27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/04/2008, 00.00

    EAU - FILIPPINE

    Blasfemia: tre filippini in carcere a Sharjah e un turco rischia la vita a Gedda



    I tre sono accusati, negli Emirati, di aver strappato una pagina del Corano, testimone il dipendente dell’azienda che li ha licenziati. In Arabia Saudita si apre il processo di appello per un barbiere che è stato condannato a morte per aver bestemmiato.
    Dubai (AsiaNews/Agenzie) – Sono in prigione a Sharjah tre operai filippini, accusati di blasfemia in quanto avrebbero strappato e scarabocchiato una pagina del Corano. A quanto riferito da un quotidiano locale, The National, a testimoniare contro di loro è un impiegato della società per la quale i tre lavoravano e con il capo della quale era in atto una controversia, finita con il licenziamento dei tre e di altri sette loro colleghi. Gli operai si sono così visti ritirare il permesso di lavoro, atto, quest’ultimo, che porta alla espulsione dello straniero.
     
    La vicenda, avvenuta a Sharjah – uno dei più conservatori degli Emirati arabi uniti – è stata confermata al giornale da un funzionario del consolato filippino e riporta d’attualità la questione del reato di blasfemia nella penisola araba, proprio mentre arriva in appello, in Arabia Saudita, la vicenda di un barbiere turco condannato a morte con l’accusa di aver inveito contro Dio e il profeta Maometto. Secondo quanto sostenuto da due testimoni, il fatto sarebbe avvenuto dall’interno del negozio del barbiere, a Gedda. In questo caso c’è l’ammissione di colpa da parte dell’accusato, che tenta di sfuggire alla sentenza capitale basandosi sull’ignoranza della cultura e delle leggi locali.
     
    Crea sospetti, invece la vicenda dei filippini, peraltro arrestati senza che contro di loro sia ancora aperto alcun procedimento. Nei Paesi musulmani ove esistono particolari leggi sulla blasfemia, infatti, spesso le accuse hanno la loro vera origine in rancori personali o in questioni economiche.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
    Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
    Il Segretario di Stato Usa al Tesoro in Arabia Saudita e negli Emirati per convincerli a dare ulteriore fiducia all’economia statunitense e al dollaro. Egli mostra un ottimismo perfino superiore ai dati oggettivi.

    31/01/2006 ISLAM
    Monta nei Paesi islamici la rivolta contro le vignette "blasfeme"

    I disegni umoristici pubblicati da un giornale danese provocano manifestazioni di piazza, chiusure di ambasciate e boicottaggio nei supermercati. Lega Araba e Organizzazione delle conferenze islamiche hanno annunciato la loro intenzione di chiedere all'Onu una risoluzione contro gli attacchi alle fedi religiose.



    11/11/2009 INDONESIA – ARABIA SAUDITA
    L’Indonesia rimpatria migliaia di emigrati in Arabia Saudita: sfruttati sul lavoro
    In aumento i casi di sfruttamento, abusi e violenze, soprattutto verso i collaboratori domestici. Nelle carceri dell’Arabia Saudita sono detenuti circa 11mila immigrati illegali.

    24/07/2015 EMIRATI-ISLAM
    P. Samir: La nuova legge anti-discriminazione è un passo avanti nella libertà religiosa
    Il commento del grande islamologo sulla nuova legge varata negli emirati che punisce le discriminazioni in base a “religione, casta, credo, dottrina, razza, colore o origine etnica”. L’islam tradizionale “non dà mai la parità”. La nuova legge punisce anche chi semina “odio religioso” o finanzia organizzazioni che diffondono odio. Negli emirati vi è un’alta alfabetizzazione e “i cristiani sono trattati bene”.

    07/04/2010 EAU – ARABIA SAUDITA
    Hissa Hilal, poetessa coraggio che sfida l’estremismo islamico
    Ad Abu Dhabi in programma la serata finale di “Million’s Poet”, concorso di poesia riservato al mondo arabo. Per la prima volta una donna concorre per la vittoria. Casalinga saudita e madre di quatto figli, ha ricevuto minacce di morte. Nei suoi versi condanna i kamikaze e la separazione dei sessi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®