23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/11/2005
Cina
Cina, esplosione in miniera: un disastro annunciato

Secondo i parenti delle vittime, da tempo i minatori avevano denunciato la poca sicurezza. La miniera – di proprietà dello stato – aveva invece tutte le carte e i permessi in regola.



Qitaihe (AsiaNews/Scmp) - La tragedia della miniera di Qitaihe poteva essere evitata: i parenti delle vittime rivelano che da mesi i loro congiunti si lamentavano delle rischiose condizioni di sicurezza. Intanto le fonti ufficiali tacciono sulle responsabilità, sebbene la miniera esplosa – di proprietà dello stato – avesse tutte le carte in regola per la sicurezza.

Su 221 minatori rimasti intrappolati dopo l'esplosione nella miniera Dongfeng del 27 novembre, risultano finora salvati 72; 146 i morti accertati; 3 i dispersi. Per tutta la notte e il giorno molti familiari sono rimasti davanti al pozzo in attesa di notizie, con 15 gradi sottozero, in silenzio o piangendo. Una donna che ha il cognato e un nipote tra i dispersi, lancia accuse: "E' tutta colpa della dirigenza. Loro sapevano da tempo che c'erano problemi per la sicurezza, ma non hanno voluto farci nulla".

I minatori, raccontano i parenti, avevano lamentato più volte le scarse misure di sicurezza e avevano perfino minacciato uno sciopero. Ma i dirigenti non hanno fatto nulla e i minatori sono stati costretti a continuare il lavoro, per guadagnare il salario mensile tra 1.000 e 2 mila yuan (tra 125 e 250 dollari Usa). Mancano commenti ufficiali sulle misure di sicurezza e sulle responsabilità per l'incidente.

Quello di due giorni fa non è il primo incidente a Qitaihe, città mineraria di 800 mila abitanti. Nel marzo 2005 un'esplosione ha ucciso 18 operai, in una miniera di cui era stata ordinata la chiusura perché non sicura. Il proprietario era vice direttore dell'Ufficio municipale per la sicurezza sul lavoro. Due mesi dopo, un'esplosione in un'altra miniera ha ucciso 9 lavoratori.

Per l'intero 2005 il Consiglio di Stato ha ripetuto la necessità di aumentare la sicurezza sul lavoro nelle miniere, ha chiuso oltre 9 mila miniere non in regola e sospeso l'attività in altre 12.900. Ma la situazione non è migliorata: secondo dati ufficiali, nei primi 8 mesi del 2005 gli incidenti sono anzi aumentati dell'8,5% rispetto allo stesso periodo del 2004. La stessa stampa governativa accusa le autorità locali di trascurare gli standard di sicurezza, perché comproprietarie delle miniere o comunque corrotte.

Dopo il 1° novembre molte autorità locali hanno avallato la ripresa dell'attività nelle miniere fermate perché insicure. Il governo ha disposto che in miniera sia sempre presente un dirigente, insieme ai minatori, così da condividerne la sorte. Dopo l'incidente della Dongfeng, il presidente Hu Jintao e il premier Wen Jiabao hanno ribadito che occorre impedire "ogni trascuratezza sulle importanti misure di sicurezza che portano a gravi disgrazie" e hanno annunciato ispezioni e punizioni più rigorose. Ma queste misure, con evidenza, non hanno risolto problema e molti osservatori si interrogano se lo stesso governo centrale ne vigili l'effettiva applicazione, e come.

Le miniere cinesi sono considerate le più pericolose del mondo: la rapida crescita dell'economia comporta una sempre maggiore fame di energia. Il prezzo del carbone è cresciuto del 40% nel 2004, spinto dalla domanda di energia elettrica aumentata del 56% tra il 1999 e il 2003. Si prevede per il 2006 un ulteriore aumento dell'11% del consumo di energia.

Molti esperti ritengono che la necessità di carbone porti a trascurare le pur conclamate misure di sicurezza.  La Cina copre con il carbone i 2/3 del fabbisogno energetico interno: il governo ha annunciato all'inizio di novembre che intende aumentare la produzione da 2,1 a 2,4 miliardi di tonnellate di carbone nei prossimi 5 anni.

In genere sono sotto accusa le piccole ditte locali, ma la Dongfeng è di proprietà della Heilongjiang Longmei Group, una consociata dell'industria mineraria che riunisce le 4 maggiori industrie carbonifere statali, con un capitale registrato pari a 13 miliardi di yuan (circa 1,3 miliardi di euro). La miniera aveva tutti i permessi richiesti dal governo in regola. E' attiva da oltre 50 anni e produce 500 mila tonnellate di carbone l'anno. Esperti osservano che l'incidente di Dongfeng potrebbe dipendere da una super produzione, conseguente alla fame di carbone. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/12/2005 Cina
Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang
01/12/2005 cina
Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera
10/12/2004 CINA
Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera
22/08/2007 CINA
Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
21/08/2007 CINA
Lo Stato aveva previsto il disastro delle miniere di Xintai

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate