27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/08/2012
INDONESIA
Corruzione e nepotismo frenano la crescita dell’Indonesia
di Mathias Hariyadi
Nel 67mo anniversario dell’indipendenza, il Paese è ancora bloccato da problemi endemici e irrisolti. La classe dirigente e il presidente Yudhoyono non sono andati oltre vuoti slogan di facciata. Leader di partito coinvolti in scandali e inchieste. Pure in tema di libertà religiosa la nazione regista gravi battute d’arresto.

Jakarta (AsiaNews) - Corruzione e nepotismo sono ancora oggi un elemento peculiare della vita politica, sociale ed economica in Indonesia. Mentre il Paese festeggia il 67mo anniversario dell'indipendenza, la nazione resta ancorata a problemi irrisolti che si trascinano dalla caduta del regime di Suharto, presidente dal 1967 al 1998. Negli ultimi 14 anni, infatti, non si sono registrati cambiamenti o inversioni di rotta. Anche l'attuale legislatura, guidata dal capo di Stato Susilo Bambang Yudhoyono al suo secondo mandato (2004 e 2009), non è riuscita a contrastare con efficacia i mali storici del Paese: nepotismo e corruzione endemica e sistematica. A questo si aggiunge il fatto che gli stessi "uomini del presidente", esponenti del Partito democratico, sono coinvolti a più riprese in corruttele, abuso d'ufficio ed episodi di malaffare.

Oggi l'Indonesia celebra l'indipendenza, proclamata il 17 agosto 1945 dal generale Sukarno  sebbene l'ingresso a pieno titolo alle Nazioni Unite arriverà solo cinque anni più tardi. La festa diventa occasione per un bilancio dell'attuale governo e dei problemi che frenano lo sviluppo. In primis, alcune figure chiave del partito sono implicate in episodi gravi di corruzione. Fra questi, vi è la tesoriera Hartati Mudaya Po, una "potentissima" all'interno della leadership dei democratici, più volte oggetto di indagine e accusata pure di abuso di ufficio. È stata lei a erogare i finanziamenti per la doppia campagna elettorale che ha portato alla vittoria Yudhoyono. Sempre lei risulta essere una "figura chiave" in seno all'Associazione buddista nazionale, la Walubi, che ha anche guidato per diversi anni dalla poltrona di presidente.

Tra gli altri problemi che affliggono la società indonesiana e, di conseguenza, la sua economia, vi è anche una eccessiva burocratizzazione, che finisce pure per scoraggiare gli investimenti dall'estero. "Dobbiamo ridurre le lungaggini burocratiche" ha annunciato Yudhoyono, ma le sue parole vengono percepite dalla popolazione come un vuoto slogan piuttosto che una promessa concreta o un'opportunità di sviluppo. Il capo di Stato aggiunge che i giorni per ottenere una licenza per imprese estere si è "ridotto da 60 a 17"; tuttavia, rispondono i critici, restano i problemi relativi al rilascio dei permessi, la cui velocità è spesso legata a mazzette o altri favori.

Da ultimo, resta critica la situazione anche per quanto concerne la libertà religiosa nel Paese; continuano infatti gli episodi di abusi, se non vere e proprie violenze, ai danni delle minoranze che vedono in molti casi ridotta - se non del tutto negata - la professione del culto. Fra i molti esempi, vi è la recente chiusura della chiesa cattolica di San Giovanni Battista, a Bogor, utilizzata da migliaia di fedeli per le funzioni domenicali (cfr. AsiaNews 14/08/2012 Bogor, fronte di islamici radicali fanno chiudere la chiesa di San Giovanni Battista in uso da sei anni). Le autorità locali hanno messo i sigilli all'edificio per presunte irregolarità nei permessi di costruzione; una violazione perpetrata nel silenzio del governo centrale. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/03/2015 INDONESIA
Jakarta, società civile in piazza contro i nuovi vertici della Commissione anti-corruzione
di Mathias Hariyadi
17/02/2015 INDONESIA
Jakarta, caos istituzionale: magistratura e polizia contro Commissione anti-corruzione
di Mathias Hariyadi
26/01/2015 INDONESIA
Jakarta, la “guerra” fra polizia e anti-corruzione rivela la debolezza del presidente Jokowi
di Mathias Hariyadi
03/03/2015 INDONESIA
Attivisti indonesiani promuovono un ponte fra impresa e diritti del lavoratore
di Mathias Hariyadi
04/12/2013 INDONESIA
Vescovi indonesiani: guerra alla droga e programmi di recupero per le vittime
di Mathias Hariyadi

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate