28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/11/2010, 00.00

    VIETNAM

    Continua la forte opposizione contro il governo vietnamita per le miniere di bauxite



    Il Vietnam vuole sfruttare i ricchi giacimenti. Ma gli oppositori denunciano il rischio di un disastro ambientale e gli scarsi vantaggi per il Paese. Lo sfruttamento gestito da ditte cinesi.

    Hanoi (AsiaNews/Agenzie) – Parlamentari e ambientalisti vietnamiti si oppongono alle miniere di bauxite e ammoniscono che i rischi e i costi sono maggiori dei vantaggi. Le miniere sono sfruttate da ditte cinesi che ottengono grandi guadagni.

    L’estrazione della bauxite, utilizzata per produrre alluminio, è iniziata nel 2008 nella zona montuosa delle Central Higlands, sede di minoranze etniche e di terreni coltivati, a monte del popoloso delta del Mekong. Già allora ci furono proteste, rilevando che i progetti richiedono grandi quantità di elettricità (scarsa nel Paese), la costruzione di 250 chilometri di ferrovia e di un apposito porto in cambio di guadagni contenuti.

    Allora il governo mise a tacere le proteste, ma hanno ripreso forza dopo il disastro ecologico dell’Ungheria, dove il 4 ottobre un’inondazione in un impianto di alluminio ha causato una marea di fango rosso velenoso, che ha invaso un villaggio con decine di morti e oltre 150 feriti e ha quasi causato un disastro ecologico nel fiume Danubio.

    Il professor Nguyen Minh Thuyet, rappresentante della provincia di Langsom all’Assemblea Nazionale, dice all’agenzia Radio Free Asia che i vantaggi economici sono pochi e i rischi elevati e che se l’Ungheria non ha saputo prevenire la catastrofe, il rischio è maggiore in Vietnam, che ha una tecnologia ancora in sviluppo e una scarsa cultura di tutela sul lavoro. Osserva nella zona degli “sono frequenti piogge torrenziali”.

    Iil professor Duong Trung Quoc, parlamentare rappresentante della provincia Dongnai, ritiene preferibile rinviare lo sfruttamento minerario a quando il Paese avrà maggiore tecnologia ed esperienza.

    Contro la miniera si è pure espresso l’eroe di guerra generale Vo Nguyen Giap, che nel 2009 ha inviato al governo una lettera aperta di opposizione.

    Nel passato il governo ha ignorato le critiche e colpito gli oppositori, oscurato i siti web di protesta, il 13 agosto è stato arrestato il professore Pham Minh Hoang per avere sostenuto tali proteste. Nel 2009 il governo ha accettato di svolgere uno studio approfondito sulle conseguenze ambientali, ma non ne ha resi noti i risultati.

    Shawn McHale, direttore del Centro Sigur per studi asiatici, all’Università Usa George Washington, dice che il problema è anche politico perché lo sfruttamento della miniera è svolto da ditte cinesi. La cinese Chinalco (Aluminum Corporation of China Limited) negli ultimi due anni ha aperto nel Vietnm centrale due miniere di bauxite con vicini impianti per trattare il minerale e sta studiando di farne altre quattro. Ditte di Cina, Russia e Australia stanno trattando la costituzione di joint ventures con imprese locali per lo sfruttamento dei giacimenti di bauxite, stimati i terzi maggiori al mondo. Il governo vuole investirci oltre 15 miliardi di dollari entro il 2025. La statale Vinacomin (Vietnam National Coal and Mineral Industries Group) sta costruendo una fabbrica di alluminio, vuole portare la produzione annuale da 4,8 milioni di tonnellate a 6,6 milioni entro il 2015, progetta nuove miniere nelle province Lam Dong e Dac Nong.

    Dopo il disastro ungherese, gli oppositori, numerosi anche in parlamento, osservano che il Vietnam assume tutti i rischi e ha pochi vantaggi, perché la Cina fissa il prezzo del minerale e impiega soprattutto operai e dipendenti cinesi.

    Circolano anche accuse di corruzione: su internet c’è un rapporto che accusa il premier Nguyen Tan Dung di avere ricevuto 150 milioni di dollari, forse da fonti cinesi, per sostenere il progetto. Non risultano risposte ufficiali di Dung.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/04/2009 VIETNAM
    Due Redentoristi accusati di voler rovesciare il regime vietnamita
    L’accusa, lanciata dalla stampa di regime, prevede anche la pena di morte. All’origine la protesta contro un progetto di costruzione in un terreno della parrocchia di Thai Ha e contro un piano di sfruttamento della bauxite negli Altipiani, che provocherebbe danni irreversibili all’ambiente e alla popolazione. Alle critiche si uniscono buddisti e il mitico generale Giap.

    29/01/2010 VIETNAM
    Picconate della polizia contro la casa del legale che ha denunciato il premier vietnamita
    L’avvocato accusa il primo ministro di aver violato la legge, concedendo a società cinesi di sfruttare I depositi di bauxite degli Altipiani centrali. L’accaduto rientra nel clima di repressione violenta istaurato dalle autorita anche contro I cattolici, tra i quali cresce la preoccupazione.

    28/03/2011 CINA
    Fatti di “normale” inquinamento: alluminio nei fiumi, piombo nel sangue
    Nel Guangdong una fabbrica riversa 4.500 metri cubi di scarichi tossici nei fiumi e sul suolo. Nel Zhejiang piombo nel sangue di centinaia di residenti. Entrambe le fabbriche sono illegali. L’inquinamento è tra le maggiori cause di proteste sociali contro autorità inerti e accusate di collusione.

    02/07/2009 VIETNAM
    Un redentorista rischia l’accusa di voler rovesciare il regime vietnamita
    La stampa di governo chiede una punizione “immediata e severa” di padre Joseph Le Quang Uy, nel computer del quale la polizia dice di aver trovato “cattivi documenti”. Il religioso spiega che sono le sue prediche e articoli contrari allo sfruttamento della bauxite negli Altipiani centrali, progetto contro il quale si è schierato anche il mitico generale Giap.

    21/07/2010 CINA
    La marea nera a Dalian minaccia le acque internazionali
    Oltre 500 pescherecci requisiti per pulire i 183 chilometri quadrati di mare coperti dal greggio versato per l’esplosione nel porto. Ma si teme che il disastro sia peggiore di quanto riconosciuto. I controlli di tutela ambientale poco applicati alle grandi imprese.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®