16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 03/05/2017, 12.02

    CINA

    Avvocati internazionali per il rilascio di Xie Yang, detenuto da Pechino



    La International Commission of Jurists (Icj) ha diffuso un comunicato. Sam Zarifi: “Avvocati come lui indispensabili per garantire diritti umani e stato di diritto in Cina”. Durante la detenzione inflitte gravi torture e maltrattamenti. Chen Guiqiu, moglie dell’avvocato: “Avevano promesso la sua liberazione entro aprile”. La promessa di scarcerazione legata alla registrazione di una “video-confessione”.

    Pechino (AsiaNews/Rfa) – Un gruppo internazionale di avvocati e giudici ha invitato Pechino a rilasciare l'avvocato per i diritti umani Xie Yang, detenuto dal luglio 2015 in seguito ad una serie di arresti di massa operati dalle autorità cinesi. Il tribunale della città di Changsha, nella provincia centrale dell’Hunan, lo scorso 25 aprile ha rinviato senza motivo il processo dell’avvocato cristiano protestante.

    Xie aveva lavorato in numerosi casi considerati politicamente sensibili dal Partito comunista. Come altri avvocati perseguiti dalle autorità, in passato egli ha prestato assistenza legale a dissidenti. Tra i suoi clienti vi erano numerosi attivisti cinesi che sostengono la democrazia di Hong Kong e cristiani impegnati nella difesa per la libertà religiosa.

    La International Commission of Jurists (Icj) ha diffuso un comunicato sul proprio sito web, lanciando un appello al governo cinese per la scarcerazione di Xie, che durante la detenzione ha subito gravi torture e maltrattamenti. Sam Zarifi, segretario generale della Icj, ha dichiarato: “L'arresto e l'incriminazione di Xie Yang sembrano essere in relazione con le sue legittime funzioni professionali di avvocato per i diritti umani”.

    “Nessun legale dovrebbe essere perseguitato per aver svolto i propri doveri professionali. Avvocati come Xie Yang sono indispensabili per garantire la tutela dei diritti umani e mantenere lo stato di diritto in Cina”, ha detto Zarifi. “Il governo dovrebbe rilasciarlo immediatamente e condurre un'indagine tempestiva, approfondita e imparziale sulle accuse di tortura”.

    La Icj ha rivelato che Xie non è più riuscito a comunicare con i suoi avvocati dal momento in cui ha raccontato loro delle torture per mano della polizia ed è ora rappresentato da un avvocato nominato dal governo. In accordo con le leggi internazionali in materia di diritti umani, il comunicato dell’associazione ribadisce che il detenuto deve essere liberato quanto prima, poiché in assenza di un reato riconoscibile.

    Chen Guiqiu, moglie di Xie che si trova ora negli Stati Uniti, ha dichiarato che l'avvocato del governo è colluso con la polizia e non può offrire una difesa adeguata per suo marito. La donna ha anche accusato le autorità di aver rotto la promessa per il suo pronto rilascio. “Mi avevano detto che sarebbe stato rilasciato intorno alla fine di aprile e che con probabilità avrebbe avuto alcune restrizioni sulla sua libertà per pochi giorni. Le condizioni per l’accordo erano che avremmo dovuto smettere di parlare”.

    Fonti vicine alle autorità hanno rivelato che la promessa di scarcerazione sarebbe legata alla registrazione di una “video-confessione” da parte di Xie. L’offerta, secondo le fonti, sarebbe stata presentata poco dopo la pubblicazione delle accuse di tortura mosse nei confronti di Pechino.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/04/2017 14:12:00 CINA
    Rinviato senza motivo il processo a Xie Yang. Presenti manifestanti e diplomatici

    L’avvocato è accusato di “incitamento alla sovversione del potere statale”. È uno dei massimi rappresentanti del “gruppo 709”: avvocati e attivisti detenuti dal 2015. L'Unione europea: “Seguiamo il caso con attenzione”.



    28/03/2017 14:34:00 CINA
    Suzhou, 9 attivisti per i diritti umani detenuti in segreto da settembre

    L’8 settembre 2016 la polizia ha sequestrato i manifestanti fuori dal tribunale del popolo a Suzhou. Otto sono sotto “sorveglianza residenziale in un luogo designato” (Rsdl), mentre un altro è stato formalmente arrestato. Gli arrestati protestavano contro la condanna di Fan Mugen. Alcuni dei detenuti sono accusati di aver inviato on-line messaggi “politicamente sensibili”. Nel mese di novembre altri arresti da parte della polizia. Il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura: “L’Rsdl misura ampiamente abusata e aperta ad interpretazione e applicazione illecite”. Undici Paesi hanno chiesto di porre fine alla pratica.



    29/04/2017 09:29:00 CINA
    Tre anni di carcere per Li Heping, avvocato cristiano per i diritti umani

    Il processo condotto a porte chiuse. È uno degli avvocati e attivisti per i diritti arrestati nel luglio 2015. Durante la prigionia Li ha subito torture. In assenza di reati durante la sospensiva non dovrà scontare la  pena.



    30/08/2017 11:50:00 CINA
    Hu Jia: Liu Xia è “più in pericolo di quanto lo sia mai stato Liu Xiaobo”

    Nessuno l’ha più vista dalla cerimonia funebre del marito. Per i suoi amici ella è trattenuta dalle autorità. Forti preoccupazioni per la sua salute fisica e mentale. Molti attivisti si preparano a commemorare Liu Xiaobo a dispetto della censura di Pechino.



    02/03/2017 16:03:00 CINA
    Lettera ai leader mondiali dai familiari degli avvocati del “709” sui dettagli emergenti delle orribili torture

    L’ufficio della pubblica sicurezza, il procuratorato municipale, il secondo centro di detenzione di Changsha e tutte le persone coinvolte nel caso di Xie Yang hanno agito in modo complice gli uni con gli altri. Hanno impedito agli avvocati di vedere Xie Yang, hanno insabbiato la tortura destinata ad ottenere una confessione e punito un uomo del tutto innocente.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®