5 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/08/2012
INDONESIA
Bogor, fronte di islamici radicali fanno chiudere la chiesa di San Giovanni Battista in uso da sei anni
di Mathias Hariyadi
In una lettera il parroco denuncia i gruppi che si oppongono alla chiesa e ne ha ottenuto la chiusura. Oltre 200 fedeli della zona hanno espresso il consenso, ma non basta per ottenere il permesso di costruzione. E aggiunge: un luogo di culto cristiano favorisce l’armonia e garantisce opportunità di lavoro per tutti.

Jakarta (AsiaNews) - Il mancato rilascio del permesso di costruzione (Imb) e la - conseguente - chiusura della chiesa di San Giovanni Battista a Parung, nella reggenza di Bogor (provincia di West Java), sono dovute all'opposizione di un capo villaggio della zona e del Forum per il dialogo interreligioso. È quanto lamenta in una lettera il parroco p. Aloysius Simbol Gaib Pratolo Pr, secondo cui "tutte le procedure sono state eseguite in modo corretto", ma non è mai giunto "il sostegno del capo villaggio di Waru". A questo, continua il sacerdote, si aggiunge l'ostacolo frapposto dal forum di Bogor che "continua a declinare l'invito a firmare il documento". E per i fedeli della zona si fa sempre più remota la possibilità di beneficiare, nell'immediato futuro, di un luogo di culto in cui riunirsi e pregare.

L'iter per la costruzione di una chiesa in Indonesia - cattolica o protestante - è complicato e possono trascorrere da cinque a dieci anni prima di ottenere tutte le autorizzazioni. Il procedimento è regolato dall'Izin Mendirikan Bangunan (Imb), delibera scritta che permette l'apertura di un cantiere ed è rilasciato dalle autorità locali. La vicenda si complica se si tratta di un luogo di culto cristiano: serve infatti il nulla osta di un certo numero di residenti nell'area in cui viene costruito l'edificio e del gruppo per il dialogo interreligioso del posto. E spesso subentrano "non meglio precisate motivazioni" che spingono i funzionari a bloccare i progetti, dietro pressioni di movimenti radicali islamici.

Il 6 agosto scorso i funzionari della pubblica sicurezza (i Satpol PP) di Bogor, provincia di West Java, hanno messo i sigilli a una "casa di preghiera" di Tulang Kuning, villaggio di Waru, usata da oltre 6mila cattolici della parrocchia di San Giovanni Battista. I fedeli per sei anni hanno usato con regolarità l'edificio per le funzioni del fine settimana e delle principali festività cristiane, ma negli ultimi tempi erano entrati nel mirino delle autorità che - in tre occasioni - hanno intimato l'interruzione dei riti (cfr. AsiaNews 07/08/2012 West Java: cattolici nel mirino delle autorità di Bogor, sigilli alla "casa di preghiera").

Nella nota il parroco spiega che la comunità cristiana ha raccolto centinaia di firme che autorizzano la costruzione dell'edificio, tra cui quelle di 13 capi  villaggio del sotto-distretto di Parung. Manca però la firma del capo villaggio di Waru, essenziale per il nulla osta, reclamata da tempo e mai pervenuta. "Almeno 200 persone nelle vicinanze - continua p. Aloysius - hanno manifestato il loro consenso", ma ogni sforzo sembra vano. E il blocco al luogo di culto, denuncia infine il parroco, è arrivato a 20 minuti di distanza dal raggiungimento di una lettera di proroga, che avrebbe concesso altro tempo per ottenere tutte la autorizzazioni necessarie.

Infine, il sacerdote respinge le accuse avanzate dalla frangia estremista di "fomentare l'intolleranza" religiosa. Al contrario, la presenza di un luogo di culto cristiano nell'area "andrebbe a beneficio anche degli abitanti della zona" musulmani, perché crea un flusso di gente e permette di avviare attività economiche e commerciali come "bancarelle per la vendita di cibo di strada o altro". 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/02/2013 INDONESIA
South Sulawesi: nuovo attacco contro le chiese, appello alla calma delle autorità
di Mathias Hariyadi
17/03/2012 INDONESIA
West Java: proiettili contro una chiesa protestante, fermati gli assalitori
di Mathias Hariyadi
11/09/2012 INDONESIA
Ministro, sindaco e islamisti chiudono la Yasmin Church. Leader cristiano: una vergogna
di Mathias Hariyadi
15/11/2005 INDONESIA
East Java, telefonate minatorie a una chiesa cattolica
23/11/2012 INDONESIA
West Sumatra, islamisti fomentano la “cristianofobia”: nel mirino scuole, chiese e negozi
di Mathias Hariyadi

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate