21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/07/2016, 11.28

    ISRAELE - PALESTINA

    Attivisti e comunità internazionale contro gli 800 nuovi insediamenti di Israele



    Il piano del governo prevede la costruzione di centinaia di nuovi edifici in Cisgiordania e a Gerusalemme est. Dipartimento Usa: “Ultimo atto di di un processo sistematico di confisca dei terreni”. Peace Now: "Ulteriore pietra sulle possibilità di pace: rafforzerà l’estremismo su entrambi i fronti”. 

    Gerusalemme (AsiaNews) - Il piano di Israele, che prevede la costruzione di centinaia di nuove case negli insediamenti della Cisgiordania e a Gerusalemme est, ha attirato le critiche degli Stati Uniti e di associazioni attiviste fra cui Peace Now, da tempo in prima linea contro l’occupazione. John Kirby, portavoce del Dipartimento di Stato Usa, ha definito i nuovi progetti in chiave espansionista “l’ultimo atto… di un processo sistematico di confisca dei terreni”. 

    La politica espansionista di Israele è finita di recente nel mirino del Quartetto per il Medio oriente, organismo composto da Nazioni Unite, Stati Uniti, Unione europea e Russia; in un recente rapporto i vertici del gruppo hanno chiesto a Israele di assumere “provvedimenti urgenti” per fermare l’espansione degli insediamenti nei Territori palestinesi. 

    In risposta, fonti ufficiali israeliane riferiscono che lo stesso Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha autorizzato il piano per la realizzazione di centinaia di alloggi. 

    Dagli ambienti di governo filtra la voce secondo cui sono in preparazione 560 nuovi edifici a Maale Adumim, sobborgo nella periferia di Gerusalemme; a questo si aggiungono 200 unità abitative all’interno della città stessa. Il piano prevede infine la creazione di 600 alloggi nella zona araba di Gerusalemme est. 

    “Se confermato - afferma John Kirby - questo rapporto sarebbe l’ultimo atto di quello che appare un processo sistematico di confisca di terreni, espansione di insediamenti e legalizzazione di avamposti che minano le prospettive della soluzione a due Stati”. Forti critiche giungono anche dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, che attraverso il portavoce avanza “dubbi legittimi” in merito alle “intenzioni di lungo periodo” di Israele. Egli ricorda le dichiarazioni di alcuni ministri del governo, che parlano in modo aperto di “annessione della Cisgiordania”. 

    In una nota Peace Now, associazione che da anni si batte contro l’espansionismo di Israele, sottolinea che il nuovo progetto è un’ulteriore pietra “sulle possibilità di pace e sulla soluzione dei due Stati” e mette in pericolo “la sicurezza” stessa dei cittadini israeliani. “Le nuove unità abitative - prosegue il documento - non impediranno ulteriori vittime, ma rafforzerà l’estremismo su entrambi i fronti”. La vera risposta al terrore “è la fine dell’occupazione e il raggiungimento di un accordo”; nel frattempo i cittadini israeliani continuano a “pagare il prezzo” delle politiche di “estrema destra” volute dall’esecutivo. 

    Critiche giungono infine anche da Yousif al-Mahmoud, portavoce dell’Autorità palestinese, contrario all’approvazione delle 800 nuove unità abitative complessive. Egli lancia un appello alla comunità internazionale, perché prenda provvedimenti urgenti contro l’escalation di Israele. 

    Ad oggi almeno 570mila cittadini israeliani vivono in oltre 100 insediamenti costruiti da Israele a partire dal 1967, data di inizio dell’occupazione dei Territori in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Il diritto internazionale considera illegali questi insediamenti; una posizione contestata dal governo israeliano, che negli ultimi anni ha rafforzato la politica espansionista.

    I colloqui di pace tra le due parti si sono interrotti nel 2014, scatenando una escalation di violenze nella regione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2009 ISRAELE - USA
    Lieberman a Clinton: Israele non fermerà gli insediamenti in Cisgiordania
    Si tratta di una sfida aperta con l’amministrazione Usa che vuole il congelamento delle colonie in Cisgiordania e Gerusalemme est. I timori di Peace Now. Secondo l’Onu tutti gli insediamenti sono illegali.

    01/09/2016 08:58:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele sfida l'Onu e approva 464 nuove case in Cisgiordania

    In programma la realizzazione di 234 case di cura a Elkana, 30 abitazioni a Beit Arye e altre 20 a Givat Zeev. Rilasciati 179 permessi retroattivi per abitazioni “illegali” già esistenti. Critiche Onu verso Israele: la politica espansionista "è contro la pace". Il governo Netanyahu parla di affermazioni “assurde”. 



    11/07/2016 08:54:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele stanzia 13 milioni di dollari per le colonie in Cisgiordania

    Il governo ha approvato la distribuzione, entro tre anni, di 12,8 milioni di dollari per gli insediamenti di Kiryat Arba ed Hebron. Serviranno per realizzare interventi nel sociale, nell’istruzione e per la sicurezza. Ieri centinaia di coloni hanno marciato per denunciare gli attacchi palestinesi. 



    26/01/2017 08:51:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Lega araba contro Israele: le colonie, segno del “disprezzo” per la comunità internazionale

    Dichiarazione di Ahmed Aboul Gheit, leader dell’organizzazione. Il governo Netanyahu vuole “far fallire” tutti gli “sforzi” per la soluzione dei due Stati. Il Consiglio di sicurezza Onu non si esprime sui progetti di ampliamento degli insediamenti. 

     



    25/01/2017 08:46:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Israele vuole costruire migliaia di nuove abitazioni nei Territori. Condanna Onu

    Il governo ha annunciato la realizzazione di 2500 nuove unità abitative. Il progetto di espansione più imponente degli ultimi anni. Ferma condanna dei palestinesi. Contrarie le Nazioni Unite: “Azioni unilaterali” ostacolo alla pace e alla soluzione dei due Stati. Nessun commento dalla Casa Bianca, che conferma la volontà di “riavvicinarsi” a Israele. 

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®