2 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2008
EAU - FILIPPINE
Blasfemia: tre filippini in carcere a Sharjah e un turco rischia la vita a Gedda
I tre sono accusati, negli Emirati, di aver strappato una pagina del Corano, testimone il dipendente dell’azienda che li ha licenziati. In Arabia Saudita si apre il processo di appello per un barbiere che è stato condannato a morte per aver bestemmiato.

Dubai (AsiaNews/Agenzie) – Sono in prigione a Sharjah tre operai filippini, accusati di blasfemia in quanto avrebbero strappato e scarabocchiato una pagina del Corano. A quanto riferito da un quotidiano locale, The National, a testimoniare contro di loro è un impiegato della società per la quale i tre lavoravano e con il capo della quale era in atto una controversia, finita con il licenziamento dei tre e di altri sette loro colleghi. Gli operai si sono così visti ritirare il permesso di lavoro, atto, quest’ultimo, che porta alla espulsione dello straniero.
 
La vicenda, avvenuta a Sharjah – uno dei più conservatori degli Emirati arabi uniti – è stata confermata al giornale da un funzionario del consolato filippino e riporta d’attualità la questione del reato di blasfemia nella penisola araba, proprio mentre arriva in appello, in Arabia Saudita, la vicenda di un barbiere turco condannato a morte con l’accusa di aver inveito contro Dio e il profeta Maometto. Secondo quanto sostenuto da due testimoni, il fatto sarebbe avvenuto dall’interno del negozio del barbiere, a Gedda. In questo caso c’è l’ammissione di colpa da parte dell’accusato, che tenta di sfuggire alla sentenza capitale basandosi sull’ignoranza della cultura e delle leggi locali.
 
Crea sospetti, invece la vicenda dei filippini, peraltro arrestati senza che contro di loro sia ancora aperto alcun procedimento. Nei Paesi musulmani ove esistono particolari leggi sulla blasfemia, infatti, spesso le accuse hanno la loro vera origine in rancori personali o in questioni economiche.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
31/01/2006 ISLAM
Monta nei Paesi islamici la rivolta contro le vignette "blasfeme"
11/11/2009 INDONESIA – ARABIA SAUDITA
L’Indonesia rimpatria migliaia di emigrati in Arabia Saudita: sfruttati sul lavoro
07/04/2010 EAU – ARABIA SAUDITA
Hissa Hilal, poetessa coraggio che sfida l’estremismo islamico
13/11/2004 MEDIO ORIENTE
La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate