28 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2008
EAU - FILIPPINE
Blasfemia: tre filippini in carcere a Sharjah e un turco rischia la vita a Gedda
I tre sono accusati, negli Emirati, di aver strappato una pagina del Corano, testimone il dipendente dell’azienda che li ha licenziati. In Arabia Saudita si apre il processo di appello per un barbiere che è stato condannato a morte per aver bestemmiato.

Dubai (AsiaNews/Agenzie) – Sono in prigione a Sharjah tre operai filippini, accusati di blasfemia in quanto avrebbero strappato e scarabocchiato una pagina del Corano. A quanto riferito da un quotidiano locale, The National, a testimoniare contro di loro è un impiegato della società per la quale i tre lavoravano e con il capo della quale era in atto una controversia, finita con il licenziamento dei tre e di altri sette loro colleghi. Gli operai si sono così visti ritirare il permesso di lavoro, atto, quest’ultimo, che porta alla espulsione dello straniero.
 
La vicenda, avvenuta a Sharjah – uno dei più conservatori degli Emirati arabi uniti – è stata confermata al giornale da un funzionario del consolato filippino e riporta d’attualità la questione del reato di blasfemia nella penisola araba, proprio mentre arriva in appello, in Arabia Saudita, la vicenda di un barbiere turco condannato a morte con l’accusa di aver inveito contro Dio e il profeta Maometto. Secondo quanto sostenuto da due testimoni, il fatto sarebbe avvenuto dall’interno del negozio del barbiere, a Gedda. In questo caso c’è l’ammissione di colpa da parte dell’accusato, che tenta di sfuggire alla sentenza capitale basandosi sull’ignoranza della cultura e delle leggi locali.
 
Crea sospetti, invece la vicenda dei filippini, peraltro arrestati senza che contro di loro sia ancora aperto alcun procedimento. Nei Paesi musulmani ove esistono particolari leggi sulla blasfemia, infatti, spesso le accuse hanno la loro vera origine in rancori personali o in questioni economiche.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
31/01/2006 ISLAM
Monta nei Paesi islamici la rivolta contro le vignette "blasfeme"
11/11/2009 INDONESIA – ARABIA SAUDITA
L’Indonesia rimpatria migliaia di emigrati in Arabia Saudita: sfruttati sul lavoro
07/04/2010 EAU – ARABIA SAUDITA
Hissa Hilal, poetessa coraggio che sfida l’estremismo islamico
24/07/2015 EMIRATI-ISLAM
P. Samir: La nuova legge anti-discriminazione è un passo avanti nella libertà religiosa
di Samir Khalil Samir

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate