10/12/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Il Natale dei radicali indù: Riconvertiremo 5mila famiglie cristiane e musulmane

di Santosh Digal
La Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), gruppo paramilitare radicale, prepara "il più grande ritorno a casa mai avvenuto". Sacerdote domenicano: "Trucco per nascondere le loro violenze, in vista delle elezioni statali 2016".

New Delhi (AsiaNews) - La Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), gruppo paramilitare radicale indù, promette di convertire all'induismo circa 4mila famiglie cristiane e 1.000 famiglie musulmane il prossimo 25 dicembre, ad Aligarh (Uttar Pradesh). I militanti chiamano il progetto ghar wapsi, "ritorno a casa", e affermano che sarà "il più grande mai avvenuto". Se dovesse davvero avvenire, si tratterebbe del quarto accaduto in meno di tre mesi, e sempre in Uttar Pradesh. All'evento dovrebbero partecipare anche alcune personalità del Bharatiya Janata Party (Bjp), partito ultranazionalista indù alla guida del governo centrale dell'India.

P. Francis Arackal, sacerdote domenicano e direttore del Dipartimento delle comunicazioni del St. Joseph's College di Bangalore, minimizza il piano annunciato dal gruppo fondamentalista: "La Rss afferma di sostenere la cultura dell'India e la religione indù, ma in realtà non ne ha compreso la vera essenza. Non mi meraviglio che ricorrano a conversioni a buon mercato".

"Abbiamo scelto Aligarh - ha spiegato Rajeshwar Singh, direttore regionale della Rss - perché è giunto il momento di strappare la città indù dalle mani dei musulmani. è una città di coraggiosi Rajput e sui resti dei loro templi sono stati costruite istituzioni islamiche".

"Il Natale - ha aggiunto Singh - è stato scelto come giorno per la conversione perché è l'evento è shakti pariksha [una 'prova di forza', ndr] per entrambe le religioni. Se la loro fede è migliore, possono fermarsi. È un test per entrambi. Se vengono da noi a Natale, è la più grande rinuncia alla loro religione".

Secondo il sacerdote, la proposta della Rss è "una cospirazione politica in vista delle elezioni statali in Uttar Pradesh del 2016. È un trucco per 'distogliere l'attenzione' e nascondere tutti gli sbagli e le violenze di natura religiosa avvenuti in India" per mano dei fondamentalisti indù.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rinviate, ma non cancellate, le "riconversioni di Natale" dei radicali indù
18/12/2014
India, ancora "riconversioni" nell'Orissa
13/02/2006
West Bengal, denunciati due leader radicali indù per le "riconversioni" di cristiani e musulmani
30/01/2015
Riconversioni di Natale, la polizia dell'Uttar Pradesh "fermerà i radicali indù"
16/12/2014
Vescovo indiano: Le "riconversioni" sono uno schiaffo alla democrazia e alla dignità umana
15/12/2014