23/03/2017, 12.08
BANGLADESH
Invia ad un amico

Bangladesh, l’82% dei militanti si radicalizza sui social media

di Sumon Corraya

È il risultato di un sondaggio della polizia, presentato ad un incontro internazionale delle agenzie per la sicurezza. Intervistati 250 estremisti islamici incarcerati. Dopo la strage di Dhaka è emerso che i predicatori islamici influenzano i giovani su internet.

Dhaka (AsiaNews) – In Bangladesh l’82% dei militanti islamici si radicalizza e prende informazioni sul jihad sui social media. È il risultato di un sondaggio effettuato dalla polizia bengalese su 250 estremisti attualmente in prigione. Il rapporto è stato presentato durante un seminario internazionale dei capi della polizia e dei rappresentanti delle agenzie per la sicurezza di 15 Paesi. Presentando il rapporto, Md Moniruzzaman, assistente direttore generale del quartier generale della polizia del Bangladesh, ha detto: “I vari social media sono un grattacapo per la difesa dai militanti. Abbiamo scoperto che i giovani apprendono nozioni di terrorismo tramite i social network”. Per questo, egli ha sottolineato che “servono maggiori investimenti e formazione per proteggerci dal crimine informatico e dall’estremismo”.

L’incontro si è svolto dal 12 al 14 marzo a Dhaka. I partecipanti hanno deciso di costruire un network internazionale per combattere il terrorismo a vari livelli. Il tema della diffusione di contenuti estremisti su internet è emerso dopo l’attentato dello scorso primo luglio a Dhaka, durante il quale sono morte 20 persone, in maggioranza stranieri. Le indagini hanno rivelato che i quattro attentatori hanno subito il lavaggio del cervello su internet, mezzo con cui i giovani continuano a scambiarsi informazioni. In particolare le autorità hanno ricostruito un legame diretto tra Rohan Imtiaz, uno degli assalitori dell’Holey Artisan Bakery Cafe di Gulshan, e Zakir Naik, famoso predicatore indiano esponente delle posizioni più radicali dell’islam salafita. Dopo la strage nel bar frequentato da stranieri, i governi di Bangladesh e Pakistan hanno oscurato il canale televisivo Peace Tv, di proprietà di Naik, che trasmette i suoi discorsi.

Moniruzzaman ha affermato che “le modalità di scambio delle informazioni su internet sono molteplici, grazie anche alla diffusione di applicazioni come Facebook, Whatsapp, Messenger, Throma e altre. Molti militanti le usano per chattare”. “È difficile intercettarli – ha aggiunto – perché essi fanno ricorso a numeri falsi. Inoltre il governo non ha rapporti con i gestori delle applicazioni, e questo diventa una grande sfida per la polizia”. Gli estremisti, ha continuato, “sono diventati sempre più esperti nell’utilizzo dei social media e della tecnologia”. Poi ha concluso con rammarico: “Non c’è modo di prevenire la militanza su internet. Non è possibile sconfiggere questa minaccia come singolo Paese, possiamo farlo solo unendo le nostre forze con gli altri Paesi”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Strage di Dhaka, missionario Pime: Lavoriamo per il dialogo tra i giovani
01/07/2019 16:40
Lotta al terrorismo islamico in Bangladesh: sotto controllo i sermoni nelle moschee
11/07/2016 11:45
Esperti cristiani e musulmani: I terroristi di Dhaka hanno subito il lavaggio del cervello
05/07/2016 14:58
Dhaka, nove militanti islamici uccisi dalla polizia
26/07/2016 08:54
Bangladesh: un costante 'stillicidio' di conversioni all’islam
08/05/2017 15:11