24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/12/2016, 08.45

    INDONESIA

    Jakarta, prima udienza del processo per blasfemia del governatore cristiano

    Mathias Hariyadi

    Alla Corte di Jakarta nord, Ahok ha respinto l’accusa di aver insultato l’islam durante un comizio. Migliaia i curiosi accorsi per l’evento. La difesa afferma che il governatore si era scagliato contro i politici musulmani che volevano ostacolare la sua rielezione a governatore, ma le sue parole sono state manipolate.

    Jakarta (AsiaNews) – Si è tenuta oggi la prima udienza del processo per blasfemia che vede coinvolto il governatore di Jakarta Basuki Tjahaja Purnama detto “Ahok”. Seduto alla Corte di Jakarta nord il politico, cristiano di etnia cinese, ha dovuto rispondere all’accusa di aver insultato il Corano e la fede islamica. Durante un comizio tenuto a settembre scorso egli avrebbe citato la 51ma sura di Al Maidah (quinto capitolo del Corano), che suggerisce ai musulmani di non votare un leader di altro credo, chiedendo ai fedeli islamici di non “usarla” in maniera sbagliata.

    Tra le lacrime, Ahok ha spiegato di non aver mai avuto intenzione si offendere l’islam e che le sue parole erano rivolte ai politici che manipolano il Corano per impedire a lui di essere rieletto come governatore alle elezioni di febbraio 2017.

    L’imputato ha chiesto che fosse proiettato un video che ritrae Abdurrahman “Gus Dur” Wahid (presidente dell’Indonesia dal 1999 al 2001) mentre commenta una distribuzione di volantini che invitano a non votare un politico non musulmano. La richiesta è stata respinta dai giudici e dall’accusa, perché “questo verrà fatto durante le prossime udienze, quando nuove prove forensi verranno alla luce”.

    All’udienza di oggi erano presenti migliaia di spettatori, curiosi di vedere il primo capitolo di un processo che ha risonanza in tutta la nazione. A partire da fine settembre, le parole del governatore hanno generato le proteste di movimenti islamici, moderati e radicali. Il 4 novembre quasi 100mila persone sono scese in piazza per chiedere la condanna di Ahok e il ritiro della sua ricandidatura a governatore. La manifestazione, sfociata in episodi di violenza, ha subito le infiltrazioni di agitatori politici con l’obiettivo di screditare il presidente Joko Widodo, alleato del governatore.

    La manifestazione ha generato la risposta dei movimenti moderati, che hanno marciato a Jakarta il 30 novembre difendendo i valori dell’Indonesia, la tolleranza e l’unità nella diversità.

    In seguito si è scoperto che Buni Yani, ex giornalista e professore di comunicazione alla London School di Central Jakarta, ha manipolato le parole pronunciate da Ahok nel comizio, rendendole offensive per l’islam e scatenando le proteste. Yani è stato arrestato e andrà a processo.

    Ahok è uno dei pochi leader politici indonesiani che lotta in prima fila per la libertà di coscienza. Lo scorso giugno si è opposto all’obbligo imposto alle studentesse di Jakarta di indossare il velo islamico. Nel luglio 2015 il governatore di Jakarta ha promosso una battaglia per i diritti civili della minoranza ahmadi, ritenuta eretica dalla maggioranza musulmana sunnita.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/04/2017 12:54:00 INDONESIA
    Processo Ahok, ‘inammissibile’ il video che aveva incriminato il governatore cristiano

    Non potrà essere proiettato in nessuna delle prossime udienze. Il filmato modificato è ora parte di un procedimento penale contro il suo diffusore. Ahok offre le sue scuse per il caso di blasfemia orchestrato contro di lui. Non si fermano gli attacchi delle organizzazioni musulmane estremiste. Le forze di sicurezza arrestano cinque leader islamisti per tradimento.



    24/11/2016 10:49:00 INDONESIA
    Jakarta, arrestato l'istigatore delle proteste contro il governatore cristiano

    Buni Yani, ex giornalista e professore di comunicazione, è accusato di aver manipolato le parole di Ahok e aver aizzato i gruppi musulmani radicali. Una petizione che chiedeva la sua accusa ha raccolto più di 100mila firme. Gli integralisti promettono nuove manifestazione per il 2 dicembre.



    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     



    19/04/2017 12:17:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.



    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®