28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/07/2012
MYANMAR
Dopo 25 anni di lotta per la democrazia, primo discorso di Aung San Suu Kyi in parlamento
La leader birmana promette "che farà del suo meglio per il Paese". Il debutto avviene dopo gli arresti arbitrari di studenti in occasione del 50mo anniversario del massacro all'Università di Yangon. Ad affiancare Aung San Suu Kyi in parlamento vi saranno 37 membri della Lega nazionale per la democrazia, eletti in aprile.

Yangon (AsiaNews/ Agenzie) - Con un discorso alla nazione, Aung San Suu Kyi, storica leader dell'opposizione birmana e premio Nobel per la pace, fa il suo debutto in parlamento, dopo quasi 25 anni di lotta per portare la democrazia nel Paese.

"Farò del mio meglio per la mia nazione", ha affermato la leader della Lega nazionale per la democrazia, che ha rimandato di una settimana il suo insediamento come parlamentare per riprendersi da un lungo tour in Europa, nel quale ha ritarato anche il premio Nobel assegnatole nel 1991.

Il debutto di Aun San Suu Koy, giunge in un momento di particolare tensione per il Myanmar che rischia di gettare un'ombra sulle recenti aperture dell'ex giunta militare. Lo scorso 7 luglio, la polizia ha arrestato circa 20 studenti per bloccare una manifestazioni in occasione del 50mo anniversario del massacro di studenti compiuto dal gen. Ne Win. Nello scorse settimane, gli scontri etnico-religiosi fra Rakhine (buddisti) e Rohingya (musulmani) hanno riacceso il dibattito sulla questione delle minoranze, spesso in lotta con il governo di Naypyidaw. Tuttavia, fonti interne al parlamento sottolineano che la presenza della leader dell'opposizione stia portando a un lento cambiamento nel governo e presto molti politici sostenitori della giunta e potrebbero essere sostituiti da riformisti.  

Aun Sang Suu Kyi sarà affiancata da altri 37 membri della Ndl, eletti lo scorso aprile nelle elezioni per assegnare 48 seggi parlamentari vacanti dal 2010. La "signora" intende continuare la collaborazione con il presidente Thein Sein, che ha permesso di traghettare l'ex Birmania da un ferreo regime militare a una nazione in cui si intravedono spiragli concreti di democrazia, anche se "molto" resta ancora da fare. A tutt'oggi, il parlamento è ancora dai militari e dai loro alleati politici.  

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/01/2012 MYANMAR
Yangon: centinaia di sostenitori alla candidatura ufficiale di Aung San Suu Kyi
02/02/2009 MYANMAR
Aung San Suu Kyi incontra l’inviato speciale Onu Ibrahim Gambari
14/02/2006 MYANMAR
Myanmar: un altro anno di arresti per l'ottantenne leader democratico Tin Oo
02/10/2009 MYANMAR
Respinto l'appello, Aung San Suu Kyi resta ai domiciliari
23/05/2005 MYANMAR
Ribelli Shan "uniti" contro la giunta militare di Yangon

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate