26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/03/2016, 11.22

    BANGLADESH

    Bangladesh, sgozzato un musulmano convertito al cristianesimo

    Sumon Corraya

    L’uomo si chiamava Hossain Ali Sarkar e aveva 68 anni. Nel 1999 si era convertito al cristianesimo. Era un stimato operatore sanitario e aveva difeso il Paese nella guerra per l’Indipendenza dal Pakistan. Ignoti gli aggressori, ma la polizia teme si tratti di un omicidio a sfondo religioso. Il Bangladesh è tra i Paesi più repressivi nei confronti dei cristiani.

    Dhaka (AsiaNews) – Questa mattina tre criminali ancora ignoti hanno sgozzato un uomo convertito al cristianesimo nella città di Kurigram, nel nord del Bangladesh. La vittima si chiamava Hossain Ali Sarkar e aveva 68 anni. Egli era membro della Isa Fellowship Church (protestante), di cui fanno parte diversi fedeli convertiti dalla religione islamica. Hossain aveva combattuto nella guerra per l’Indipendenza dal Pakistan nel 1971 ed era uno stimato operatore sanitario, ormai in pensione, del Dipartimento locale di sanità. Nirmal Rozario, segretario generale della Bangladesh Christian Association, dice ad AsiaNews: “L’uccisione di Hossain Ali Sarkar, un uomo convertito al cristianesimo, è inaccettabile e dolorosa. Condanniamo il suo omicidio e chiediamo che venga fatta giustizia”.

    L’aggressione è avvenuta questa mattina intorno alle 6.55 (ora locale). L’uomo era uscito di casa per fare ginnastica, quando è stato avvicinato da tre persone in motocicletta. Gli aggressori lo hanno accoltellato con ferocia e lasciato il suo corpo esanime riverso sul terreno.

    I tre hanno anche minacciato di morte un uomo accorso sul posto, e poi durante la fuga hanno fatto esplodere una bomba a mano.

    Il figlio della vittima Azad Ali, ha riferito che il padre non aveva nemici: “Non sappiamo chi possa aver commesso questo gesto”. Tobarok Ulla, capo della polizia locale ha confermato l’uccisione e ha aggiunto: “Crediamo che sia un omicidio premeditato”. Il funzionario non ha escluso che si tratti dell’opera di “un gruppo militante”.

    Il cristiano si era convertito dall’islam nel 1999. Il suo omicidio è l’ultimo di una lunga serie di episodi di violenza contro la minoranza cristiana nel Paese. I cristiani in Bangladesh rappresentano lo 0,4% su 160 milioni di abitanti, di cui oltre il 90% professa la religione islamica. Secondo la classifica stilata da Open Doors UK, che monitora gli episodi di estremismo islamico e di nazionalismo religioso, il Bangladesh si posiziona al 35mo posto tra i Paesi più oppressivi nei confronti dei cristiani.

    La comunità cristiana è spesso vittima di aggressioni. Lo scorso novembre i radicali islamici hanno tentato di uccidere a colpi d’arma da fuoco p. Piero Parolari, sacerdote del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere); a dicembre diversi religiosi hanno subito minacce di morte; a febbraio alcuni criminali hanno vandalizzato un convento e picchiato le suore.

    Un musulmano convertito al cristianesimo, che chiede l’anonimato per motivi di sicurezza, dice ad AsiaNews. “Vivo sempre nella paura perché mi sono convertito. Prego Gesù che mi mantenga in salvo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2016 13:27:00 BANGLADESH
    Rajshahi, sgozzato un professore di inglese. La polizia accusa i radicali islamici

    Rezaul Karim Siddique insegnava all’università cittadina. Era conosciuto e apprezzato dalla comunità locale, dove partecipava ad attività culturali. La moglie ha riferito che non aveva nemici. Un giornalista anonimo non ha dubbi: “È stato ucciso per le sue poesie”. La dinamica dell’aggressione ricorda quella con cui sono stati uccisi altri blogger e pensatori liberali.



    28/12/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, Natale nella paura. Minacce di morte a due vescovi
    Mons. Bejoy D’Cruze, vescovo di Shylet, e mons. Paul Panen Kubi, vescovo di Mymenshing, sono stati minacciati via sms. Dallo scorso ottobre sono 37 i leader cristiani che hanno subito intimidazioni. Tra questi anche Nirmal Rozario, segretario della Bangladesh Christian Association. “I cristiani sono una minoranza e vivono in una condizione molto vulnerabile”.

    22/02/2016 15:15:00 BANGLADESH
    Bangladesh, sacerdote indù sgozzato nel tempio: l’Isis rivendica ma non c’è conferma

    Jogeswar Roy, 50 anni, è stato ucciso mentre si preparava per la preghiera del mattino. Gli assalitori, fuggiti in moto, sarebbero tre uomini appartenenti ad organizzazioni islamiche radicali. Feriti altri due religiosi. Capo della polizia: “Non crediamo sia opera dello Stato islamico. Dobbiamo ancora capire se il movente fosse religioso”.



    05/08/2009 BANGLADESH
    Dhaka, minacce di morte per la famiglia di un cristiano convertito dall'islam
    Un anno fa Rashidul Khandaker, in Australia per lavoro, si è convertito al cristianesimo. Da allora la sua famiglia in Bangladesh è emarginata e ora ha ricevuto minacce da un gruppo estremista. Esperti invitano a non sottovalutare il grave pericolo.

    06/08/2015 IRAN
    Iran, rilasciato un cristiano convertito dall’islam
    Alireza Seyyedian è uscito dalla famigerata prigione di Evin, dove era rinchiuso dal 2012. Ha ricevuto 90 frustate per “propaganda contro il governo”. Teheran propone alla comunità internazionale un piano per risolvere la situazione in Siria.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®