24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/09/2017, 08.57

    FILIPPINE

    Card. Tagle: Le campane a morto contro la distruzione delle vite



    L’arcivescovo di Manila rilancia la tradizione del suono delle campane alla sera per ricordare i defunti. “Non possiamo promuovere una cultura filippina umana e decente con le uccisioni”. L’appello a pastori e laici per la solidarietà con le vittime e le loro famiglie, in polemica con la campagna di "pulizia" lanciata dal presidente Duterte.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) – “Non si può governare con le uccisioni”. Lo afferma il card. Luis Antonio Gokim Tagle, arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis. Egli invita i capi delle parrocchie a suonare le campane della chiesa per cinque minuti la sera, a partire dal 14 settembre (festa dell'Esaltazione della Croce), per ricordare e pregare per tutte le vittime della guerra alla droga del presidente Rodrigo Duterte.

    “I rintocchi delle campane la sera per ricordare i defunti sono una vecchia tradizione filippina quasi scomparsa. Ora è il momento giusto per rilanciarla”, ha dichiarato il cardinale in una lettera emessa oggi , festa della Natività della Vergine Maria.

    Il card. Tagle lancia un appello a pastori e leader laici per intensificare la loro solidarietà con le vittime e le loro famiglie, trovando il tempo per benedire i morti e addolorarsi insieme a coloro che sono rimasti indietro.

    “Con dolore e orrore continuiamo a ricevere ogni giorno da tutto il Paese notizie di omicidi. Non possiamo permettere che la distruzione delle vite diventi normale. Non possiamo governare la nazione uccidendo. Non possiamo promuovere una cultura filippina umana e decente con le uccisioni”, conclude Tagle.

    Dopo aver vinto la presidenza nel luglio dello scorso anno, il presidente Duterte ha lanciato una guerra ai narcotici illegali senza precedenti, con la promessa di uccidere decine di migliaia di criminali. La Chiesa cattolica è tra le poche voci che denunciano le morti, a dispetto dei sondaggi che rivelano la diffusa popolarità del presidente filippino. In risposta alle critiche sulle uccisioni extragiudiziali, Duterte ha più volte lanciato duri attacchi a vescovi e sacerdoti.

    Durante i 14 mesi dell’amministrazione, circa 8mila sospettati consumatori o spacciatori di droga hanno perso la vita durante le operazioni delle forze di sicurezza. La polizia ha confermato l'uccisione di oltre 3.500 persone,  insistendo sul fatto di aver agito in autodifesa. Più di 2mila altre persone sono state uccise in crimini di droga e migliaia ancora assassinati in circostanze inspiegabili, secondo i dati della polizia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2017 10:25:00 FILIPPINE
    Il card. Tagle contro la guerra alle droghe di Duterte: ‘Stop allo spreco di vite umane’

    In meno di quattro giorni, la polizia ha ucciso 32 presunti spacciatori a Bulacan e altri 49 a Manila. Il card. Luis Antonio Cardinal Tagle, arcivescovo di Manila, invita il governo al dialogo: “Il problema della droga non deve esser ridotto ad un problema politico o penale. Esso è una questione umanitaria che colpisce tutti noi”. “Ricordate le parole che Dio disse a Caino, il quale aveva ucciso suo fratello Abele: ‘La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!’ (Genesi 4:10)”.



    25/10/2017 15:23:00 FILIPPINE
    ‘Un balsamo’ il programma antidroga della Chiesa a Manila

    Sanlakbay nasce in risposta alla violenta guerra alla droga del governo. L'iniziativa fornisce ai tossicodipendenti consulenza, formazione spirituale e opportunità. Le comunità parrocchiali sono coinvolte nel processo di guarigione. L'apprezzamento di papa Francesco.



    24/10/2017 12:38:00 FILIPPINE
    Manila, papa Francesco a sostegno del programma antidroga del card. Tagle

    Sanlakbay nasce in risposta alla violenta guerra alla droga del governo. L'iniziativa fornisce ai tossicodipendenti consulenza, formazione spirituale e opportunità. Almeno 132 persone di oltre 12 parrocchie nell'arcidiocesi di Manila hanno finora completato il programma. Circa 30 persone hanno aderito nella parrocchia di St. John the Baptist di San Juan.



    21/09/2017 09:03:00 FILIPPINE
    Manila, Duterte al figlio: ‘Se colpevole, sei morto’

    Paolo Duterte è accusato di associazione a delinquere e traffico di droga. Il giovane politico nega di aver introdotto nel Paese metamfetamina per 120milioni di euro. Deputati dell'opposizione affermano che presidente e famiglia sono da tempo coinvolti in attività illecite. 



    17/03/2017 12:48:00 FILIPPINE
    Tentativo di impeachment per il presidente Duterte

    Il deputato Gary Alejano: “Duterte è inadatto a ricoprire la più alta carica del Paese”. Il parlamentare accusa il presidente per le uccisioni extragiudiziare durante il suo attuale mandato e quando era sindaco di Davao, quasi 10 mila le vittime totali. Denunciate anche le assunzioni di 11mila dipendenti fantasma e l’appropriazione indebita di circa 40 milioni di euro.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®