21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/10/2004, 00.00

    PAKISTAN

    Cristiani e musulmani: "Sconfiggere la cultura della violenza"



    Islamabad (AsiaNews) – Battere col dialogo la cultura della violenza. Questo l'obiettivo dell'annuale incontro fra esponenti del mondo cristiano e musulmano – che si tiene durante il mese sacro del Ramadan – promosso dalla Commissione nazionale per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso (NCIDE) della Chiesa cattolica pakistana. L'appuntamento del 20 ottobre scorso ha visto insieme leader musulmani e cristiani intenzionati a favorire il dialogo e la convivenza pacifica.

    "Il NCIDE – afferma il docente cattolico Mushtaq Victor – si batte per il dialogo interreligioso nel Pakistan. Il settarismo ha rovinato l'immagine del Paese: ora dobbiamo sconfiggere la cultura della violenza e promuovere la moderazione e la tolleranza fra le comunità".

    Anche il Papa, in occasione del recente incontro con il presidente pakistano Musharraf, ha

    sottolineato l'importanza del dialogo fra cristiani e musulmani. Shahazada Alamigri, musulmano e collaboratore del NICDE, ha elogiato l'opera di Giovanni Paolo II "voce di pace in Iraq e in tutto il mondo. Cristiani e musulmani devono battersi per assicurare la pace e sconfiggere quanti seminano violenze e odio".

    Alama Zaheer, leader del mondo islamico, riprende le parole di Muhammad Ali Jinnah, fondatore del Pakistan: "Tutti i cittadini devono essere liberi di professare il proprio credo. Ogni fedele deve rispettare le altre religioni perché la libertà di fede è stata sancita dal padre fondatore del Pakistan".

    Padre Jacob Joseph Dogra, vicario generale della diocesi di Islamabad- Rawalpindi, ricorda la parabola del buon samaritano agli amici musulmani e afferma che "l'amore a Dio e l'amore per i fratelli è alla base del cristianesimo". Per questo, ricorda p. Joseph, è indispensabile "continuare il dialogo valorizzando le analogie e mettendo da parte le differenze".

    Padre Francis Nadeem, segretario esecutivo del NCIDE, afferma con orgoglio di essere "un cristiano pakistano" e sottolinea lo scopo per cui è nata la commissione: "creare i presupposti per far nascere l'armonia tra le religioni". Egli ha inoltre ricordato che il governo di Islamabad è il garante della vita e della sicurezza dei cittadini senza distinzione di credo o di confessione religiosa.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2005 PAKISTAN
    Cristiani pakistani pregano per ecumenismo e dialogo interreligioso

     



    30/09/2004 VATICANO – PAKISTAN
    Papa a Musharraf: "Alimentare dialogo e tolleranza"


    05/11/2004 VATICANO
    Santa Sede e islam difendano i diritti dei bambini

    Messaggio per la fine del Ramadan



    13/06/2008 PAKISTAN
    Cristiana disabile 12enne violentata da un gruppo di musulmani
    Il trio è accusato di aver abusato di una dodicenne affetta da disturbi mentali. Il padre non ha denunciato subito il misfatto a causa delle minacce subite; grazie al sostegno di attivisti cristiani ora chiede giustizia. La ragazza verrà curata in centro di suore specializzato nelle malattie psichiche.

    18/07/2015 PAKISTAN
    Hyderabad, per la fine del Ramadan il vescovo incontra i “fratelli e sorelle” musulmani
    Mons. Samson Shukardin ha accolto leader religiosi e personalità politiche della città alla vigilia della festa di Eid al Fitr. Durante l’incontro letti i messaggi di papa Francesco e del card Tauran per il mondo islamico. L’obiettivo è contrastare la violenza confessionale e rafforzare legami di amicizia e collaborazione fra esponenti di fedi diverse.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®