30 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2016, 11.01

    INDONESIA

    Da accusatore ad accusato: leader musulmano radicale denunciato per offese al cristianesimo



    Rizieq Shihab, leader del movimento Fronte di difesa islamico (Fpi), è stato in prima fila nella denuncia per blasfemia al governatore cristiano di Jakarta. Ora l’Associazione degli studenti cattolici indonesiani (Pmkri) lo accusa per alcune frasi pronunciate il giorno di Natale.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Rizieq Shihab, leader del Fronte di difesa islamico (Fpi), è stato accusato di blasfemia da parte della comunità cattolica. L’integralista musulmano è stato denunciato per violazione della sezione “a” dell’articolo 156 della Costituzione e rischia fino a cinque anni di carcere.

    Il giorno di Natale Rizieq è stato filmato mentre affermava: “Se Dio ha avuto un figlio, allora chi era l’ostetrica?”. Le immagini del discorso hanno fatto il giro del web fino a quando l’Associazione degli studenti cattolici indonesiani (Pmkri) non ha deciso di sporgere denuncia. Angelius Wake Kako, presidente del Pmkri, ha dichiarato che Rizieq è stato accusato insieme ad altre due persone che hanno divulgato il filmato. I sentimenti religiosi dei cristiani, ha aggiunto, “sono stati feriti e umiliati”.

    Tutti gli indonesiani, ha detto il leader cattolico, “dovrebbero rispettare la diversità e non interferire negli ambiti privati delle altre religioni. Solo i cristiani conoscono la fede cristiana. Tutti quelli che non ne hanno conoscenza, è meglio che tacciano”.

    Rizieq si è difeso dicendo che le accuse di blasfemia sono mal indirizzate e che la materia dell’accusa (il dogma religioso) non è sufficiente per una denuncia alla polizia. Egli ha ammesso che chiunque può denunciare un altro cittadino finché possiede delle prove: “Ma queste devono essere complete e non contraffatte”.

    Il leader islamico è da mesi in prima fila nel criticare e accusare il governatore cristiano di Jakarta, Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok”, denunciato per blasfemia dell’islam. Insieme al Fpi egli ha organizzato diverse manifestazioni di massa per chiedere la condanna del politico. Da due settimane Ahok è a processo e due giorni fa i giudici hanno rigettato la richiesta della difesa di sospendere il tribunale per le troppe irregolarità.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/11/2016 11:14:00 INDONESIA
    Presidente Widodo: Le manifestazioni di ieri, infiltrate da agitatori politici

    Incontro di emergenza sicurezza al palazzo presidenziale dopo alcuni scontri di folla con la polizia. Timori fra i gruppi di etnia cinese. Il caso di “blasfemia” del governatore di Jakarta sarà giudicato nelle prossime settimane “in modo trasparente, veloce e chiaro”. Fra i manifestanti, il vice-presidente del parlamento, Fahri Hamzah, che vuole far dimettere il presidente Widodo.



    15/10/2016 09:09:00 INDONESIA
    Jakarta, migliaia di fondamentalisti islamici in piazza contro il governatore cristiano

    La manifestazione è stata organizzata dal Fronte di difesa islamico: “Il Corano chiede che tutti i leader del Paese siano musulmani”. Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok” è accusato di blasfemia per aver citato il testo sacro durante un comizio. Musulmani moderati prendono le distanze: “Iniziativa che non condividiamo. Il governatore si è scusato”.

     



    04/11/2016 15:19:00 INDONESIA
    Jakarta, il presidente Widodo snobba la protesta contro il governatore cristiano

    Il capo di Stato non ha incontrato i leader musulmani che chiedono l’arresto di Ahok per “blasfemia”. Nonostante i timori della vigilia, la manifestazione si è svolta in modo pacifico, ma con alcuni scontri. I motivi religiosi e politici dietro la protesta.



    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     



    19/04/2017 12:17:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®