16 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/05/2017, 12.02

    CINA

    Avvocati internazionali per il rilascio di Xie Yang, detenuto da Pechino



    La International Commission of Jurists (Icj) ha diffuso un comunicato. Sam Zarifi: “Avvocati come lui indispensabili per garantire diritti umani e stato di diritto in Cina”. Durante la detenzione inflitte gravi torture e maltrattamenti. Chen Guiqiu, moglie dell’avvocato: “Avevano promesso la sua liberazione entro aprile”. La promessa di scarcerazione legata alla registrazione di una “video-confessione”.

    Pechino (AsiaNews/Rfa) – Un gruppo internazionale di avvocati e giudici ha invitato Pechino a rilasciare l'avvocato per i diritti umani Xie Yang, detenuto dal luglio 2015 in seguito ad una serie di arresti di massa operati dalle autorità cinesi. Il tribunale della città di Changsha, nella provincia centrale dell’Hunan, lo scorso 25 aprile ha rinviato senza motivo il processo dell’avvocato cristiano protestante.

    Xie aveva lavorato in numerosi casi considerati politicamente sensibili dal Partito comunista. Come altri avvocati perseguiti dalle autorità, in passato egli ha prestato assistenza legale a dissidenti. Tra i suoi clienti vi erano numerosi attivisti cinesi che sostengono la democrazia di Hong Kong e cristiani impegnati nella difesa per la libertà religiosa.

    La International Commission of Jurists (Icj) ha diffuso un comunicato sul proprio sito web, lanciando un appello al governo cinese per la scarcerazione di Xie, che durante la detenzione ha subito gravi torture e maltrattamenti. Sam Zarifi, segretario generale della Icj, ha dichiarato: “L'arresto e l'incriminazione di Xie Yang sembrano essere in relazione con le sue legittime funzioni professionali di avvocato per i diritti umani”.

    “Nessun legale dovrebbe essere perseguitato per aver svolto i propri doveri professionali. Avvocati come Xie Yang sono indispensabili per garantire la tutela dei diritti umani e mantenere lo stato di diritto in Cina”, ha detto Zarifi. “Il governo dovrebbe rilasciarlo immediatamente e condurre un'indagine tempestiva, approfondita e imparziale sulle accuse di tortura”.

    La Icj ha rivelato che Xie non è più riuscito a comunicare con i suoi avvocati dal momento in cui ha raccontato loro delle torture per mano della polizia ed è ora rappresentato da un avvocato nominato dal governo. In accordo con le leggi internazionali in materia di diritti umani, il comunicato dell’associazione ribadisce che il detenuto deve essere liberato quanto prima, poiché in assenza di un reato riconoscibile.

    Chen Guiqiu, moglie di Xie che si trova ora negli Stati Uniti, ha dichiarato che l'avvocato del governo è colluso con la polizia e non può offrire una difesa adeguata per suo marito. La donna ha anche accusato le autorità di aver rotto la promessa per il suo pronto rilascio. “Mi avevano detto che sarebbe stato rilasciato intorno alla fine di aprile e che con probabilità avrebbe avuto alcune restrizioni sulla sua libertà per pochi giorni. Le condizioni per l’accordo erano che avremmo dovuto smettere di parlare”.

    Fonti vicine alle autorità hanno rivelato che la promessa di scarcerazione sarebbe legata alla registrazione di una “video-confessione” da parte di Xie. L’offerta, secondo le fonti, sarebbe stata presentata poco dopo la pubblicazione delle accuse di tortura mosse nei confronti di Pechino.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/04/2017 14:12:00 CINA
    Rinviato senza motivo il processo a Xie Yang. Presenti manifestanti e diplomatici

    L’avvocato è accusato di “incitamento alla sovversione del potere statale”. È uno dei massimi rappresentanti del “gruppo 709”: avvocati e attivisti detenuti dal 2015. L'Unione europea: “Seguiamo il caso con attenzione”.



    28/03/2017 14:34:00 CINA
    Suzhou, 9 attivisti per i diritti umani detenuti in segreto da settembre

    L’8 settembre 2016 la polizia ha sequestrato i manifestanti fuori dal tribunale del popolo a Suzhou. Otto sono sotto “sorveglianza residenziale in un luogo designato” (Rsdl), mentre un altro è stato formalmente arrestato. Gli arrestati protestavano contro la condanna di Fan Mugen. Alcuni dei detenuti sono accusati di aver inviato on-line messaggi “politicamente sensibili”. Nel mese di novembre altri arresti da parte della polizia. Il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura: “L’Rsdl misura ampiamente abusata e aperta ad interpretazione e applicazione illecite”. Undici Paesi hanno chiesto di porre fine alla pratica.



    29/04/2017 09:29:00 CINA
    Tre anni di carcere per Li Heping, avvocato cristiano per i diritti umani

    Il processo condotto a porte chiuse. È uno degli avvocati e attivisti per i diritti arrestati nel luglio 2015. Durante la prigionia Li ha subito torture. In assenza di reati durante la sospensiva non dovrà scontare la  pena.



    02/03/2017 16:03:00 CINA
    Lettera ai leader mondiali dai familiari degli avvocati del “709” sui dettagli emergenti delle orribili torture

    L’ufficio della pubblica sicurezza, il procuratorato municipale, il secondo centro di detenzione di Changsha e tutte le persone coinvolte nel caso di Xie Yang hanno agito in modo complice gli uni con gli altri. Hanno impedito agli avvocati di vedere Xie Yang, hanno insabbiato la tortura destinata ad ottenere una confessione e punito un uomo del tutto innocente.



    25/01/2017 10:53:00 CINA
    Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni”

    Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®