18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/11/2016, 08.54

    SIRIA - STATI UNITI - RUSSIA

    Conflitto siriano: per Assad, Trump è un “alleato” nella lotta al terrorismo



    In campagna elettorale il neo presidente Usa aveva definito una “pazzia” la campagna contro Damasco. Il leader siriano invita alla “cautela” nel “giudicare” le scelte di Trump. Ma restano i “dubbi” sul fatto che possa “mantenere” le promesse. Mosca e Damasco riprendono i bombardamenti ad Aleppo. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il neo presidente statunitense Donald Trump sarà un “alleato naturale” se si impegnerà a combattere una lotta a tutto campo contro il terrorismo, anche se resta “la cautela” nel “giudicare” il nuovo inquilino della Casa Bianca in attesa delle prime mosse. È quanto ha affermato in un’intervista alla televisione portoghese Rtp il leader siriano Bashar al Assad, che non nasconde i propri “dubbi” sulla reale capacità di Trump di essere “all’altezza delle sue promesse”. 

    Nelle scorse settimane, in piena tornata elettorale, il neo presidente Usa aveva definito una “pazzia” la campagna congiunta contro lo Stato islamico (SI) e le forze siriane; inoltre, secondo Trump una lotta contro Damasco avrebbe innescato - nel futuro - lo scontro con la Russia. 

    Intervistato dalla televisione portoghese, Assad ha dichiarato che “non possiamo dire tutto quanto stiamo per fare, ma se… si tratta di combattere i terroristi è chiaro che saremo alleati, un alleato naturale in tal senso con i russi, con gli iraniani e con molte altre nazioni”. 

    L’impegno assicurato da Trump nella lotta a Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico, SI] è “promettente”, aggiunge Assad, il quale dubita però che egli possa davvero “mantenere” le aspettative. Che ne sarà, afferma il leader di Damasco, delle “forze contrapposte” in seno alla nuova amministrazione statunitense e dei principali media “che sono contro di lui?”. Ecco perché noi, conclude Assad, “rimaniamo dubbiosi… Ed ecco perché siamo molto cauti nel giudicarlo”. 

    Al momento la linea mantenuta in Siria dall’amministrazione (uscente) di Barack Obama è quella di combattere lo Stato islamico e gli altri gruppi jihadisti, per sostenendo i cosiddetti ribelli “moderati” che lottano contro il presidente Assad. Tuttavia, per Damasco questi sedicenti gruppi “moderati” sono in realtà movimenti “terroristi”. 

    Alcuni media Usa, fra i quali in New York Times, affermano che Trump intende bloccare gli aiuti a questi gruppi ribelli che lottano contro Assad perché “non abbiamo idea di chi siano queste persone”. E vi è anche l’ipotesi sullo sfondo di un conflitto aperto contro Mosca, alleato di Damasco, a far ripensare l’agenda statunitense in territorio siriano. 

    A conclusione dell’intervista il presidente Assad ha condannato ancora una volta l’attuale politica americana, affermando che “pensano ancora di essere lo sceriffo mondiale. Pensano di essere il giudice delle sorti del mondo. Ma non lo sono”.

    L’ultima battuta è riservata al presidente turco Recep Tayyip Erdogan (nemico di Assad), definito una “persona malata” e un “megalomane… che ha perso il contatto con la realtà”. 

    Intanto, dopo tre settimane di interruzione sono ripresi i bombardamenti congiunti dell’aviazione siriana e dei caccia russi contro il settore orientale di Aleppo, controllato da gruppi ribelli ed estremisti islamici. Fonti locali parlano di almeno cinque vittime nell’area in cui si sono concentrati i raid aerei. Caccia ed elicotteri da combattimento hanno colpito i distretti di Haidaria, Masakin Hanano, Sakhour, Sheikh Faris, Bab al-Nairab, Qadi Askar e Qaterji. 

    In via ufficiale Mosca ha negato la ripresa delle operazioni su Aleppo, seconda città per importanza della Siria, ma conferma il lancio di missili contro gruppi jihadisti in altre zone del Paese. Tra gli obiettivi vi sarebbero centro di addestramento dei “terroristi”, depositi di armi e “fabbriche dedite alla produzioni di vari tipi di armi” alcune delle quali in via potenziale “di distruzione di massa”. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/09/2016 11:23:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    A rischio i colloqui Usa-Russia sulla Siria. Decine di famiglie in fuga da Aleppo est

    Mosca (e Damasco) continuano la campagna di bombardamenti sul settore orientale. Portavoce del Cremlino: dagli Stati Uniti “retorica poco costruttiva”. La replica di Kerry: Washington “sul punto” di interrompere le trattative. Le testimonianze delle famiglie di Aleppo fuggite dal settore in mano ai ribelli. I Paesi del Golfo pronti a fornire nuove armi alle milizie anti-governative. 



    03/10/2016 13:06:00 SIRIA
    Missili jihadisti (e turchi) contro i quartieri cristiani armeni di Aleppo ovest

    Da giorni i razzi sparati dal settore orientale colpiscono le zone cristiane. Dietro gli attacchi, i miliziani di al Nusra, che agiscono secondo le direttive di Ankara. Almeno cinque i cristiani armeni morti nel fine settimana, una decina i feriti. Dalla comunità armena di Aleppo la richiesta di aiuto a tutte le Chiese del mondo. 

     



    29/09/2016 14:09:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    Conflitto siriano: sale la tensione fra Usa e Russia. Offensiva dell’esercito ad Aleppo

    Kerry minaccia di interrompere le relazioni se la Russia non ferma i raid. Mosca accusa Washington di promuovere una politica di “minacce e ricatti”. Ma un think tank vicino al Cremlino invita a prendere le distanze da Damasco. Ad Aleppo l’esercito siriano strappa un quartiere ai ribelli. I miliziani usano i civili come scudi umani. 



    22/11/2016 09:57:00 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano, Onu: un milione di persone sotto assedio, ad Aleppo condizioni terrificanti

    Il responsabile delle Nazioni Unite per le operazioni umanitarie parla di persone “isolate, affamate, bombardate e private di cure mediche e di assistenza umanitaria”. Dalle forze governative l’uso deliberato di “tattiche crudeli”. A novembre i razzi dei ribelli ad Aleppo hanno provocato oltre 60 vittime civili nel settore occidentale. L’inerzia del Consiglio di sicurezza.

     



    25/03/2016 08:55:00 SIRIA - ONU
    Conflitto siriano: Washington e Mosca lavorano per la bozza di una nuova Costituzione

    Dovrebbe essere pubblicata entro il prossimo mese di agosto. Le due super potenze premono su Damasco e opposizioni per “colloqui diretti” e un rafforzamento della “transizione politica”. L’obiettivo è la formazione di una “struttura di governo di transizione”. Le forze governative avanzano su Palmira.  





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®