23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/10/2016, 09.03

    YEMEN - ARABIA SAUDITA

    Conflitto in Yemen: Un terzo dei raid aerei sauditi colpisce obiettivi civili



    È quanto emerge da un’inchiesta di Yemen Data Project, gruppo formato da accademici, esperti e attivisti per i diritti umani. Su 8600 attacchi della coalizione araba, quasi 3200 hanno centrato scuole, moschee, ospedali, mercati, aree residenziali. Un mercato del governatorato di Marib colpito 24 volte. Riyadh parla di “danni collaterali” minimi.

    Sana’a (AsiaNews) - Oltre un terzo degli attacchi sferrati dalla coalizione araba a guida saudita in Yemen hanno centrato obiettivi civili come scuole, ospedali, mercati, moschee ed infrastrutture economiche. È quanto emerge da una ricerca, la più approfondita sui danni provocati dal conflitto, e rilanciata di recente dal quotidiano britannico The Guardian; una indagine che contrasta con le dichiarazioni fatte a più riprese da Riyadh - e sostenute da Stati Uniti e Gran Bretagna - secondo cui i “danni collaterali” sarebbero minimi.

    Condotta dallo Yemen Data Project, gruppo formato da accademici, esperti e attivisti per i diritti umani, la ricerca getta più di un’ombra sulle operazioni dei sauditi in Yemen e sul sostegno dei governi occidentali - in primis Londra e Washington - a Riyadh. Un aiuto anche in termini di armi, visto che solo la Gran Bretagna ha venduto armi per 3,3 miliardi di sterline all’Arabia Saudita dal marzo dello scorso anno.

    Per i sauditi i risultati emersi nell’inchiesta sono “di gran lunga esagerati” e mettono in discussione le modalità di raccolta dei dati. Alcuni obiettivi, spiegano i vertici di Riyadh, in passato potevano essere scuole o edifici pubblici ma sono diventati nel tempo dei centri operativi o basi logistiche delle milizie ribelli Houthi.

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contri i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime, anche bambini. Ad oggi sono morte circa 10mila persone, di cui oltre 3700 civili. Almeno 2,5 milioni gli sfollati del conflitto. 

    L’inchiesta, indipendente e slegata da ogni fazione attiva nel conflitto, è basata su dati disponibili al pubblico e corroborata da indagini sul terreno. Essa riporta oltre 8600 raid aerei fra il marzo 2015 e la fine di agosto. Di questi, 3577 hanno centrato obiettivi militari e 3158 siti non militari, o civili. Quando non è stato possibile identificare la natura dell’obiettivo, l’esito del raid è stato etichettato come “sconosciuto” in 1882 casi.

    La ricerca di Yemen Data Project si è focalizzata sui danni provocati dai raid aerei sauditi - sebbene anche gli Houthi si siano macchiati di violenze contro i civili - perché più facili da identificare e confermare in modo indipendente rispetto alle operazioni sul terreno. E certifica con dati e testimonianze gli attacchi ripetuti contro scuole e ospedali, che hanno fatto sollevare da più parti la richiesta di un’indagine indipendente Onu.

    Fra gli esempi vi sono un edificio scolastico a Dhubab, nel governatorato di Taiz, centrato almeno nove volte dai caccia sauditi. E ancora, un mercato di Sirwah nel governatorato di Marib, colpito ben 24 volte.

    La coalizione araba a guida saudita ha inoltre colpito più obiettivi non militari che siti militari per almeno cinque dei 18 mesi presi in esame dall’inchiesta: ottobre 2015 (291 contro 208); novembre 2015 (126 contro 34); dicembre 2015 (137 contro 62); febbraio 2016 (292 contro 139); marzo 2016 (122 contro 80). Nell'arco del conflitto si sono registrati 942 attacchi contro luoghi residenziali, 114 contro mercati, 34 hanno centrato moschee, in 147 le scuole, in 26 le università e in 378 i mezzi di trasporto.

    Intervistato durante la recente visita a Londra sui dati emersi nell’inchiesta il ministro saudita degli Esteri Adel bin Ahmed al-Jubeir ha difeso l’operato dell’aviazione che definisce “professionale” e dotata di “armi ad alta precisione”. Egli ha aggiunto inoltre che gli Houthi hanno “trasformato scuole e ospedali in depositi di munizioni e armamenti, dunque non si tratterebbe più di obiettivi civili. Sono target militari”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2016 11:35:00 YEMEN - ONU
    Conflitto in Yemen: l’Onu annuncia un cessate il fuoco di 72 ore

    L’inizio della tregua previsto alle 23.50 del 19 ottobre. In caso di tenuta possibile un “rinnovo” ulteriore nei giorni successivi. Le parti coinvolte nella guerra hanno assicurato il rispetto dell’accordo. L’obiettivo è scongiurare “ulteriori bagni di sangue” e favorire “la consegna di aiuti umanitari”. 

     



    16/09/2016 08:58:00 YEMEN
    Decine di vittime negli scontri fra forze governative e Houthi nel sud dello Yemen

    Nella battaglia di Taiz sono morti almeno 23 ribelli sciiti, 13 le vittime fra i soldati regolari. Gli Houthi conquistano un avamposto saudita nella regione di confine di Jizan. Si combatte anche nell’area montagnosa di Kahbub, che domina l’ingresso nel mar Rosso. Dopo aver perso quattro soldati, il Qatar ha inviato almeno uomini e mezzi per rafforzare la presenza sul terreno.



    30/08/2016 08:58:00 YEMEN
    Aden, kamikaze dello Stato islamico contro reclute dell’esercito: 71 morti e 98 feriti

    L’attacco jihadista ha colpito un centro di addestramento per nuovi soldati. Le autorità yemenite parlano di “massacro” con “il più alto numero di vittime” mai registrato. Analisti ed esperti sottolineano che l’attentato mostra le difficoltà del governo a ristabilire la sicurezza. Governo e ribelli pronti a una nuova iniziativa di pace. 



    21/10/2016 08:58:00 YEMEN - A. SAUDITA
    Riyadh accusa gli Houthi di violazioni al cessate il fuoco in Yemen

    I ribelli sciiti avrebbero compiuto “almeno 43” violazioni alla tregua in vigore da ieri. Replica Houthi: un raid aereo saudita a Saada ha ucciso tre civili. Nonostante le violenze la diplomazia Onu spera in un prolungamento del cessate il fuoco. L’80% della popolazione necessita di aiuti umanitari. 

     



    13/10/2016 08:59:00 YEMEN - A. SAUDITA - USA
    Gli Stati Uniti colpiscono postazioni radar dei ribelli Houthi in Yemen

    L’attacco è una risposta al lancio di missili contro un cacciatorpediniere Usa. I razzi sarebbero partiti dai territori controllati dai ribelli. Portavoce del Pentagono: Azioni “di carattere difensivo” per proteggere gli interessi marittimi americani. Leader Houthi smentisce: Nessun attacco verso navi da guerra. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®