24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/11/2016, 14.56

    INDIA

    Con il ritiro delle banconote, l’India in ginocchio rischia la rivolta



    L’opposizione ha lanciato al governo un ultimatum di tre giorni per risolvere la situazione. In tutto il Paese ci sono già stati 50 morti. Non ci sono soldi per i matrimoni, mentre un magnate del Bjp ha speso 69 milioni di euro per far sposare la figlia. La Banca centrale ha annullato i debiti di 63 grandi imprenditori amici del premier, pari a oltre 690 miliardi di euro.

    New Delhi (AsiaNews) – L’India “è in ginocchio ed esiste un concreto rischio di rivolta. L’avvertimento è stato lanciato dalla Corte suprema e dai partiti di opposizione, che hanno concesso un ultimatum di tre giorni, dopo i quali con ogni probabilità il governo dovrà affrontare il malcontento popolare”. Lo dice ad AsiaNews una fonte anonima, secondo cui la scelta del premier Narendra Modi di ritirare le banconote da 500 e 1000 rupie “ha distrutto la vita normale delle persone. Al contempo, la cosa gravissima è che le banche hanno deciso di cancellare i debiti di 63 grandi imprenditori indiani, tutti amici e sostenitori del primo ministro, mentre i poveri contadini muoiono di fame. Finora ci sono già stati 50 morti, tra quelli deceduti in coda e altri vittime dei tafferugli”.

    A più di una settimana dalla decisione di eliminare dal mercato i tagli più contraffatti e immettere nuove banconote da 2000 rupie, “la situazione non migliora. Ci sono episodi davvero spiacevoli, come quello di un uomo che è stato malmenato in maniera brutale dalla polizia per il semplice fatto di aver domandato il motivo per cui gli agenti inveivano contro la gente in fila da diverse ore”.

    Da giorni, continua, “il premier non appare in pubblico, mentre i suoi parlamentari stanno tentando di frenare le critiche dei partiti”, riuniti per la Winter session. In parallelo la Corte suprema lamenta il fatto che ieri il governo ha stabilito di ridurre il massimale del cambio giornaliero da 4500 a 2000 rupie.

    Mentre le condizioni dei poveri sono sempre più drammatiche, in tutto il Paese si è sollevata una profonda ondata di sdegno per il “matrimonio della figlia di un magnate ed ex membro del Bjp (Bharatiya Janata Party, il partito al governo), costato 5 miliardi di rupie (circa 69 milioni di euro). Qui la gente comune non ha i soldi per mangiare e i matrimoni sono sospesi, mentre il politico si è potuto permette di spendere quella cifra enorme”.

    Tutte le opposizioni stanno facendo quadrato contro Modi e “lamentano il fatto che non sono state stampate banconote di tagli più bassi sufficienti a soddisfare la domanda”. Ma l’indignazione più grande, oltre al fatto che si è scoperto che i membri del Bjp già sapevano in precedenza che sarebbe stata attuata la riforma e hanno avuto il tempo per cambiare il proprio denaro, “è che la Reserve Bank of India [la Banca centrale indiana], ha deciso che 63 grandi imprenditori non dovranno più restituire i crediti avuti in prestito dalle banche. I debiti ammontano a 50mila miliardi di rupie (oltre 690 miliardi di euro)”. “Come è possibile tutto questo – si domanda – quando i poveri contadini vengono gettati sul lastrico se non restituiscono debiti da 2.500 rupie? È una logica incomprensibile: i grandi debitori continuano a vivere nel lusso e a viaggiare all’estero, al contrario del popolo”.

    “I contadini sono quelli più svantaggiati, anche perché alle banche di credito cooperativo – molto diffuse a livello rurale – è stato imposto di non cambiare denaro. Il governo teme che la maggior parte del denaro riciclato passi da queste banche, perché i ricchi affiderebbero ai poveri ingenti somme da scambiare al loro posto”.

    Modi in passato, conclude, “era un venditore di thè. Ora tutti sostengono che egli stia facendo bere alla popolazione un ‘thè senza zucchero’, cioè un thè amaro. Si è dimenticato degli indiani comuni”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/11/2016 08:59:00 INDIA
    “Giorno della collera” contro il bando delle rupie: in piazza decine di migliaia di persone

    La protesta si è svolta in modo per lo più pacifico. I partiti di opposizione hanno chiamato a raccolta la popolazione contro l’eliminazione delle banconote più utilizzate. Premier chiede ai colleghi di partito di mostrare i propri estratti conto per fugare dubbi di complicità.



    13/12/2016 12:00:00 INDIA
    Attivista indiano: Il bando delle rupie è un attacco al popolo

    Il governo di Narendra Modi voleva mettere un freno alla corruzione. Ma l’iniziativa di eliminare banconote soggette alla falsificazione appare sempre più come un tentativo di avvantaggiare il grande business. Chiunque critichi la situazione viene bollato come “anti nazionalista”. Intanto la popolazione media soffre. L’opinione di Ram Puniyani, presidente del Center for Study of Society and Secularism di Mumbai.



    09/11/2016 09:11:00 INDIA
    Lotta alla contraffazione: ritirate le banconote da 500 e 1000 rupie

    I tagli ritirati sono i più usati e falsificati. La popolazione potrà scambiare le banconote false fino al 30 dicembre. Nel frattempo verranno immessi in circolazione nuovi tagli da 500 e 2000 rupie. Il mese scorso un maxi condono di redditi non dichiarati ha permesso il recupero di 8,9 miliardi di euro.



    10/11/2016 08:48:00 INDIA
    India, code interminabili davanti alle banche per scambiare le banconote eliminate dal commercio

    Ieri il governo ha eliminato i tagli da 500 e 1000 rupie. La decisione rientra nelle politiche contro la corruzione e la falsificazione del denaro. Le banconote bandite rappresentavano l’85% del denaro circolante.



    26/11/2016 08:58:00 INDIA
    Manmohan Singh: Un fallimento il bando delle rupie. Una razzia legalizzata

    Dopo oltre due settimane, la situazione per poveri e classe media non migliora. Ancora lunghe code agli sportelli, proteste e scontri hanno provocato 70 morti. Sospesi banchieri scoperti a rubare denaro. I partiti di opposizione propongono il “giorno della collera”. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®