20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/08/2017, 12.03

    HONG KONG-VATICANO

    Da oggi mons. Michael Yeung è vescovo di Hong Kong: è amico di Zen e di Tong

    Bernardo Cervellera

    L’annuncio dato oggi in Vaticano e a Hong Kong. Domani il nuovo vescovo terrà una conferenza stampa. In ginocchio davanti ai cardinali Tong e Zen: “due grandi alberi”. Per i dialoghi Cina-Santa Sede è ottimista, ma è “difficile ottenere risultati immediati”. L’impegno per salvaguardare la libertà di Hong Kong.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - La Sala stampa della Santa Sede ha reso noto oggi alle 12 che da oggi mons. Michael Yeung Ming-cheung (foto 1), è il vescovo ordinario di Hong Kong, seguito al ritiro del card. John Tong dalla guida della diocesi (al centro nella foto 2).

    Mons. Yeung, 72 anni, era stato nominato vescovo coadiutore lo scorso 13 novembre. Il card. Tong, che proprio ieri ha compiuto 79 anni, aveva presentato le dimissioni già quattro anni fa, ma il papa ha esteso la sua responsabilità fino al 2017.

    Mons. Yeung è nato a Shanghai il 1° dicembre 1945 da una famiglia cattolica ed è arrivato ad Hong Kong quando aveva quattro anni. Ha lavorato in una ditta di import-export, prima di entrare nel seminario di Hong Kong a 26 anni. È stato ordinato sacerdote il 10 giugno 1978. Ha compiuto studi in comunicazione (Syracuse, Usa) e in filosofia ed educazione (Harvard, Usa). Dall’agosto 2003 è stato a capo della Caritas del territorio e vicario generale dal 2009. È stato ordinato vescovo ausiliare nell’agosto 2014.

    La notizia è stata data in contemporanea anche ad Hong Kong alle 6 del pomeriggio. Domani alle 15 il vescovo terrà una conferenza stampa coi giornalisti. E il 5 agosto alle 15 celebrerà una messa in cattedrale per l'inizio del suo ministero.

    Diversi osservatori si domandano se mons. Yeung seguirà più la linea del card. Tong, dialogica e gentile verso la Cina, oppure prenderà posizioni irruente come il card. Joseph Zen, grande difensore della libertà religiosa e molto amico del movimento democratico del territorio.

    Dopo la nomina a vescovo coadiutore, avvenuta durante la messa di chiusura dell’anno Santo della Misericordia, mons. Yeung si è inginocchiato prima davanti al card. Tong e poi davanti al card. Zen. Egli considera entrambi “come due grandi alberi, sotto i quali egli può godere di un po’ d’ombra”.

    Pur non sostenendo le posizioni estremiste e indipendentiste di alcune frange giovanili, egli ha spesso espresso appoggio alle richieste di democrazia di Hong Kong, mettendo in guardia la Cina dall’intervenire in modo troppo pesante e frettoloso sugli affari del territorio, per salvaguardare il principio di “una nazione, due sistemi”.

    In una conferenza stampa, dopo la sua nomina a coadiutore egli ha anche spiegato la sua posizione sui dialoghi Cina- Santa Sede: egli è felice dell’ottimismo del Vaticano nel cercare il dialogo con la Cina. “La Cina – ha spiegato allora - è un Paese enorme, con tanti aspetti e tematiche. Ciò rende difficile ottenere risultati immediati e per costruire un rapporto occorre svilupparlo passo dopo passo, tenendo presente anche i diritti umani, che sono un tema di interesse e di preoccupazione”.

    In una breve intervista al South China Morning Post stamane, il card. Tong ha detto anzitutto di essere “grato” per tutto quanto ha vissuto. Egli, ha aggiunto, ha “piena fiducia” in mons. Yeung. “È migliore di me da tutti i punti di vista… Sono sicuro che egli farà sempre di bene in meglio”.

    Mons. Yeung è anche uno strenuo difensore della famiglia fondata sul rapporto fra uomo e donna. Per questo egli è stato talvolta vittima di critiche da parte delle lobby gay di Hong Kong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/08/2017 15:37:00 HONG KONG-VATICANO
    Michael Yeung, nuovo vescovo di Hong Kong, incontra i giornalisti

    Il ricordo commosso per Liu Xiaobo. La “disgraziata” scelta di Pechino per il massacro di Tiananmen. Ma le priorità della diocesi sono gli anziani e i giovani. Essere Chiesa “ponte” nei rapporti fra Pechino e la Santa Sede.



    14/11/2016 10:19:00 HONG KONG-VATICANO
    Mons. Michael Yeung Ming-cheung è il successore del card. John Tong

    L’annuncio dato ieri sera, alla cerimonia conclusiva del Giubileo nella cattedrale dell’Immacolata. Il ringraziamento ai cardinali John Tong e Joseph Zen, “due grandi alberi sotto i quali godere di un po’ d’ombra”.



    05/08/2017 10:31:00 HONG KONG-VATICANO
    Mons. Michael Yeung si insedia come nuovo vescovo di Hong Kong

    Il nuovo pastore ha preso oggi possesso della cattedra. Presenti i vescovi emeriti card. John Tong e card. Joseph Zen, l’attuale governatore del territorio, Carrie Lam, insieme a rappresentanti delle Chiese cristiane. Nell’omelia, mons. Yeung ha sottolineato che “senza la croce non siamo discepoli del Signore”. L’impegno per “guarire le relazioni” coi fedeli e nelle famiglie. L’attenzione alla povertà economica, ma anche a quella spirituale, gli anziani e i giovani. Hong Kong deve preoccuparsi non solo di economia, ma anche di educazione, case, ambiente, riforme politiche. Il video della cerimonia.



    15/11/2016 16:29:00 HONG KONG-CINA-VATICANO
    Al vescovo coadiutore di Hong Kong spiace l’intervento di Pechino sulla Basic Law

    Alla conferenza stampa dopo la sua nomina, il successore del card. John Tong parla dei dialoghi fra Cina e Vaticano e di diritti umani. La stima per il card. Joseph Zen. L’Alta corte di Hong Kong segue la decisione di Pechino di escludere dalla legislatura i due giovani parlamentari “localisti”.



    17/08/2016 11:58:00 CINA - VATICANO
    Pensieri sparsi sugli “imminenti” rapporti Cina-Santa Sede

    L’autore è un sacerdote della Chiesa non ufficiale della Cina dell’est. Molti media parlano come se gli accordi fra Pechino e il Vaticano fossero già pronti. I problemi dei vescovi illeciti con amanti e con figli. Il card. Tong e il card. Zen, divisi solo da ottimismo e pessimismo. Dubbi sulla libertà che “l’impero cinese” potrà concedere alla Chiesa.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®