappone: -7,1% a giugno
03/08/2009
Pechino sull'orlo della deflazione: scendono i prezzi, per la prima volta da 6 anni
10/03/2009
Le borse in Asia “seguono” Wall Street: crollo di Tokyo ma non di Shanghai
02/12/2008