11/01/2012, 00.00
ISRAELE-CIPRO

Cipro e Israele firmano due accordi di cooperazione nella difesa e nell’intelligence

La crisi dei rapporti fra Ankara e Tel Aviv, e la scoperta di idrocarburi nel Mediterraneo orientale alla base di un rapido sviluppo nei rapporti fra i due Paesi. Cipro non ha forze navali e aree tali da agire come deterrente nei confronti della Turchia.
Nicosia (AsiaNews/Agenzie) – Israele e Cipro hanno firmato due accordi per rafforzare ed estendere i loro rapporti nell’area della difesa. I due documenti hanno come oggetto, rispettivamente, la cooperazione nella difesa reciproca e lo scambio di informazioni “classificate”. La firma è avvenuta il 9 gennaio, nel corso di una visita in Israele del ministro della Difesa Demetris Eliades. “La firma dei due accordi getta le basi per sviluppi ulteriori delle relazioni nell’area della cooperazione per la difesa”, ha dichiarato il ministro al suo ritorno nell’isola ieri. Il ministro ha aggiunto che lo scopo dell’accordo è quello di mantenere la pace, la stabilità e la normalità nel Mediterraneo orientale, “sempre sulla base di un pieno rispetto della legge internazionale”. E ha aggiunto: “Questa visita è stata definita da entrambi come storica, e importantissima per lo sviluppo dei rapporti fra i due Paesi”.

Eliades ha incontrato il suo omologo israeliano, Ehud Barak, il ministro degli esteri Avigdor Liberman, il primo ministro Netanyahu e il patriarca di Gerusalemme e di tutta la Palestina Teofilo III. Le due parti non hanno svelato i dettagli degli accordi. Ma fonti locali affidabili affermano che i patti includono un attento monitoraggio dello spazio aereo dell’isola, e specialmente delle aree marine dove sono in corso ricerche per verificare la presenza di idrocarburi. Cipro non dispone di una forza aerea o navale tale da poter agire come deterrente nei confronti della Turchia, che ha assunto un atteggiamento minaccioso nei confronti di Nicosia in particolare da quando si è accertata la presenza di gas e petrolio nei fondali dell’isola. (31/12/2011 Cipro scopre il gas in mare. Turchia ed Egitto si fanno avanti). Le relazioni fra Israele e Cipro sono migliorate in maniera rapida e profonda dopo la crisi fra Tel Aviv e Ankara seguita alla crisi della Mavi Marmara, e alla scoperta di idrocarburi nelle loro “Zone economiche” marittime. (02/09/2011 La Turchia lancia sanzioni contro Israele per il rapporto Onu sulla flottiglia di Gaza).
 
Demetris Eliades ha fatto esplicito riferimento alla scoperta di gas e petrolio nelle zone economiche di Israele e Cipro come a un fatto che aperto un nuovo capitolo nelle relazioni fra i due Paesi. Fra l’altro in entrambi i casi le ricerche sono state compiute dalla Nobles Energy, un’impresa statunitense. Eliades ha ribadito i diritti sovrani di Cipro sulla sua Zona economica esclusiva, ricordando che la comunità internazionale li riconosce. La Turchia afferma che Cipro non ha nessuna autorità per esplorare i fondali alla ricerca di fonti di energia fino a quando la divisione dell’isola, la cui parte nord è occupata militarmente dai turchi, non sarà risolta. Ankara ha inviato al largo di Cipro una sua nave per le ricerche, dotata di scorta militare.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mavi Marmara, Ankara processa ex ufficiali israeliani
06/11/2012
La Turchia lancia sanzioni contro Israele per il rapporto Onu sulla flottiglia di Gaza
02/09/2011
Sisma in Turchia: 217 i morti finora; si temono oltre 1000 vittime
24/10/2011
Erdogan al Cairo attacca Israele e si propone come leader del mondo arabo
14/09/2011
Cipro, nuovo fronte di scontro fra Europa e Turchia per il controllo dei giacimenti di gas
13/02/2018 11:05