18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/09/2017, 08.58

    BANGLADESH

    Bandarban, il card. Patrick D’Rozario visita i campi profughi dei Rohingya (Foto)

    Sumon Corraya

    L’arcivescono di Dhaka si è recato a Tumbro e Ghumdhum. Ha ascoltato le storie di violenze e miseria. Il porporato lancia un appello ai leader mondiali. La Chiesa cattolica ha raccolto un milione di taka (10.200 euro) per l’emergenza.

    Bandarban (AsiaNews) – Il card. Patrick D’Rozario, la massima autorità ecclesiale del Bangladesh, ha visitato due campi profughi dei Rohingya nel distretto di Bandarban. Qui hanno trovato rifugio migliaia di musulmani scappati dal vicino Myanmar. Rivolgendosi a loro, ha detto: “Il primo ministro del Bangladesh, Sheikh Hasina, è con voi. Le persone caritatevoli sono con voi. Preghiamo Dio Onnipotente affinchè risolva la vostra crisi”.

    La visita conferma la vicinanza del porporato alla popolazione martoriata da violenze perpetrate da entrambe le parti – esercito e militanti dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) – già espressa in una recente lettera-appello.

    L’arcivescovo di Dhaka si è recato nelle località di Tumbro e Ghumdhum, dove ha ascoltato le storie di persecuzione di diversi sfollati, molti dei quali anziani e malati. Una di loro è Sona Mehen, 65 anni, che ha raccontato: “L’esercito del Myanmar ha bruciato la mia casa. I militari hanno ucciso mio figlio. Io sono molto anziana e non posso camminare”. Il cardinale ha accarezzato le mani di molte persone e si è commosso in più occasioni davanti alla loro miseria. Come quando ha incontrato Nur Mahammad, di appena otto anni, che gli ha detto che suo “padre è stato ucciso dai soldati. Qui ora non mangiamo abbastanza”.

    Incontrando i giornalisti al termine della visita, l’arcivescovo di Dhaka ha affermato: “Sta avvenendo qualcosa di disumano. I Rohingya vivevano in Myanmar da generazioni, ma non hanno la cittadinanza. Non è una nota positiva per il Myanmar. La questione più rilevante è il motivo per cui non hanno la cittadinanza”. Poi ha lanciato un appello a tutti i leader mondiali affinchè risolvano insieme la crisi. “È responsabilità di tutti”, ha ribadito.

    In seguito il cardinale ha incontrato Md Ali Hossain, vice commissario del distretto di Cox’s Bazar, uno dei più colpiti dall’emergenza umanitaria, cui ha consegnato 1 milione di taka (circa 10.200 euro) raccolti dalla Chiesa cattolica per dare sostegno. Infine ha confermato un maggiore impegno da parte di Caritas Bangladesh, che tramite di uffici di Chittagong sta già distribuendo generi di prima necessità.

    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya
    Card. Patrick D'Rozario visita i campi profughi dei Rohingya


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2017 15:43:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: papa Francesco sarà ‘pellegrino per l’anima del popolo’ del Bangladesh

    Il pontefice è atteso dal 30 novembre al 2 dicembre 2017. È la prima visita dopo quella di Giovanni Paolo II nel 1986. Una visita di Stato e per la cura pastorale dei cristiani e musulmani. Stimolo al dialogo tra le comunità religiose. L’intervista all’arcivescovo di Dhaka.



    17/10/2017 09:11:00 BANGLADESH
    Teknaf, si rovescia imbarcazione. Annegano 12 Rohingya

    A settembre, 60 profughi sono annegati in queste acque, altri 30 ad ottobre. Più di mezzo milione di Rohingya sono entrati in Bangladesh per sfuggire alle violenze. Solo questa settimana circa 50 mila hanno attraversato il confine. L’impegno della Chiesa cattolica per i profughi.



    23/11/2017 11:45:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: a Dhaka, il primo scopo di papa Francesco non è parlare dei Rohingya

    Il pontefice visiterà il Bangladesh dal 30 novembre al 2 dicembre. “Il papa ha espresso il desiderio di venire due anni fa, quando non era scoppiata la crisi dei profughi”. Oltre 620mila musulmani fuggiti dallo Stato del Rakhine in Myanmar.



    14/06/2017 11:39:00 BANGLADESH
    Frane nel Bangladesh sud-orientale: 144 morti. Card. D’Rozario: Prego per le vittime

    Isolati i distretti di Rangamati, Bandarban, Chittagong e Cox’s Bazar. Il bilancio più elevato di morti è a Rangamati. I poveri vivono sulle colline, in abitazioni senza piani edilizi. Parroco di Bandarban: “Servono aiuti”.



    10/10/2017 15:37:00 VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Il viaggio di papa Francesco a Yangon e Dhaka, incontro alle Chiese più piccole dell’Asia

    La Sala stampa della Santa Sede pubblica il programma dettagliato del viaggio. I vari incontri con le personalità politiche, come Aung San Suu Kyi, e quelli con le comunità cattoliche e i rappresentanti delle religioni. Laicità e convivenza fra le religioni. Le Chiese di Bangladesh e Myanmar “periferie” e “insignificanti”, povere ed evangelizzatrici, secondo il sogno di papa Francesco. I suggerimenti a India e Cina.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®