25 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/03/2011, 00.00

    RUSSIA

    Arkhangelsk, Chiesa ortodossa contro le sette, compresi i corsi di yoga



    Le autorità locali scrivono all’eparchia per invitare a tenere lontani dalle scuole “culti distruttivi” come quello dei Testimoni di Geova. Ma per i responsabili religiosi incombe anche il problema dello yoga, pratica che fa vero “reclutamento” negli spazi pubblici.

    Mosca (AsiaNews) – Le autorità di Arkhangelsk scrivono alla Chiesa russo-ortodossa locale per ricordare la necessità di vigilare sulle attività di “nuovi movimenti” religiosi nelle scuole. Nella sua lettera, il Dipartimento comunale per l’istruzione cita in particolare i Testimoni di Geova come setta da tenere lontana dai centri educativi. Ma per l’eparchia c’è anche un altro pericolo che incombe sulla comunità e sono le lezioni di yoga, considerato alla stregua di una religione, che fa vero proselitismo attraverso le lezioni in spazi pubblici.

    Come riporta il centro d’informazione Sova,  lo scorso  9 marzo il Dipartimento per l’istruzione ha inviato una lettera all’eparca Danijl di Arkhangelsk  e Kholmogorsky - nord di Mosca -  per ricordare che le autorità cittadine sono impegnate nel “combattere la diffusione di associazioni religiose nella scuole”. Sul territorio municipale è stato attivato il progetto “Prevenzione dei culti distruttivi” a cui partecipano operatori sociali, educatori e psicologi. Sono, inoltre, in corso laboratori su temi specifici come “Prevenzione della dipendenza da culti distruttivi” e “Concetto ed essenza delle sette totalitarie e distruttive”. 

    Per sette o culti distruttivi in Russia spesso si intendono molte delle realtà religiose non classificabili tra confessioni e denominazioni tradizionali o per lo più non gradite a autorità politiche e ortodosse. Nel mirino su tutto il territorio nazionale, ci sono i Testimoni di Geova, oggetto di una vera persecuzione anche sul piano giudiziario.  Anche ad Arkhangelsk  le autorità puntano il dito contro i Testimoni e invitano l’eparchia e i responsabili educativi a tenerli lontani dalle aree scolastiche. La lettera invita poi a utilizzare nelle scuole programmi fortemente tagliati su contenuti ortodossi sia per le lezioni standard che per i corsi facoltativi. 

    Nella sua lettera di risposta, il centro informazione dell’eparchia accoglie l’invito delle autorità e rincara la dose. Non sono solo i Testimoni di Geova a preoccupare, ma anche gli “insegnanti di yoga” che entrano nelle scuole pubbliche da “dietro le quinte”. I leader religiosi si riferiscono alle lezioni di yoga tenute in spazi pubblici. Come il museo della città di Arkhangelsk, dove si svolgono conferenze sul “Tantra yoga”, una delle forme più antiche di yoga.   Quello che non piace alla Chiesa locale è che gli insegnanti dicano che lo yoga possa essere praticato da fedeli di ogni religione e che alla fine delle letture pubbliche spesso si pubblicizzino corsi a pagamento che vengono svolti in una delle scuole cittadine, come la n°11 o la Casa d’arte per i bambini Solombala. La direttrice della scuola n°11 ha spiegato che tutto è nella norma perché i responsabili dei corsi affittano regolarmente gli spazi dell’istituto, ma per le autorità religiose lo yoga è a tutti gli effetti una “pratica religiosa” e gli insegnanti, promuovendo i loro corsi, non fanno altro che “reclutamento”. La Chiesa chiede il sostegno del potere politico nell’arginare il fenomeno e erigere una “barriera contro questa gente senza scrupolo”. “Devono capire che il tempo dell’‘onnivoria’ religiosa è passato”, conclude la lettera. (N.A.)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/08/2017 11:37:00 RUSSIA
    Putin e l’anniversario dei vecchio-credenti, i ‘veri russi’

    Frutto di uno scisma e di una scomunica nel XVII secolo, i vecchio-credenti si ritengono la “vera” Chiesa ortodossa russa. Ha comunità anche all’estero, in Uganda e Pakistan. In diversi momenti il presidente russo ha mostrato benevolenza e liberalità verso di loro.



    28/09/2017 15:27:00 RUSSIA
    La libertà religiosa post-sovietica ha 20 anni

    La legge del 1997 afferma la superiorità dell’Ortodossia; riconosce quattro “religioni tradizionali”: islam, buddismo, ebraismo, cristianesimo protestante e cattolico. Riconosciuti anche i gruppi che dimostravano di essere attive da almeno 15 anni prima della legge. Per la presenza di una moltitudine di sette, si vorrebbe restringere la legge. Di mira i Testimoni di Geova e Scientology. Ma il mondo ortodosso è contrario.



    08/07/2011 RUSSIA
    Nazionalisti ortodossi tentano di impedire il congresso dei Testimoni di Geova
    L’evento dovrebbe svolgersi questo fine settimana, ma l’organizzazione ‘Consiglio del popolo’ chiede al procuratore generale di verificarne la legalità: “I TdG sono una setta pericolosa e violano la legge”.

    14/08/2017 08:38:00 RUSSIA
    'Estremismo': lo Stato russo e la caccia alle streghe contro i Testimoni di Geova

    Una donna e suo figlio arrestati a Kursk per aver distribuito volantini di invito alla setta. “Estremiste” anche le traduzioni della Bibbia che non partono dalle fonti ebraiche e greche. Lo stesso per traduzioni del Corano non in arabo. Arrestato un pastore protestante che curava i drogati. Anche i fedeli di un vescovo considerato santo, bollati come “estremisti”: rischiano la prigione.



    21/04/2017 11:24:00 RUSSIA
    Corte suprema di Mosca: I Testimoni di Geova sono fuorilegge

    Sono “una minaccia ai diritti dei cittadini, all’ordine pubblico e alla sicurezza pubblica”. Preoccupazione dei membri e rappresentanti del movimento, che faranno appello. 





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®