11/12/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Cibo e soldi per cambiare religione: così i radicali indù "ri-convertono" 300 musulmani

Ad Agra fondamentalisti del Bajrang Dal hanno "riportato alla vera fede" 57 famiglie islamiche, tutti migranti poveri di origine bangladeshi. L'opposizione attacca il governo del Bjp (Bharatiya Janata Party), "vicino" ai gruppi estremisti indù.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Soldi, cibo e tessere per ottenere sussidi statali: così i radicali indù del Bajrang Dal hanno convertito 57 famiglie musulmane - circa 300 persone - all'induismo. La cerimonia di ghar wapsi, il "ritorno a casa" come lo chiamano questi fondamentalisti, si è svolta ad Agra l'8 dicembre scorso, ed è solo l'ultima in ordine di tempo avvenuta nello Stato indiano dell'Uttar Pradesh.

Le famiglie coinvolte sono composte per lo più da persone povere provenienti dal Bangladesh. "Ci hanno chiesto di partecipare all'evento - raccontano alcuni - per ricevere le tessere dei sussidi e registrare i nostri nomi nelle liste elettorali. Non sapevamo si trattasse di una cerimonia di conversione". Altri invece sapevano cosa stava per accadere, ma "ci hanno fatto pressione e abbiamo avuto paura. Ci hanno fatto lavare gli idoli di una dea indù e ci hanno fatto dire di essere felici".

"Siamo persone povere - aggiunge uno di loro -, se i nostri datori di lavoro ci cacciassero non sapremmo dove andare. Cosa potevamo fare se non dire loro di sì?".

La notizia ha spinto l'opposizione (guidata dal Congress) a presentare un'interrogazione parlamentare, in cui si punta il dito contro il Bharatiya Janata Party (Bjp), partito ultranazionalista indù alla guida del governo centrale. In effetti, il Bjp è legato a filo doppio a gruppi come il Bajrang Dal e la Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss, formazione paramilitare), artefici di violenze contro le minoranze etnico-religiose del Paese.

Per il momento, il governo si è espresso "contro le conversioni o le riconversioni in cui si usa la forza o la corruzione". Tuttavia, è un fatto che - da quando il Bjp è salito al potere - i casi di persecuzione contro cristiani e musulmani sono aumentati, così come gli episodi di conversione forzata o di "ritorno a casa".

Proprio in questi giorni, la Rss ha "promesso" una grande cerimonia di ghar wapsi per il prossimo 25 dicembre, in cui 4mila famiglie cristiane e 1.000 famiglie musulmane di Aligarh torneranno all'induismo.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ministro per i tribali: i cristiani ‘anti-sociali’ convertono gli indigeni con scuole e sanità. Sajan K George: Falso
14/10/2019 09:02
Tensione in Gujarat per le minacce di "riconversione" all'induismo
03/01/2004
Kerala, la (presunta) minaccia della “love jihad”
20/07/2012
Jharkhand, sacerdote accusato di ‘conversioni forzate’: Volevano farmi morire in carcere
20/09/2019 08:40
Jharkhand, rilasciato su cauzione il sacerdote accusato di ‘conversioni forzate’
18/09/2019 09:03