21/02/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Claustrali di Vijayawada: La nostra solitudine per il bene del mondo e della Chiesa

di Benigna Menezes*
La comunità carmelitana femminile si è riunita per celebrare il 25mo anniversario della professione di una loro consorella. Una ricorrenza importante perché cade nell'Anno della vita consacrata, come i 500 anni dalla nascita di santa Teresa d'Avila.

Vijayawada (AsiaNews) - "Per santa Teresa d'Avila, la suora carmelitana è una donna che vive in solitudine per gli altri. Il muro dietro il quale vive non è un segno di separazione, ma di impegno. È una donna della Chiesa, la sua vita è incentrata nell'eucarestia, dove riceve Cristo e offre se stessa in unione con Lui, per la Chiesa". Così suor Gloria ocd, priora della comunità delle carmelitane scalze di Vijayawada, in Andhra Pradesh, si è rivolta all'assemblea riunitasi per festeggiare i 25 anni dai voti di suor Mary Alphonsa, sua consorella.

Celebrata il 16 febbraio scorso, la ricorrenza è stata impreziosita da due coincidenze: il 2015 è l'Anno della vita consacrata, durante il quale cadrà anche il 500mo anniversario della nascita di santa Teresa d'Avila, riformatrice dell'ordine carmelitano.

L'anniversario di suor Mary Alphonsa è stato festeggiato con una processione, culminata con un'eucarestia di ringraziamento celebrata da mons. Govindu Joji, amministrato apostolico. Numerosi sacerdoti, suore e i parenti della religiosa - giunti dal Kerala - hanno partecipato alla messa.

Nella sua introduzione, la priora ha ringraziato l'assemblea e spiegato il senso di far parte di una comunità claustrale del tutto consacrata a Gesù Cristo. "Il Suo amore - ha detto suor Gloria - ci ha riunite insieme come sorelle per pregare per i bisogni della Chiesa e del mondo".

A condurre l'omelia è stato p. Johnson, provinciale dei carmelitani in Andhra Pradesh. Dopo aver tratteggiato una breve storia delle vocazioni contemplative nella Chiesa, ha spiegato: "Lasciar andare ogni cosa è il centro dell'anima di un ordine claustrale. Per questo solo quando uno impara la grandezza di Dio lascerà andare tutti gli altri orpelli e sarà in comunione con Gesù, sperimentando l'amore nella sua pienezza".

 

*Missionaria dell'Immacolata, Congregazione femminile associata al Pontificio istituto missioni estere (Pime)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Festa del monastero carmelitano di Baroda: “Anche i non cristiani trovano Dio”
16/09/2015
Gujarat, suore carmelitane festeggiano i 500 anni della nascita di Teresa d’Avila
28/08/2015
Vita consacrata, le claustrali indiane festeggiano con 6 nuove religiose
02/02/2015
Nella “Candelora” l’esempio di Santa Teresa d’Avila contro la violenza sulle donne
01/02/2013
Claustrali indiane: I consacrati, pegno dell’amore di Dio per il mondo
08/02/2016 15:33