18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/10/2004, 00.00

    PAKISTAN

    Cristiani e musulmani: "Sconfiggere la cultura della violenza"



    Islamabad (AsiaNews) – Battere col dialogo la cultura della violenza. Questo l'obiettivo dell'annuale incontro fra esponenti del mondo cristiano e musulmano – che si tiene durante il mese sacro del Ramadan – promosso dalla Commissione nazionale per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso (NCIDE) della Chiesa cattolica pakistana. L'appuntamento del 20 ottobre scorso ha visto insieme leader musulmani e cristiani intenzionati a favorire il dialogo e la convivenza pacifica.

    "Il NCIDE – afferma il docente cattolico Mushtaq Victor – si batte per il dialogo interreligioso nel Pakistan. Il settarismo ha rovinato l'immagine del Paese: ora dobbiamo sconfiggere la cultura della violenza e promuovere la moderazione e la tolleranza fra le comunità".

    Anche il Papa, in occasione del recente incontro con il presidente pakistano Musharraf, ha

    sottolineato l'importanza del dialogo fra cristiani e musulmani. Shahazada Alamigri, musulmano e collaboratore del NICDE, ha elogiato l'opera di Giovanni Paolo II "voce di pace in Iraq e in tutto il mondo. Cristiani e musulmani devono battersi per assicurare la pace e sconfiggere quanti seminano violenze e odio".

    Alama Zaheer, leader del mondo islamico, riprende le parole di Muhammad Ali Jinnah, fondatore del Pakistan: "Tutti i cittadini devono essere liberi di professare il proprio credo. Ogni fedele deve rispettare le altre religioni perché la libertà di fede è stata sancita dal padre fondatore del Pakistan".

    Padre Jacob Joseph Dogra, vicario generale della diocesi di Islamabad- Rawalpindi, ricorda la parabola del buon samaritano agli amici musulmani e afferma che "l'amore a Dio e l'amore per i fratelli è alla base del cristianesimo". Per questo, ricorda p. Joseph, è indispensabile "continuare il dialogo valorizzando le analogie e mettendo da parte le differenze".

    Padre Francis Nadeem, segretario esecutivo del NCIDE, afferma con orgoglio di essere "un cristiano pakistano" e sottolinea lo scopo per cui è nata la commissione: "creare i presupposti per far nascere l'armonia tra le religioni". Egli ha inoltre ricordato che il governo di Islamabad è il garante della vita e della sicurezza dei cittadini senza distinzione di credo o di confessione religiosa.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2005 PAKISTAN
    Cristiani pakistani pregano per ecumenismo e dialogo interreligioso

     



    30/09/2004 VATICANO – PAKISTAN
    Papa a Musharraf: "Alimentare dialogo e tolleranza"


    05/11/2004 VATICANO
    Santa Sede e islam difendano i diritti dei bambini

    Messaggio per la fine del Ramadan



    13/06/2008 PAKISTAN
    Cristiana disabile 12enne violentata da un gruppo di musulmani
    Il trio è accusato di aver abusato di una dodicenne affetta da disturbi mentali. Il padre non ha denunciato subito il misfatto a causa delle minacce subite; grazie al sostegno di attivisti cristiani ora chiede giustizia. La ragazza verrà curata in centro di suore specializzato nelle malattie psichiche.

    18/07/2015 PAKISTAN
    Hyderabad, per la fine del Ramadan il vescovo incontra i “fratelli e sorelle” musulmani
    Mons. Samson Shukardin ha accolto leader religiosi e personalità politiche della città alla vigilia della festa di Eid al Fitr. Durante l’incontro letti i messaggi di papa Francesco e del card Tauran per il mondo islamico. L’obiettivo è contrastare la violenza confessionale e rafforzare legami di amicizia e collaborazione fra esponenti di fedi diverse.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®