30 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/08/2016, 08.38

    PAKISTAN

    Chiesa pakistana: Il governo tuteli il diritto alla vita dei cittadini

    Shafique Khokhar

    Dopo la strage di Quetta, la Commissione giustizia e pace ricorda che negli ultimi 15 anni la provincia del Balochistan ha subito oltre 1.400 episodi di violenza: “La situazione è inaccettabile, siamo e saremo al fianco della popolazione”. Movimenti civili in campo per chiedere conto a Islamabad del disastro sul piano della sicurezza. Nell’attacco all’ospedale, rivendicato dall’Isis e dai talebani pakistani, sono morte più di 70 persone: oltre 200 i feriti.

    Quetta (AsiaNews) – Il Balochistan “ha subito oltre 1.400 episodi di violenza negli ultimi 15 anni. Uccidere innocenti, colpire gli ospedali sono atti inumani. Il governo deve intervenire una volta per tutte: la Chiesa cattolica è e rimarrà sempre al fianco della popolazione, soprattutto in queste ore di sofferenza”. Lo dice ad AsiaNews mons. Joseph Arshad, vescovo di Faisalabad e presidente della Commissione nazionale Giustizia e pace, commentando l’ennesima strage avvenuta ieri a Quetta.

    Un kamikaze, che si presume essere membro dell’Isis, ha lanciato un attacco contro un ospedale municipale. Il bilancio è ancora purtroppo provvisorio: gli ultimi dati parlano di 74 morti e circa 200 feriti. La squadra artificieri ha confermato che l'esplosione è nata da un attacco suicida e che sono state usate anche biglie di metallo per provocare più vittime.

    A contestare la rivendicazione dello Stato islamico sono i talebani pakistani: lo Jamaat-ul-Ahrar, fazione che si è staccata dal gruppo originario di fondamentalisti, ha dichiarato di aver effettuato l’attentato e di essere il responsabile dell’omicidio del giurista Bilal Anwar Kasi avvenuto sempre ieri. Fra le vittime dell’ospedale vi sono almeno 18 avvocati e giornalisti, e non è escluso che lo scopo fosse proprio quello di colpire i legali. Tutti membri dell’Associazione giuristi del Balochistan, le vittime si opponevano all’introduzione della sharia nella provincia. 

    L'attentato, sottolineano i media pakistani, è il più cruento del 2016. In un comunicato firmato da mons. Arshad, p. Emmanuel Yousef Mani e Cecil Shane Chaudry, la Commissione episcopale “condanna con forza quanto accaduto. Si tratta di un gesto inumano che non può essere tollerato. Il governo ha il dovere di migliorare le misure di sicurezza, garantendo il diritto alla vita dei propri cittadini”.

    Anche la società civile chiede oggi più sicurezza. Il “Rwadari Tehreek”, movimento laico impegnato “per riportare la pace in Pakistan”, ha organizzato una manifestazione “aperta a chiunque, da qualunque percorso di vita. L’importante è che voglia la pace”. Samson Salamat, presidente del gruppo, spiega: “Abbiamo bisogno che l’esecutivo si svegli. L’unica risposta ad attacchi come questo è la tolleranza zero nei confronti di chi propaga il terrorismo”.

    La deputata Sadia Sohail aggiunge: “Sembra oramai evidente che affrontare la violenza estremista non è una priorità di Islamabad. Invece di spendere risorse ed energie su futili questioni, bisogna concentrarsi su questo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/02/2017 10:58:00 PAKISTAN
    Chiesa cattolica del Pakistan condanna con forza l’attentato al tempio sufi

    L’attacco suicida ha provocato 75 morti, tra cui 20 bambini, e oltre 200 feriti. Islamabad impone un giro di vite contro il terrorismo e chiude la frontiera con l’Afghanistan. Cattolici temono violenze anche contro le chiese. Per domani prevista una manifestazione di giovani a Karachi.



    21/01/2017 13:11:00 PAKISTAN
    Pakistan, talebani colpiscono un mercato sciita per “vendetta contro Assad”. La condanna della Chiesa

    L’esplosione è avvenuta nel mercato di Parachinar, una delle aree tribali semi-autonome. Il bilancio provvisorio è di 20 morti e oltre 40 feriti. La zona è conosciuta per i contrasti tra sunniti e sciiti. Vescovo anglicano invita a pregare per i feriti.



    29/10/2008 PAKISTAN
    Balochistan: violento sisma nella notte, almeno 160 le vittime
    Una scossa di magnitudo 6.4 ha colpito la provincia del Pakistan sud-occidentale, distruggendo centinaia di case in città e villaggi della zona. Gli esperti prevedono nuove scosse, mentre le squadre di soccorso sono alla ricerca di superstiti. La Chiesa cattolica di Quetta promuove una raccolta fondi per le vittime.

    12/01/2016 TURCHIA
    Attentato al centro di Istanbul, almeno 10 vittime straniere
    Un terrorista si è fatto esplodere in un attacco suicida nel distretto Sultanahmet, nei pressi della Moschea Blu. I morti sono quasi tutti stranieri, circa 15 i feriti gravi. L’assalitore sarebbe un siriano. Erdogan: “Siamo nel mirino di tutti i gruppi terroristi della regione”. Card. Parolin: “Di fronte a questi mali serve misericordia”.

    05/07/2011 PAKISTAN
    Pakistan: ospedale cristiano sotto attacco
    Un gruppo di musulmani ha tentato di impadronirsi con la forza dell’ospedale cristiano di Taxila, a 32 km dalla capitale Islamabad, presentando false accuse alla polizia. L’intervento dei leader cristiani e del vescovo Rufin Anthony ha sventato la minaccia.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®