26 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/12/2007
CINA
Arcivescovo di Guangzhou: “Combattere la minaccia del materialismo”
Mons. Joseph Gan Junqiu, nuovo arcivescovo della metropoli meridionale, parla ad AsiaNews della sua diocesi “vivace, ma con grandi sfide davanti a sé”. La minaccia della “corsa al denaro, che lascia nella popolazione un vuoto di valori preoccupante”.

Guangzhou (AsiaNews) – Una diocesi grande con fedeli impegnati, una comunità vivace ma con grandi sfide davanti: dalla carenza di vocazioni al dilagante materialismo che attanaglia giovani e adulti. È il ritratto di Guangzhou tracciato dal suo neo arcivescovo, mons. Joseph Gan Junqiu. In un’intervista ad AsiaNews il presule, ordinato stamattina nella famosa “Casa di Pietra”, la grande cattedrale del Sacro Cuore, al centro della città.
 
Mons. Gan è stato eletto arcivescovo nel novembre del 2006. Subito dopo la sua elezione, ha ricevuto e comunicato ai fedeli del posto l’approvazione della Santa Sede. A causa dell’ostruzionismo dell’Associazione Patriottica, che non ha gradito questa pubblica dichiarazione di fedeltà al Papa, la sua ordinazione è rimasta bloccata fino ad oggi.
 
Eccellenza, che tipo di diocesi è Guangzhou?
La diocesi di Guangzhou è molto grande: 40mila fedeli, solo in città sono circa 15mila. Abbiamo tre seminaristi e tre preti che studiano teologia, più alcune suore, che aiutano nelle parrocchie. Qui in città siamo io e il parroco. Al momento abbiamo poche vocazioni, soprattutto maschili, e la maggior parte di religiosi e religiose viene da fuori.
Dal 1999 ad oggi abbiamo registrato circa 100 battesimi l’anno. I catecumeni aumentano, soprattutto da quando - lo scorso febbraio - è stata riaperta al pubblico la cattedrale dopo i lavori di restauro. Molti arrivano spinti inizialmente solo da curiosità per l’edificio, poi si fermano.
La comunità è molto variegata, con una forte presenza di stranieri, soprattutto nigeriani e filippini.
Ogni domenica abbiamo sei messe, in diversi orari a seconda della lingua: mandarino, coreano, cantonese, inglese.
 
Può darci un ritratto della comunità? 
Circa l’80 per cento della comunità è rappresentato da persone di età media e giovani. In molti sono studenti universitari; in alcune facoltà ci sono sacerdoti, che insegnano inglese e contribuiscono a far conoscere la Chiesa. Nei primi anni ’80, con la ripresa della vita religiosa, in chiesa venivano numerosi migranti dalle campagne. Ma oggi abbiamo un gran bisogno di cristiani che testimonino la fede, che facciano formazione. La comunità è comunque vivace: ad esempio, abbiamo adolescenti e giovani fino ai 30 anni, che formano gruppi di aiuto per l’assistenza agli anziani.
Ma ci sono anche giovani imprenditori, che fanno volontariato e uno di loro mi ha molto impressionato quando ho saputo che nella sua azienda parla del Vangelo agli impiegati. Ogni estate, poi, in tutte le parrocchie organizziamo un periodo di preparazione ai sacramenti per i ragazzi.
 
Quali le sfide maggiori in questo momento?
La secolarizzazione ed il materialismo sono le sfide più grandi: Guangzhou è la capitale della provincia più ricca della Cina, il Guangdong. La corsa al denaro a tutti i costi è visibile nella vita e nei comportamenti di tutti i giorni. Ma alla fine, soprattutto i giovani, sentono il vuoto della società e cercano valori positivi. Gli stessi quadri del Partito riconosco che c’è una carenza di valori e di spiritualità.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/12/2007 CINA - VATICANO
Nuovo arcivescovo di Guangzhou: “Anche in Cina la Chiesa è una e cattolica”
16/11/2007 CINA - VATICANO
L’AP frena l’ordinazione del vescovo di Guangzhou, approvato dalla Santa Sede
03/12/2007 CINA – VATICANO
Fissata per domani l’ordinazione del vescovo di Guangzhou
17/09/2007 CINA - VATICANO
Pechino si prepara all’ordinazione di mons. Li Shan; l’AP requisisce la casa del vescovo
18/01/2007 VATICANO - CINA
Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
di Bernardo Cervellera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate