22/12/2006, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Corte di Pechino condanna a 3 anni di galera Gao Zhisheng

L’avvocato, attivista per i diritti umani noto in tutta la Cina, è stato riconosciuto colpevole di sovversione. Secondo i giudici, la prova sono gli articoli contro la corruzione indirizzati ai vertici comunisti.
Pechino (AsiaNews/Agenzie) – La Corte Intermedia del Popolo di Pechino ha condannato a 3 anni di carcere Gao Zhisheng, avvocato ed attivista per i diritti umani famoso in tutta la Cina, riconosciuto “colpevole di sovversione anti-statale”.
 
La sentenza è stata sospesa in attesa di un appello, ma i giudici hanno in ogni caso condannato Gao ad un anno senza diritti politici.
 
Secondo l’accusa, la sedizione si prova con i 9 articoli firmati dall’avvocato e pubblicati su diversi siti internet: in particolare, le 3 lettere aperte al presidente Hu Jintao ed al premier Wen Jiabao, nelle quali l’attivista chiede più libertà religiosa e meno corruzione.
 
Secondo la Corte, gli articoli sono “diffamatori” nei confronti del governo centrale cinese e “mirano a sovvertire l’ordine costituito”.
 
Il verdetto di colpevolezza era stato emesso dai giudici il 12 dicembre scorso: la sentenza, raccontano gli avvocati che hanno seguito il caso di Gao, è stata emessa sulla base di una confessione “spontanea”.
 
La credibilità di questa, tuttavia, è dubbia. Mo Shaoping e Ding Xikui, i due legali, spiegano che “non è stato per noi possibile incontrare il nostro cliente ed avere da lui notizie di prima mano. Per questo motivo, non siamo in condizione di commentare la presunta confessione”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Condannato per sovversione Gao Zhisheng, attivista per i diritti umani
13/12/2006
Iniziato il processo contro scrittore “sovversivo”
15/01/2007
Pechino nega ad Hu Jia di ricorrere per l’appello
17/04/2008
Condannato per sovversione Hu Jia, leader della dissidenza cinese
03/04/2008
Iniziato il processo contro Hu Jia, diplomatici cacciati dal tribunale
18/03/2008