20/08/2015, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Chiesa coreana: allo studio la beatificazione del vescovo di Pyongyang e compagni, martiri di Kim Il-sung

La Conferenza episcopale ha annunciato che a fine novembre inizierà l’ispezione preliminare per determinare se mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho e i suoi 80 compagni possano essere qualificati come martiri. Imprigionato nel 1949, mons. Hong è sparito da allora. Nel gruppo anche mons. Byrne, missionario Maryknoll costretto alla “marcia della morte” dai soldati del regime nordcoreano.

Seoul (AsiaNews) – La Conferenza episcopale coreana ha approvato questa mattina all’unanimità l’ispezione preliminare sul martirio di mons. Francesco Borgia Hong Yong-ho, vescovo di Pyongyang, e dei suoi 80 compagni morti per mano del regime di Kim Il-sung. Nell’aprile del 2013 la Congregazione per le cause dei santi aveva approvato la richiesta di aprire il faldone: ora i documenti e le testimonianze sono state raccolte. L’analisi dei dati inizierà alla fine di novembre 2015.

Per i vescovi bisogna stabilire con certezza se il gruppo ha i requisiti per il percorso che porta alla canonizzazione. Verranno studiati documenti storici, reliquie, testimonianze dirette per stabilire le eventuali virtù eroiche, la sofferenza per la persecuzione e per inquadrare lo stile di vita del gruppo prima del martirio. Verrà presto nominata una commissione speciale incaricata di seguire il processo.

Nato il 12 ottobre 1906 e ordinato sacerdote il 25 maggio 1933, mons. Hong viene nominato vicario apostolico di Pyongyang e vescovo titolare di Auzia il 24 marzo 1944 da papa Pio XII. Il successivo 29 giugno viene consacrato da monsignor Bonifatius Sauer, co-consacranti il vescovo Irenaeus Hayasaka e l'arcivescovo Paul Marie Ki Nam-ro.

Nel 1949, con la divisione della penisola coreana e la stabilizzazione del regime stalinista a Pyongyang, mons. Hong e un gruppo di sacerdoti e fedeli laici “sparisce” per mano del nuovo governo. Un numeroso gruppo di fedeli viene catturato invece a Seoul nel 1950, mentre si trova sotto la guida di mons. Patrick Byrne. Il presule, missionario americano Maryknoll, si trovava nella capitale del Sud per non lasciarla sguarnita data l’assenza del vescovo, all’epoca a Roma.

Il gruppo viene preso e costretto a camminare fino a Pyongyang. La provincia della capitale del Nord era stata la zona della prima missione dei Maryknoll in Corea: proprio Byrne l’aveva fondata e diretta dal 1923 al 1929. Le testimonianze dei sopravvissuti raccontano che durante la marcia, benché anziano (73 anni) e di salute cagionevole, incoraggia tutti e condivide il poco cibo che riceve con chi ritiene più debole di lui. Una polmonite lo ha stroncato. Il giorno prima di morire, a pochi chilometri dal fiume Yalu, nell’estremo nord della penisola coreana, ai compagni di sofferenza dice: “Il più grande privilegio della mia vita, dopo il dono del sacerdozio, è quello di aver sofferto per Cristo con tutti voi”.

Il 10 marzo 1962 papa Giovanni XXIII decide di elevare a diocesi il vicariato di Pyongyang, anche in segno di protesta contro la politica del regime nordcoreano, e di nominare quale primo vescovo proprio mons. Hong, che diviene così un simbolo della persecuzione contro i cattolici nella Corea del Nord e in generale nei regimi comunisti. Nell’Annuario pontificio del 2012 mons. Hong era ancora indicato come vescovo titolare, anche se “scomparso”. L’anno successivo, dopo il pronunciamento delle Cause dei santi, il nome è stato rimosso. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Al via il processo di beatificazione del vescovo di Pyongang e altri 213 martiri
07/03/2017 12:00
S. Andrea Kim “è la luce che illumina la nostra fede quotidiana”
05/07/2012
Seoul, vescovi coreani riuniti per gestire gli aiuti al Nord dopo l'esperimento atomico
10/10/2006
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Patrick Byrne e Gerard Hammond: apostoli di pace a Pyongyang
01/05/2008