17/08/2010, 00.00
MALAYSIA
Invia ad un amico

Cresce la Chiesa cattolica in Malaysia, nonostante le pressioni islamiche

di Jeremy Lim
Nell’arcidiocesi di Kota Kinabalu, i cattolici sono quasi il 10% della popolazione. Molte chiese accrescono il numero delle messe per far fronte all’affluenza di fedeli. L’islam si diffonde a maggior velocità, soprattutto per la pressione sociale: i non musulmani sono considerati inferiori.

Kota Kinabalu (AsiaNews) – Cresce la comunità cattolica nell’arcidiocesi di Kota Kinabalu, capitale del Sabah, dove i fedeli sono più di 180mila, quasi il 10% della popolazione. Il Sabah è uno dei 13 Stati della Malaysia ed è situato nella regione settentrionale del Borneo.

Molte chiese hanno aaccresciuto il numero delle messe domenicali, per far fronte all’affluenza dei fedeli. La chiesa di Stella Maris, ad esempio, ha deciso di celebrare la domenica una terza funzione in Bahasa Melayu, la lingua locale, insieme ad altre due in inglese.

 Leonard Chin, fedele della parrocchia, dichiara ad AsiaNews che “la popolazione cattolica cresce in modo costante, anche se lento. Abbiamo costruito nuove chiese e a Pasqua sono state battezzate 80 persone, in una parrocchia che conta 5mila fedeli”.

 Insieme alla comunità cattolica, si diffonde anche quella islamica: “Ci sono due motivi - continua Chin - per cui i musulmani crescono con maggiore rapidità. Da una parte fanno più figli, dall’altra molti membri del gruppo etnico Kazadan, che sono cattolici per l’influenza dei missionari del 19° secolo, si convertono per motivi politici”.

 In Malaysia la religione di Stato è l’islam, la libertà religiosa è garantita dalla Costituzione, anche se si sono verificate diverse violazioni di questo diritto. Infatti, afferma Chin, “molte persone sono portate a convertirsi all’islam” a causa della pressione sociale che viene fatta sui non musulmani, che sono considerati inferiori.

 Su una popolazione di 23 milioni di abitanti, in Malaysia il 60,4% sono musulmani e solo il 9,1% sono cristiani, in maggioranza cattolici. La grande maggioranza di questi vive nell’isola del Borneo, dove è situato lo Stato di Sabah.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kuala Lumpur, l'Alta corte autorizza l’uso di Allah per i cristiani
10/03/2021 14:35
Sospese le ricerche dell’MH370 dopo tre anni
17/01/2017 12:54
Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
04/07/2014
I vescovi cattolici contro uno stato islamico
09/09/2004
Arcivescovo di Kuala Lumpur: la parola “Allah” può essere usata nella Bibbia e a messa
27/01/2015