21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/07/2012, 00.00

    MYANMAR

    Dopo 25 anni di lotta per la democrazia, primo discorso di Aung San Suu Kyi in parlamento



    La leader birmana promette "che farà del suo meglio per il Paese". Il debutto avviene dopo gli arresti arbitrari di studenti in occasione del 50mo anniversario del massacro all'Università di Yangon. Ad affiancare Aung San Suu Kyi in parlamento vi saranno 37 membri della Lega nazionale per la democrazia, eletti in aprile.

    Yangon (AsiaNews/ Agenzie) - Con un discorso alla nazione, Aung San Suu Kyi, storica leader dell'opposizione birmana e premio Nobel per la pace, fa il suo debutto in parlamento, dopo quasi 25 anni di lotta per portare la democrazia nel Paese.

    "Farò del mio meglio per la mia nazione", ha affermato la leader della Lega nazionale per la democrazia, che ha rimandato di una settimana il suo insediamento come parlamentare per riprendersi da un lungo tour in Europa, nel quale ha ritarato anche il premio Nobel assegnatole nel 1991.

    Il debutto di Aun San Suu Koy, giunge in un momento di particolare tensione per il Myanmar che rischia di gettare un'ombra sulle recenti aperture dell'ex giunta militare. Lo scorso 7 luglio, la polizia ha arrestato circa 20 studenti per bloccare una manifestazioni in occasione del 50mo anniversario del massacro di studenti compiuto dal gen. Ne Win. Nello scorse settimane, gli scontri etnico-religiosi fra Rakhine (buddisti) e Rohingya (musulmani) hanno riacceso il dibattito sulla questione delle minoranze, spesso in lotta con il governo di Naypyidaw. Tuttavia, fonti interne al parlamento sottolineano che la presenza della leader dell'opposizione stia portando a un lento cambiamento nel governo e presto molti politici sostenitori della giunta e potrebbero essere sostituiti da riformisti.  

    Aun Sang Suu Kyi sarà affiancata da altri 37 membri della Ndl, eletti lo scorso aprile nelle elezioni per assegnare 48 seggi parlamentari vacanti dal 2010. La "signora" intende continuare la collaborazione con il presidente Thein Sein, che ha permesso di traghettare l'ex Birmania da un ferreo regime militare a una nazione in cui si intravedono spiragli concreti di democrazia, anche se "molto" resta ancora da fare. A tutt'oggi, il parlamento è ancora dai militari e dai loro alleati politici.  

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2012 MYANMAR
    Yangon: centinaia di sostenitori alla candidatura ufficiale di Aung San Suu Kyi
    La leader dell’opposizione inserita nelle liste elettorali. Concorrerà per un seggio in Parlamento nel collegio elettorale di Kawhmu, a sud-ovest di Yangon, una delle zone più colpite dal ciclone Nargis del 2008. Una folla ha osservato le operazioni di rito, rendendo omaggio alla Nobel per la pace.

    02/02/2009 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi incontra l’inviato speciale Onu Ibrahim Gambari
    La leader per la democrazia lascia gli arresti domiciliari per un’ora di colloqui con il rappresentante delle Nazioni Unite. Suu Kyi sottolinea che la visita del segretario generale Onu in Myanmar è “condizionata” alla liberazione dei prigionieri politici. Dalle Nazioni Unite un piano di aiuti economici in cambio di concessioni in tema di democrazia e diritti umani.

    01/04/2016 10:43:00 GIAPPONE – MYANMAR
    La svolta democratica del Myanmar spaventa Tokyo e le sue aziende

    La Lega nazionale birmana per la democrazia ha chiarito che gli investimenti esteri nel Paese dovranno andare “prima di tutto a beneficio del popolo”, ma non ha ancora presentato un vero e proprio piano economico. Dal 2011 le aziende nipponiche in Myanmar si sono moltiplicate, ma ora sembra regnare l’attesa. Il costo della produzione e la situazione dei lavoratori sono il nodo della questione. Gli investitori “vogliono prima di tutto guadagnare. Soltanto in un secondo momento rispettano i diritti umani”.



    14/02/2006 MYANMAR
    Myanmar: un altro anno di arresti per l'ottantenne leader democratico Tin Oo

    Assieme ad Aung San Suu Kyi ha fondato nel 1989 la Lega nazionale per la democrazia.



    02/10/2009 MYANMAR
    Respinto l'appello, Aung San Suu Kyi resta ai domiciliari
    Il tribunale di Yangon conferma la pena inflitta in primo grado. La leader dell’opposizione condannata nell’agosto scorso per aver ospitato un cittadino statunitense in casa sua. Sicurezza rafforzata attorno al tribunale, con reparti antisommossa a protezione dell’edificio.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®