25 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2008
EAU - FILIPPINE
Blasfemia: tre filippini in carcere a Sharjah e un turco rischia la vita a Gedda
I tre sono accusati, negli Emirati, di aver strappato una pagina del Corano, testimone il dipendente dell’azienda che li ha licenziati. In Arabia Saudita si apre il processo di appello per un barbiere che è stato condannato a morte per aver bestemmiato.

Dubai (AsiaNews/Agenzie) – Sono in prigione a Sharjah tre operai filippini, accusati di blasfemia in quanto avrebbero strappato e scarabocchiato una pagina del Corano. A quanto riferito da un quotidiano locale, The National, a testimoniare contro di loro è un impiegato della società per la quale i tre lavoravano e con il capo della quale era in atto una controversia, finita con il licenziamento dei tre e di altri sette loro colleghi. Gli operai si sono così visti ritirare il permesso di lavoro, atto, quest’ultimo, che porta alla espulsione dello straniero.
 
La vicenda, avvenuta a Sharjah – uno dei più conservatori degli Emirati arabi uniti – è stata confermata al giornale da un funzionario del consolato filippino e riporta d’attualità la questione del reato di blasfemia nella penisola araba, proprio mentre arriva in appello, in Arabia Saudita, la vicenda di un barbiere turco condannato a morte con l’accusa di aver inveito contro Dio e il profeta Maometto. Secondo quanto sostenuto da due testimoni, il fatto sarebbe avvenuto dall’interno del negozio del barbiere, a Gedda. In questo caso c’è l’ammissione di colpa da parte dell’accusato, che tenta di sfuggire alla sentenza capitale basandosi sull’ignoranza della cultura e delle leggi locali.
 
Crea sospetti, invece la vicenda dei filippini, peraltro arrestati senza che contro di loro sia ancora aperto alcun procedimento. Nei Paesi musulmani ove esistono particolari leggi sulla blasfemia, infatti, spesso le accuse hanno la loro vera origine in rancori personali o in questioni economiche.
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/07/2009 ARABIA SAUDITA -USA- EMIRATI
Gli Stati Uniti cercano di tranquillizzare i Paesi Arabi
31/01/2006 ISLAM
Monta nei Paesi islamici la rivolta contro le vignette "blasfeme"
11/11/2009 INDONESIA – ARABIA SAUDITA
L’Indonesia rimpatria migliaia di emigrati in Arabia Saudita: sfruttati sul lavoro
07/04/2010 EAU – ARABIA SAUDITA
Hissa Hilal, poetessa coraggio che sfida l’estremismo islamico
13/11/2004 MEDIO ORIENTE
La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate