01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/07/2009, 00.00

    CINA

    Al G8 la Cina spinge per una alternativa al dollaro



    Il presidente cinese Hu Jintao proporrà l’adozione di valute mondiali di riferimento. Esperti: Pechino non vuole davvero mutamenti immediati, perché ha riserve valutarie in moneta Usa per 1.500 miliardi di dollari.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Alla vigilia della riunione del G 8, che si apre il 6 luglio a L’Aquila (Italia), la Cina aumenta la pressione per spodestare il dollaro Usa dal ruolo di valuta di riferimento e per rendere il suo yuan sempre più utilizzato nelle transazioni commerciali. La centrale Banca del Popolo di Cina (Bpc) ha annunciato la possibilità di effettuare transazioni commerciali in yuan attraverso istituzioni finanziarie di Hong Kong e Macao, possibilità che sarà presto estesa ad altre città cinesi meridionali.

    Analoga possibilità dovrebbe esserci per i Paesi del Sudest asiatico con le province cinesi di Yunnan e Guangxi.

    Questo annuncio non ha conseguenze immediate, ma conferma il costante lavorio di Pechino per rendere la sua valuta sempre più utilizzata in campo internazionale, togliendo spazio alle altre valute. Analisti osservano che il dollaro è in crisi, l’euro è in una fase di stallo e lo yen giapponese risente dei risultati economici negativi del Paese. Molti operatori potrebbero perciò decidere di puntare sullo yuan, come valuta destinata a rafforzarsi, anche grazie al costante pieno sostegno del governo cinese.

    Questa “mossa” arriva dopo che ieri He Yafei, viceministro cinese agli Esteri, ha ripetuto che la Cina chiede che nel futuro ci siano più valute di riferimento per il mercato e che ritiene “normale” che la questione sia discussa al G8 (a cui partecipano Stati Uniti, Russia, Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna, Canada, Italia ed è allargato ai Paesi emergenti Cina, India, Sudafrica e Brasile).

    A sua volta Zhou Xiaochuan, governatore della Bpc, la settimana scorsa ha ribadito la proposta che la comunità internazionale adotti come valuta di riferimento lo Special Drawing Right (Sdr, il Diritto speciale di prelievo), moneta virtuale utilizzata dal Fondo monetario internazionale ma poco nota, che fa riferimento ai valori di dollaro Usa, euro, sterlina britannica e yen giapponese. Esperti ritengono probabile che il presidente cinese Hu Jintao lanci questa proposta al summit, magari chiedendo che tra le valute di riferimento sia compreso anche lo yuan, con il sostegno degli altri Paesi emergenti. Pechino non vuole un’immediata decisione, che lascerebbe fuori il suo yuan dal paniere e che getterebbe nella confusione il mondo commerciale. Ma intende aprire una discussione su quali possano essere le valute di riferimento. In questo modo, costringerebbe il dollaro a mantenere il proprio valore, per evitare di perdere l’attuale ruolo centrale, e otterrebbe un’importanza sempre maggiore per la propria valuta.

    Molti osservano che Pechino, tenendo per anni lo yuan molto sottovalutato rispetto al dollaro, ha generato a suo favore un robusto surplus negli scambi commerciali. Ciò le ha anche permesso di costituire riserve in valuta estera per 1.954mila miliardi di dollari allo scorso marzo, che per almeno 1.500 miliardi è in dollari Usa (per 763,5 miliardi in titoli del tesoro statali). La crisi finanziaria statunitense preoccupa quindi Pechino, che subirebbe gravi conseguenze da un immediato deprezzamento del dollaro. La Cina ha perciò interesse solo a una graduale perdita di centralità e di valore della valuta Usa, che le permetta intanto di diversificare le sue riserve e che sia compensata dall’affermazione dello yuan.

    Tale preoccupazione è stata esposta oggi dall’ex vicepremier Zeng Peiyan, che in un documento online ha insistito sulla necessità di “un sistema che mantenga la stabilità delle principali riserve di valute”.

    Gli Stati Uniti non stanno alla finestra e premono perché lo yuan si apprezzi secondo l’effettivo valore attuale. Owen Humpage, analista economico della Federal Reserve Bank di Cleveland (Usa), ha osservato che i Paesi che vogliono diminuire la loro esposizione al dollaro, devono solo cessare di intervenire nel mercato dei cambi e permettere alla loro valuta di apprezzarsi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2010 CINA
    Le riserve cinesi di valuta oltre i 2.500 miliardi di dollari
    Aumentate di oltre 48 miliardi nel 3° trimestre 2010. Usa ed Europa insistono per un riapprezzamento dello yuan, ma Pechino disposta solo a piccoli passi e in modo graduale, per non aumentare inflazione e disoccupazione.

    07/12/2010 CINA - STATI UNITI
    Si profila sempre più un braccio di ferro valutario Cina-Stati Uniti
    Secondo esperti, la forte liquidità monetaria voluta dagli Stati Uniti causa effetti inflattivi sulla moneta cinese, cosa che può costringere Pechino a riapprezzarla. La Cina tiene lo yuan sottostimato, per favorire le proprie esportazioni.

    10/04/2008 CINA - STATI UNITI
    Si rivaluta lo yuan: 7 per un dollaro
    E’ la prima volta da quando nel 2005 è stato tolto il cambio fisso. Esperti: Pechino ha interesse a una rapida rivalutazione dello yuan anche per combattere l’inflazione interna, ma ancora non intende liberalizzare né la valuta né il proprio mercato.

    19/06/2008 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
    I due Paesi vogliono concordare un trattato bilaterale sul commercio e sviluppare energie alternative e rispettose dell’ambiente. Elogi reciproci e soddisfazione per la rivalutazione dello yuan. Intanto sono stati conclusi affari per 13,8 miliardi e Pechino annuncia la presenza di Bush alle Olimpiadi.

    18/06/2009 CINA - RUSSIA
    Pechino e Mosca chiedono a Pyongyang di tornare al tavolo dei negoziati
    I due Paesi esprimono “grave preoccupazione” per l’escalation della tensione. Durante la visita ufficiale di Hu Jintao si è parlato anche di economia, valuta, commercio e collaborazione. I due Stati vogliono assumere maggior rilievo quale alternativa agli Usa.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®