21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/05/2016, 11.43

    NEPAL

    Accordo tra governo e maoisti: l’amnistia per i crimini di guerra indigna la popolazione

    Christopher Sharma

    Il patto ritira le leggi che puniscono i crimini contro l’umanità come stupro, tortura, omicidio e sequestro. Il conflitto civile ha coinvolto forze del governo e ribelli maoisti. Il capo del partito maoista ha già 37 denunce pendenti. L’amnistia è a tutti gli effetti una resa ai maoisti, che avevano minacciato di togliere l’appoggio al governo.

    Kathmandu (AsiaNews) – Il governo di Kathmandu, appoggiato all’esterno dal partito maoista, ha approvato un accordo che prevede di eliminare le leggi che puniscono i crimini di guerra commessi durante il conflitto civile (1995-2006). In questo modo coloro che si sono macchiati di crimini come stupro, omicidio, tortura e sequestri non potranno essere giudicati dalla Commissione varata di recente per raccogliere le denunce della popolazione civile. I difensori dei diritti umani sono indignati e hanno denunciato la “losca manovra” del governo e del suo alleato maoista, che nelle settimane scorse aveva minacciato di togliere l’appoggio al primo ministro. Secondo gli analisi, questa amnistia politica è a tutti gli effetti una resa di Kathmandu agli ex ribelli, nel tentativo di scongiurare la caduta del governo.

    La decisione del governo ha acceso aspre polemiche nel Paese. Durata oltre 10 anni, la guerra civile in Nepal ha coinvolto forze governative e ribelli maoisti, entrambi macchiatisi di crimini contro l’umanità. Il conflitto ha provocato circa 17mila morti e 100mila sfollati e si è concluso con un accordo globale di pace firmato il 21 novembre 2006 davanti a Onu e comunità internazionale (il Comprehensive Peace Accord).

    Ieri attivisti e difensori delle vittime hanno organizzato un sit-in di protesta di fronte all’ufficio del primo ministro Khadga Prasad Sharma Oli e hanno presentato un appello alla Corte suprema. Alcune vittime hanno anche minacciato di rivolgersi agli organismi internazionali, se la decisione non verrà ritirata subito.

    L’accordo in nove punti prevede la depenalizzazione dei crimini di guerra entro 15 giorni. I.P. Aryal, presidente della Human Rights Organization (Huron)-Nepal, ha dichiarato: “La politica non deve interferire con la giustizia. Abrogare le leggi ed evitare le azioni legali porterà ad un aumento dell’impunità e dell’illegalità. La giustizia e i diritti umani non devono essere modificati per nessun motivo”.

    L’accordo arriva a meno di un mese dall’inizio dei lavori della Truth and Reconciliation Commission (Trc), che sta raccogliendo le denunce dei familiari delle vittime. Rajani Chaudhari, che ha perso due fratelli, il marito e un cugino, dice: “Pretendo che il killer dei miei familiari sia imputato ad ogni costo e che la mia denuncia non venga respinta”.

    Quello che più indigna i parenti delle vittime, è che l’accordo rende non più perseguibili i colpevoli di gravi crimini. Tra gli accusati vi è anche Pushpa Kamal Dahal, presidente del partito maoista ed ex premier, contro il quale sono state già registrate 37 denunce. Barsha Man Pun, segretario dell’UCPN-Maoist ha commentato: “Le organizzazioni umanitarie internazionali hanno provocato alcune persone contro di noi”. Il segretario ha poi ammesso che “durante la ribellione ci sono state delle vittime, ma bisogna considerarle alla luce degli eventi politici e non si deve pensare che gli individui siano responsabili”. “Se saranno raccolti i casi durante l’insurrezione – ha aggiunto –, allora tutti gli alti dirigenti maoisti verranno mandati in carcere, comprese le autorità di governo. Questo fermerà il processo di pace”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2015 NEPAL
    Nepal, Corte suprema: Nessuna amnistia per la guerra civile
    Il tribunale ha annullato il provvedimento che concedeva l'amnistia a chi ha commesso gravi abusi ai diritti umani durante la guerra civile. Il governo ha promesso di rispettare la decisione della corte. Dal 1996 al 2006 più di 17mila persone sono state uccise; 1.300 persone sono scomparse; migliaia sono stati i profughi.

    18/06/2016 09:02:00 NEPAL
    Commissione sui crimini di guerra sommersa dalle denunce. Tremano i leader maoisti

    La Truth and Reconciliation Commission ha registrato più di 57mila denunce in due mesi di attività. Decine sono quelle a carico dell’ex premier maoista Prachanda. Nel tentativo di proteggere i suoi quadri, i maoisti minacciano di togliere l’appoggio esterno all’esecutivo. Il capo della Commissione denuncia: “Se Kathmandu non farà il suo dovere, chiederemo l’intervento dei tribunali internazionali”.



    31/05/2010 NEPAL
    Il premier Kumar Nepal rifiuta di dimettersi, i maoisti insorgono
    Il partito maoista chiede le dimissioni del primo ministro entro le prossime 72 ore, pena la destabilizzazione del Paese. L’annuncio avviene dopo lo storico accordo sulla proroga della nuova costituzione firmato lo scorso 28 maggio. Il premier si dimetterà solo dopo il disarmo degli ex guerriglieri e la restituzione dei territori occupati dai maoisti.

    03/05/2010 NEPAL
    Esercito in allerta; non si ferma la protesta dei maoisti
    Oltre 200mila persone partecipano da ieri allo sciopero generale annunciato dal Partito maoista. Esercito pronto a rispondere in caso di violenze. Nuove manifestazioni sono previste nei prossimi giorni per le fallite contrattazioni tra governo ed ex guerriglieri .

    22/07/2010 NEPAL
    Le tensioni fra i partiti lasciano il Nepal senza governo
    I membri del parlamento non sono riusciti a eleggere un nuovo primo ministro, dopo le dimissioni del Premier Kumar Nepal. I leader dei partiti minori, in protesta con le coalizioni più forti, hanno votato in massa scheda bianca. La nuova votazione è prevista per il prossimo 23 luglio, ma è alto il rischio di un nuovo fallimento.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®